Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

JWST batte il record per le galassie più distanti mai scoperte: ScienceAlert

È stato confermato che la luce che ha viaggiato per più di 13,4 miliardi di anni per raggiungere le nostre vicinanze dallo spazio ha avuto origine dalla galassia più antica e distante mai scoperta.

Questo colloca il più lontano di questi quattro oggetti molto piccoli all’alba dell’universo, poco dopo il Big Bang, un periodo di tempo in cui l’universo era ancora nebuloso e torbido e i primi raggi di luce penetravano nell’oscurità.

molto dettagliato JWSTLe lunghe osservazioni spettroscopiche dei ricercatori indicano che i ricercatori possono non solo misurare la distanza percorsa dalla luce di queste galassie, ma anche dedurre alcune proprietà delle galassie.

“Per la prima volta, abbiamo scoperto le galassie solo 350 milioni di anni dopo il Big Bang, e possiamo essere assolutamente fiduciosi delle loro fantastiche distanze”, dice l’astronomo Brant Robertson dell’Università della California Santa Cruz.

“Trovare queste prime galassie in immagini così straordinariamente belle è un’esperienza speciale”.

Essere in grado di scrutare l’universo molto prima di quanto abbiamo mai visto prima era una delle più grandi speranze per JWST. La nostra comprensione del primo miliardo di anni dopo il Big Bang è molto limitata e trovare corpi precedenti e primi può aiutare a far luce su questo momento cruciale della formazione.

La regione dello spazio esaminata, con luci blu, rosse e verdi che rappresentano specifiche lunghezze d’onda. (temporale/esa/web/nasa/csa)

Abbiamo modelli che descrivono come si svolgono gli eventi. Pensiamo che prima che nascessero le prime stelle, l’universo fosse pieno di materia opaca; Qualsiasi luce diffusa da elettroni liberi e incapace di fluire liberamente.

Queste particelle si combinano gradualmente per formare idrogeno neutro; Quando le stelle iniziarono a formarsi, ionizzarono l’idrogeno e la luce si accese. Questo processo è stato completato circa un miliardo di anni dopo l’emergere dell’universo.

READ  Argentina, Nepal e altri stanno assistendo a un rapido aumento in casi come l'India

La luce emessa da questi oggetti è molto debole, avendo viaggiato da un luogo molto lontano. Poiché l’universo si è espanso, si è notevolmente esteso all’estremità più lunga e più rossa dello spettro, un fenomeno noto come spostamento verso il rosso.

Il JWST è il telescopio più potente mai lanciato nello spazio, specializzato nell’infrarosso e nel vicino infrarosso ed è progettato per rilevare questa luce rossa scorrevole, al meglio delle nostre capacità.

Per ottenere un redshift confermato, la luce deve essere scomposta nelle sue lunghezze d’onda componenti, una tecnica nota come spettroscopia. Un team di ricercatori ha diviso la luce dalla NIRCam di JWST in nove bande di lunghezza d’onda, concentrandosi su quattro galassie ad alto redshift, due delle quali sono state identificate per la prima volta da Hubble.

I nuovi dati JWST confermano che queste due galassie sono davvero tra le galassie più distanti mai scoperte e che le altre due sono più lontane.

“Era molto importante dimostrare che queste galassie abitassero davvero l’universo primordiale. È molto probabile che galassie ancora più vicine si siano camuffate da galassie molto distanti”. dice l’astronomo Emma Curtis Lake presso l’Università di Hertfordshire nel Regno Unito.

“Vedere lo spettro dispiegarsi come speravamo, confermando che queste galassie sono al vero limite della nostra vista, e alcune sono più lontane di quanto Hubble possa vedere! È un’impresa molto eccitante della missione”.

Posizioni di quattro galassie. (NASA, ESA, CSA, M. Zamani/ESA/Webb, Leah Hostack/STScI)

Le due galassie di Hubble hanno spostamenti verso il rosso di 10,38 e 11,58. Le nuove scoperte JWST hanno spostamenti verso il rosso di 12,63 e 13,20, quest’ultimo equivalente a circa 13,5 miliardi di anni luce di distanza.

READ  La NASA ha 10 nuovi astronauti e non avrebbero potuto unirsi in un momento migliore

Altri candidati per i primi turni rossi sono attualmente sotto inchiesta, ma non ancora confermati. Dal momento che JWST non è stato pubblicato per sei mesi, probabilmente non passerà molto tempo prima che il record venga battuto.

Ma nel frattempo c’è molto da fare. Le osservazioni che ci sono state fornite da queste galassie lontane come parte dell’Advanced Deep Extragalactic Survey (JADES) di JWST hanno raccolto un totale di 28 ore di dati da una regione dello spazio dentro e intorno alla famosa regione. Il campo ultraprofondo di Hubble.

Questa luce sarà in grado di dirci molto sulle condizioni dell’universo primordiale e su come si sono formate le prime stelle e galassie.

“Usando queste misurazioni, possiamo scoprire la luminosità intrinseca delle galassie e scoprire quante stelle hanno”. Robertson dice.

“Ora possiamo iniziare a mappare come le galassie si uniscono nel tempo”.

I ricercatori presenteranno i loro risultati a STScI Primi risultati scientifici da JWST cospirazione. La mia carta può essere letta prima della stampa quaggiù E il quaggiù.