Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Julian Assange vince il diritto di ricorrere in appello contro la sua estradizione negli Stati Uniti | Giuliano Assange

Julian Assange vince il diritto di ricorrere in appello contro la sua estradizione negli Stati Uniti |  Giuliano Assange

Julian Assange ha ottenuto il permesso di presentare un nuovo ricorso contro la sua estradizione negli Stati Uniti con l’accusa di aver divulgato segreti militari, e potrà contestare le affermazioni dei funzionari statunitensi su come si è svolto il processo lì.

Due giudici hanno rinviato a marzo la decisione sulla possibilità che Assange, che sta cercando di evitare il processo negli Stati Uniti con l’accusa di spionaggio legata alla pubblicazione di migliaia di documenti segreti e diplomatici, possa trasferire il suo caso a un’altra udienza di appello.

In quell’occasione, Dame Victoria Sharp e il giudice Johnson stabilirono che avrebbe potuto ricorrere in appello contro l’estradizione per tre motivi, a meno che gli Stati Uniti non avessero fornito garanzie “soddisfacenti”.

Le garanzie richieste erano consentirgli di fare affidamento sul Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che protegge la libertà di espressione; che non sarebbe stato “pregiudicato durante il processo” a causa della sua nazionalità; La pena di morte non verrà imposta.

Sua moglie e i suoi sostenitori hanno emesso sussulti di sollievo presso l’Alta Corte di Londra lunedì dopo che i giudici gli hanno concesso il permesso di ricorrere in appello contro la sua estradizione sulla base della compatibilità dell’estradizione con il diritto alla libertà di espressione ai sensi della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. , che è considerato funzionalmente equivalente al Primo Emendamento degli Stati Uniti, e sulla base del fatto che potrebbe essere soggetto a pregiudizi durante il processo o la punizione a causa della sua nazionalità.

I giudici hanno accettato che esistesse un caso discutibile secondo cui avrebbe potuto essere discriminato, dopo che è stato detto loro che il procuratore generale degli Stati Uniti aveva affermato che il Primo Emendamento potrebbe non applicarsi agli stranieri quando si tratta di questioni di sicurezza nazionale.

READ  Le migliori università di Sydney regrediscono nel QS World Rankings 2023

La squadra di Assange non si è opposta all’affermazione degli Stati Uniti secondo cui non avrebbero chiesto la pena di morte, accettando che si trattasse di una “promessa inequivocabile dell’esecutivo”. Ma hanno affermato che la situazione era diversa per quanto riguarda la garanzia che un editore nato in Australia potesse richiedere le stesse protezioni della libertà di parola del Primo Emendamento di un cittadino statunitense.

Edward Fitzgerald KC, rappresentante di Assange, ha affermato che i problemi riguardanti le garanzie fornite dagli Stati Uniti sono “molte sfaccettature” e non escludono la possibilità di una sentenza di un tribunale statunitense secondo cui il fondatore di WikiLeaks, in quanto straniero, non era titolare dei diritti del Primo Emendamento.

La garanzia non era che Assange potesse “fare affidamento” sui suoi diritti derivanti dal Primo Emendamento, ma piuttosto “semplicemente che potesse cercare di revocarli”, ha detto Fitzgerald.

L’avvocato di Assange ha anche sottolineato quello che ha descritto come “silenzio assordante” da parte dei pubblici ministeri statunitensi, tra cui Gordon Cromberg, assistente procuratore statunitense per il distretto orientale della Virginia, dove Assange sarà processato.

“Le promesse specifiche da parte dei pubblici ministeri sono molto comuni”, ha detto Fitzgerald. “Non ci opporremo alla liberazione su cauzione. Non chiederemo la pena di morte come in questo caso. Qui non è stata fornita alcuna garanzia specifica.”

JAMES LEWIS KC, rappresentante degli Stati Uniti, ha affermato che i giudici dovrebbero farlo “Non lasciatevi ingannare dall’approccio attraente e semplicistico” adottato dal team legale di Assange.

Ha aggiunto che la cittadinanza di Assange non influenzerebbe un giusto processo negli Stati Uniti, ma la condotta di cui è stato accusato non è protetta dal Primo Emendamento.

READ  Il principe William, le foto di skateboard di famiglia di Kate Middleton ti scioglieranno il cuore: rimbalza

“La posizione del Procuratore degli Stati Uniti è che nessuna persona, né cittadini statunitensi né cittadini stranieri, ha il diritto di fare affidamento sul Primo Emendamento per quanto riguarda il rilascio di informazioni di difesa nazionale ottenute illegalmente che nominano fonti innocenti di pericolo serio e imminente”, ha aggiunto in osservazioni scritte.

“Questo principio si applica allo stesso modo ai cittadini statunitensi e ai cittadini non statunitensi, indipendentemente dalla loro cittadinanza, o luogo di nascita, e indipendentemente dal luogo in cui si è verificata la condotta, anche se in definitiva è una questione di legge per i tribunali statunitensi. La condotta in questione è semplicemente non protetto dal Primo Emendamento”.

Salta la precedente promozione della newsletter

Il suo team legale ha detto che Assange non è comparso in tribunale per motivi di salute, ma tra i presenti c’erano sua moglie Stella e suo padre John Shipton.

Parlando ai sostenitori fuori dalla Corte Suprema dopo l’udienza, Stella Assange ha detto che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden “sta finendo il tempo per fare la cosa giusta” e abbandona il procedimento legale contro suo marito.

“Siamo sollevati come famiglia che i tribunali abbiano preso la decisione giusta oggi, ma per quanto tempo potrà continuare tutto questo? Il nostro figlio maggiore ha appena compiuto sette anni”, ha detto.

“Tutti i loro ricordi del padre sono nel parlatorio della prigione di Belmarsh e, man mano che il caso va avanti, diventa chiaro a tutti che Julian è in prigione a causa del suo buon lavoro giornalistico, denunciando la corruzione e denunciando gli abusi contro persone innocenti.” Le persone sono coinvolte in guerre violente, i cui autori rimangono impuniti”.

Il caporedattore di WikiLeaks, Kristin Hrafnsson, ha detto dopo la sentenza che c’era un “ultimo barlume di speranza” per Assange, e che i suoi avvocati avrebbero dovuto decidere se anche loro volevano spingere per il suo rilascio martedì. Cauzione.

Assange è stato accusato di 17 capi d’imputazione di spionaggio e uno di uso improprio del computer, che lo espone a una pena detentiva fino a 175 anni, a causa della pubblicazione sul suo sito web di un gruppo di documenti americani segreti circa 15 anni fa.

I pubblici ministeri statunitensi sostengono che Assange (52 anni) abbia incoraggiato e aiutato l’analista dell’intelligence dell’esercito Chelsea Manning a rubare dispacci diplomatici e documenti militari pubblicati da WikiLeaks, mettendo in pericolo la vita delle persone.