Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La capsula Orion della NASA vola vicino alla Luna

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

La storica missione Artemis I, che invia un veicolo spaziale senza equipaggio in un viaggio senza precedenti attorno alla Luna, è ora all’ultima tappa del suo storico viaggio.

Orion, come viene chiamata la nuova capsula spaziale della NASA, lunedì mattina ha fatto un altro passaggio sulla superficie lunare, catturando viste di importanti siti lunari, tra cui un paio Siti di atterraggio dell’Apollo. Il veicolo spaziale è quindi passato a 80 miglia (128,7 chilometri) sopra la superficie della luna. Secondo volo vicino la luna.

Quindi, Orion ha acceso il suo motore principale per tre minuti e mezzo, la combustione più lunga mai effettuata durante il suo volo. Il burnout del motore ha portato la capsula sulla sua traiettoria finale verso casa, dove ha iniziato l’ultima tappa del suo viaggio di 25 giorni e mezzo.

La missione Artemis I è stata lanciata il 16 novembre, quando era una missione della NASA Intrappolato E il atteso da tempo Un razzo Space Launch System (SLS) ha catapultato la capsula Orion nello spazio, consolidando la sua posizione di veicolo di lancio operativo più potente di sempre. Il razzo SLS ha superato la spinta del razzo Saturn V, che ha portato agli sbarchi sulla luna nel 20° secolo, del 15%.

Orion si è separato dal razzo dopo aver raggiunto lo spazio e da allora ha compiuto un viaggio intorno alla luna. Circa una settimana fa, la capsula è entrata in quella che viene definita una “orbita molto retro” attorno alla luna, permettendole di oscillare per oltre 40.000 miglia (64.374 chilometri) oltre il lato nascosto della luna. questo più lontano di qualsiasi veicolo spaziale Progettato per trasportare esseri umani mai volati.

Il veicolo spaziale è ora impostato per attraversare lo spazio di 238.900 miglia (384.400 chilometri) tra la Luna e la Terra. Si prevede che tornerà nell’atmosfera terrestre l’11 dicembre, un processo che creerà una pressione sufficiente a riscaldare la sua superficie esterna a più di 5.000 gradi Fahrenheit (2.760 gradi Celsius).

Se gli astronauti sono a bordo, saranno protetti da a Scudo termico.

Al rientro, Orion viaggerà a 20.000 mph (32.187 km/h), o più di 26 volte la velocità del suono. Tutta quell’energia verrà dissipata quando la capsula si schianterà nuovamente nella densa atmosfera interna della Terra e quindi rilascerà i suoi paracadute per rallentare ulteriormente la sua discesa prima di schizzare nell’Oceano Pacifico.

Infine, la capsula Orion viaggerà più di 1,3 milioni di miglia nello spazio.

La NASA si sta preparando per questa missione da più di un decennio. Dopo il suo completamento con successo, l’agenzia spaziale prenderà in considerazione la selezione di un equipaggio per pilotare la missione Artemis II, che potrebbe decollare già nel 2024. Artemis II mirerà a inviare astronauti su una traiettoria simile a quella di Artemis I, per volare intorno alla luna ma non atterrare sulla sua superficie.

Ciò potrebbe a sua volta aprire la strada alla missione Artemis III, che è L’uscita è attualmente prevista per il 2025 Si prevede che una donna e una persona di colore verranno poste per la prima volta sulla luna. Segnerà anche la prima visita dell’uomo sulla superficie lunare in mezzo secolo.

Howard Hu, responsabile del programma Orion, ha detto ai giornalisti che le prestazioni della navicella spaziale Orion sono state “eccezionali”. la settimana scorsa.

L’agenzia spaziale ha dovuto risolvere alcuni problemi minori, incluso uno imprevisto Il blackout delle comunicazioni è durato circa un’ora. Ma i funzionari della NASA hanno affermato che non ci sono stati grossi problemi e finora considerano la missione un clamoroso successo.

READ  Le prime immagini del telescopio spaziale Webb della NASA