Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L Catterton aggiunge il marchio di lifestyle italiano di lusso Etro alla sua lista in crescita

Dopo quasi 55 anni di attività a conduzione familiare, Etro – il marchio di lusso italiano noto per i suoi motivi cachemire su ricchi tessuti ispirati ai viaggi sulla Via della Seta – guarda al di fuori della famiglia per portare avanti il ​​marchio in 21stradasecolo. Domenica, L Catterton ha rilasciato una dichiarazione che annunciava l’acquisizione del marchio, rendendolo uno degli azionisti di maggioranza. Secondo ReutersFonti che hanno familiarità con l’accordo hanno affermato che L Caterton acquisirà il 60 percento della società in un accordo che dovrebbe essere completato entro la fine dell’anno. Le fonti hanno affermato che l’operazione stimava il valore di Etro in circa 500 milioni di euro, confermando le informazioni pervenute dai quotidiani italiani La Repubblica ed El Sol 24 Or.

Etro non è rimasta solo un’azienda di famiglia, ma all’epoca un’azienda coesa. Fondata nel 1968 come azienda tessile da Girolamo Etro e dai suoi quattro figli Ken, Jacopo, Veronica e Ippolito, Ricopre ruoli chiave nella gestione e negli aspetti creativi del marchio. Fino a questo accordo, Etro era al fianco di Ferragamo come una delle ultime case di lusso a conduzione familiare rimaste. Poteri globali dei beni di lusso per Deloitte 2020 studio mentre Etro non lo ha messo giù.) Gucci e Versace, per citarne alcuni, sono stati reclutati da altri gruppi, Kering e Capri Holdings Limited, Dritto. Girolamo diventerà presidente e i restanti quattro fratelli rimarranno azionisti con una quota del 40%.

Dal punto di vista di L Catterton, considerando un elenco di oltre 200 investimenti dal 1989 e un fondo di 28 miliardi di dollari, si adatta al modello di acquisizioni con un nome forte e un DNA del marchio.

Secondo Robert Burke, consulente al dettaglio e preside, Robert Burke & Co., Etro sta esaminando questi fondi. “Questo è un marchio con un enorme potenziale”, ha detto, riferendosi alla molteplicità di categorie di abbigliamento uomo e donna, accessori, casa, profumo e regali. “È molto identificabile e uno dei pochi marchi che è rimasto puro a vederlo”, ha aggiunto, notando la mancanza di sensibilizzazione, firma o collaborazione con il marchio.

Considera anche l’approccio dell’impresa familiare come una risorsa importante.Sarà difficile avere un’organizzazione a conduzione familiare e questo fa parte dell’appello. C’è un volto che puoi riconoscere attaccato ad esso.” Ha elogiato la loro esperienza di vendita al dettaglio che si è tradotta in acquisizioni immobiliari come l’edificio di Madison Avenue che ospita il negozio e gli uffici di New York.

Tuttavia, vede il supporto di L Catterton per investire adeguatamente nella piattaforma di e-commerce come una spinta necessaria. Ha suggerito: “È fondamentale investire e avere una forte presenza online. I mercati di oggi hanno accelerato così velocemente – in particolare con l’importanza di Cina, Medio Oriente, Messico e Brasile – che non è sufficiente essere digitalmente adeguati”.

Alcuni dei marchi di lusso più noti nel portafoglio di L Catterton includono Baccarat, Piazza Sempione, Giuseppe Zanotti, Gentle Monster e John Hardy. Negli ultimi mesi hanno acquisito Birkenstock, che ha stravolto il suo prodotto con collaborazioni di designer. Il famoso e democratico marchio di lingerie di Rihanna, Savage X Fenty, è stato aggiunto all’elenco all’inizio di quest’anno. Nel 2018, hanno acquisito il marchio di prodotti per la cura della pelle di Jessica Alba, The Honest Co.

A livello di blocco, affermano che marchi come China Bistro Inc. di PF Chang. e Wolfgang Puck Food Company, Inc. , Pizza e ali cotte a carbone di Anthony e Workshop Build-A-Bear. Anche i servizi fitness, medici e tecnici come Classpass e Flash Parking occupano molto spazio nel portafoglio. C’è la speculazione che L Catterton sta anche valutando di portarlo al pubblico, Come riportato da Reuters.

Tra i marchi di lusso e di massa ci sono nomi con un lusso percepito che si sono ampiamente evoluti da quando hanno investito o venduto l’idea di lusso a prezzi ambiziosi. Le prime sono aziende come Equinox e Bliss che una volta erano aziende esclusive di fascia alta che si sono espanse a una fascia demografica più ampia. Quest’ultimo ricorda marchi come Restoration Hardware, Ganni e SMCP, tra cui i marchi di moda francesi Sandro, Maje, Claudie Pierlot e De Fursac che vendono abiti alla moda a prezzi contemporanei e hanno aperto punti vendita in quasi ogni angolo di Parigi. L’aspetto è più lussuoso del prodotto reale ma si adatta al desiderio del consumatore.

La mentalità di quest’ultimo gruppo potrebbe essere una preoccupazione per l’eredità lussuosa di Etro. In alcuni casi, secondo una fonte a conoscenza dell’investimento di L Catterton, lo status di lusso del marchio potrebbe essere compromesso poiché i prodotti artigianali vengono riprodotti in quantità e venduti attraverso punti vendita del gruppo come Costco e programmi di telemarketing come QVC. La percezione del consumatore medio è di lusso, ma in realtà il prodotto finale è stato diluito. Col tempo, questo appanna la reputazione del marchio.

Secondo Statista, Rapporto pubblicato a giugno 2020 Ha mostrato anni consecutivi di perdite dal 2016 al 2018; In totale, la perdita netta di quegli anni è stata di 31,2 milioni di euro. Nella dichiarazione rilasciata da L Catterton, Etro trarrà vantaggio dalla “profonda esperienza di investimento di L Catterton, conoscenza della categoria, approfondimenti sui consumatori e relazioni strategiche con LVMH e preparerà Etro a una crescita significativa”. Gli obiettivi specifici includono la crescita della base di clienti raggiungendo la generazione più giovane, rafforzando la sua presenza digitale, guidando l’espansione globale e concentrandosi su opportunità critiche in Asia. Con un fondatore che sta invecchiando e pesanti perdite, ha sicuramente senso trovare un partner per guidare la fase successiva, e L Catterton porta i fondi per farlo.

READ  Funziona davvero il regionalismo italiano?