Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La banca italiana è crollata per l’esposizione a Verdi e GFG

Una banca italiana è crollata a causa dell’esposizione di Capital e dell’Alleanza GFG nei Verdi, poiché lo shock del fallimento dell’istituto finanziario britannico è stato un altro incidente.

Ijis Banga con sede a Milano, un prestatore specializzato per le piccole e medie imprese, è stato condannato a essere liquidato da una banca italiana durante il fine settimana, mentre il grande Pier Banga Ifis ha acquistato le sue attività e passività a un prezzo indice di 1 euro.

“L’intervento di Bansa eFis aiuta ad evitare le gravi conseguenze sociali ed economiche della situazione che si è creata a Igiz Banga a seguito del passaggio della banca verso i Verdi”, ha detto Frederick Kirtman, CEO di Banga Efis.

Prima del suo crollo a marzo, il gruppo metal di Sanjeev Gupta a Greens prestava denaro ad aziende, inclusa la GFG Alliance, e prendeva fatture in cambio di contanti. I prestiti sono stati poi raccolti in banconote e venduti a banche e altri investitori.

L’alleanza GFG di Gupta ha attirato molti finanziamenti dai Verdi e il crollo dell’istituto finanziario ha spinto la più ampia joint venture sui metalli sull’orlo del baratro.

I mutuatari, compresa la divisione di gestione patrimoniale del Credit Suisse, stanno affrontando enormi perdite mentre GFG ripaga il suo debito nei confronti della società dei Verdi.

Chi conosce l’argomento afferma che i problemi con Igis Banga derivavano dai prodotti di investimento allegati alla fattura acquistata dai Verdi. Ciò include i crediti relativi all’impero del metallo di Gupta, con un documento visto da FT che mostra che la banca è affiliata alla sua attività Liberty Commodities.

L’anno scorso, Gupta ha avviato trattative per acquistare una partecipazione nella società di private equity di maggioranza Metric Capital a Igis Banga, un documento ben noto a chi ha familiarità con la questione e dal controllore finanziario tedesco Buffin.

READ  1-Italy non rinnova i colloqui con i funzionari del governo moderno per ulteriori vaccini COVID-19

Il documento di Buffin mostra che in ottobre i funzionari tedeschi hanno tenuto una teleconferenza con la Banca d’Italia e la Banca centrale europea “in connessione con la pianificazione di Sanjeev Gupta di una partecipazione significativa nella banca GPM italiana” – l’anno prima che il nome precedente di IGs fosse ribattezzato l’ultima volta.

All’epoca, Buffin stava indagando sulla banca a Greens, che ha sede in Germania, concentrandosi sulla sua esposizione di alto livello alle attività di Gupta. La banca è fallita a marzo e le autorità di regolamentazione tedesche hanno presentato una denuncia penale contro la sua direzione per manipolazione del bilancio.

Usando i Greens come fonte di finanziamento, Gupta possedeva la sua banca nel Regno Unito chiamata Wildlands Bank. Quando i Wilds erano sotto pressione e sotto il controllo dei regolatori, stava cercando di guadagnare una partecipazione in IGs.

Violent Bank ha annunciato all’inizio di questo mese che si sarebbe venduta o si sarebbe ferita, rivelando che i suoi conti erano stati ritardati dal rimborso dell’80% del suo portafoglio di crediti. La Banca d’Inghilterra ha ordinato il rimborso dei depositi dei clienti a marzo tra le preoccupazioni per le finanze bancarie di Gupta.

La coalizione GFG di Greensil e Gupta ha rifiutato di commentare.

Banga Ifis ha detto che prenderà in prestito $ 8.298 milioni da Ingas, $ 135 milioni in obbligazioni sovrane italiane e $ 440 milioni nei depositi dei suoi clienti. La banca ha aggiunto che i “titoli legati ai verdi” sono stati esclusi dalla transazione. Anche il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi ha fornito 49 49 milioni a sostegno dell’operazione.

Sebbene i prodotti di investimento acquistati da Igis da Greens siano coperti da polizze assicurative, chi ha familiarità con la questione afferma di non essere ancora stato pagato.

Video: In Greens: The Story of Habris, Hype and Greed