Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La canzone dei Cure ha ispirato il film italiano e francese La mia estate con Irène

La canzone dei Cure ha ispirato il film italiano e francese La mia estate con Irène

Ascoltare la canzone dei Cure “To Wish Impossible Things” del 1992 è stata una grande ispirazione per il regista italiano Carlo Cerrone per scrivere, con Silvana Tama come co-sceneggiatrice, e dirigere il dramma italo-francese La mia estate con Erin.

“La timida giovane Klara incontra l’energica Irene”, secondo la descrizione della trama sul sito web del Festival internazionale del cinema di Karlovy Vary, dove il film è stato proiettato la settimana scorsa nella sezione “Orizzonti” del festival. “Queste due ragazze con personalità completamente opposte si incontrano durante la loro recente lotta con una malattia che ha cambiato la loro precedente visione della vita nel bel mezzo della loro vulnerabile adolescenza. Quando impulsivamente decidono di trascorrere del tempo al mare, è come se lo fossero in realtà cercando di fermare il tempo.

L’idea è nata in modo del tutto spontaneo. “Il modo in cui questo film è iniziato è un po’ strano per me”, ha detto Cerrone al pubblico del 58esimo Karlovy Vary Film Festival durante una sessione di domande e risposte post-proiezione. Penso che alcune idee arrivino in modo molto logico. Cerchiamo qualcosa, cerchiamo ispirazione o qualcos’altro, [which is what I did] Per il mio film precedente [Sole] Era come un film molto logico, fatto di passaggi sequenziali.

Cosa c’entra allora la rock band inglese e la sua canzone sull’amore perduto e sui sogni perduti con il suo ultimo film? “Fondamentalmente, stavo ascoltando ‘The Cure’ nei titoli di coda appena due settimane prima delle riprese”, il suo primo lungometraggio. Scarpa“Durante quei quattro minuti e mezzo, ho iniziato a vedere molte immagini del film: immagini di Clara, dell’isola, della malattia. Fondamentalmente, ho semplicemente scritto una o due pagine e poi le ho messe in un cassetto.”

READ  Ex presidente del Consiglio italiano, uomini d'affari stanno indagando sull'accordo della Colombia per navi e aerei

Tutto ciò è stata una sorpresa per il regista. Quando finì di lavorare, non sapeva cosa sarebbe successo. Scarpa Tornò agli appunti e alle idee che aveva annotato e realizzò qualcosa. Ha detto al pubblico: “All’inizio non riuscivo a capire perché avevo avuto questa idea. Solo quando ho iniziato a lavorare al film in qualche modo ho riconosciuto in queste due ragazze il carattere di due mie amiche molto care durante il liceo molto legati e avevano un’amicizia forte e speciale. Era la fine di “La loro amicizia è molto drammatica, ma non era legata alla malattia”.

“Quindi per me è stato strano. C’era qualcosa di immaginario… e qualcosa che riguardava la mia memoria e qualcosa di personale. Ho dovuto mescolare le due cose – ha concluso Cerrone – e poi anche intervistare giovani malati”.