Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Julian Alphilippi punta ai titoli mondiali consecutivi

Julian Alfelipe festeggia mentre si dirige verso il traguardo per vincere la gara elite maschile.

Olivier Matisse/AFP

Julian Alfelipe festeggia mentre si dirige verso il traguardo per vincere la gara elite maschile.

Julian Alaphilippe ha confermato la sua reputazione come uno dei più grandi showman del ciclismo con un’altra audace dimostrazione di stile offensivo che lo ha aiutato a vincere il secondo oro consecutivo ai Campionati del mondo su strada di domenica.

Su un percorso impegnativo, il 29enne francese ha attaccato senza sosta e ha compiuto i passi decisivi su una ripida salita per sfuggire a un gruppo di rinnegati 17 chilometri da tagliare.

Poi Alaphilippe si è preso tutti i rischi tra curve tecniche e brevi rampe sparse sul traguardo per conservare la maglia iridata del campione del mondo conquistato lo scorso anno in Italia.

Sky Sport

Il francese Julien Alaphilippe torna in lizza per i mondiali su strada.

Alaphilippe ha deluso le speranze dei fan belgi di vedere il favorito Wout van Aert vincere in casa e ha ricevuto alcuni fischi mentre correva verso il traguardo. Sulla sua strada sono stati lanciati anche alcuni insulti.

Per saperne di più:
*Il ciclista veterano Jack Bauer non morirà meravigliato al Campionato del mondo su strada
* Ella Harris soddisfatta del risultato dopo la frenetica fine dei Mondiali
* Il campione del mondo Julian Alaphilippe si schianta contro una moto al Giro delle Fiandre

Alaphilippe ha dichiarato: “Molti tifosi erano così attratti dal Belgio e da Van Aert, che mi hanno chiesto di rallentare. Alcune delle loro parole non sono state sempre molto gentili. Voglio ringraziarli perché mi hanno fatto venire voglia di fare di più”.

READ  Oltre la Ferrari SF90 che si è schiantata: ecco la flotta di João Adibe Marques

Il pilota olandese Dylan van Barel è arrivato secondo, 32 secondi dietro al comando, davanti al danese Michael Valgren.

I quattro cavalieri della Nuova Zelanda; Non è finito Jack Bauer, Shane Archbold, Tom Scully e Conor Brown.

“Non siamo stati molto fortunati oggi”, ha detto il direttore sportivo Craig Jeter. “Il piano era che Shane se ne andasse con una pausa e l’ha appena mancata. Tom era una chiave per noi ma è stato colpito da un passeggero posteriore e quando abbiamo preso una nuova moto aveva perso molto tempo per guidare. “

Julian Alphilippi ha fatto la sua mossa a 17 chilometri dalla fine.

Olivier Matisse/AFP

Julian Alphilippi ha fatto la sua mossa a 17 chilometri dalla fine.

“Connor è un nuovo giovane pilota che ha fatto bene nella sua prima stagione al WorldTour. Le sue gambe hanno corso dopo 140 km ma ha fatto il suo lavoro. Siamo partiti con Jack che sta vivendo una grande stagione. È sceso in fondo al gruppo di testa per smistare il suo cibo e in quel momento il gruppo si è diviso e non è riuscito a tornare in testa”.

Il circuito di 268 chilometri che è iniziato ad Anversa e si è concluso a Lovanio ha portato i ciclisti attraverso la regione belga delle Fiandre, appassionata di ciclismo, con migliaia di fan lungo le strade. La pista è passata più volte tra due circuiti che presentano innumerevoli salite brevi e potenti e numerosi settori acciottolati adatti agli specialisti delle classiche di un giorno.

I belgi erano i favoriti prima della gara con una squadra composta dal versatile Van Aert e dall’astro nascente Remko Evenbeuil insieme a tutti i giocatori esperti che sono abituati alle classiche gare che si svolgono in Belgio ogni anno.

Conosciuto come “The Tractor” per il suo enorme assorbimento di potenza, il belga Tim Declercq e il compagno di squadra Yves Lampaert hanno preparato il terreno per Van Aert, alternandosi davanti nel tentativo di creare spaccature e abbattere il maggior numero possibile di concorrenti. La strategia ha dato i suoi frutti quando una lunga lista di top rider si è ritirata e il pacchetto principale è stato ridotto a 17 contendenti alla fine.

La gara è stata segnata da una collisione che ha coinvolto tre top rider nelle sue fasi iniziali quando l’italiano Matteo Trentin, l’ex campione del mondo Mads Pedersen e l’italiano David Ballerini si sono scontrati a 186 chilometri di distanza. Pedersen si stava guardando alle spalle per chiamare la sua vettura del team quando ha urtato la Ballerini e la Trentin e non hanno potuto evitare di schiantarsi.

Tutti e tre i piloti sono riusciti a riprendere la gara ma poi l’hanno lasciata.

Inaspettatamente, i francesi hanno spostato la corsa di oltre 180 chilometri, con successivi attacchi di Anthony Torges e Benoit Cosnefroy che hanno aperto un varco e costretto i rivali italiani a scavare a fondo nelle loro risorse materiali per organizzare l’inseguimento.

Julian Alaphilippe è stato raggiunto sul podio dall'olandese Dylan van Barley e dal danese Michael Valgren Hundal.

Olivier Matisse/AFP

Julian Alaphilippe è stato raggiunto sul podio dall’olandese Dylan van Barley e dal danese Michael Valgren Hundal.

Il tedesco Nils Polit in seguito attaccò e causò un’altra spaccatura quando un gruppo di 11 passeggeri provenienti da 11 paesi diversi, tra cui Evenbühl e Van Barel, se ne andò. Nelle retrovie, Van Aert e Alaphilippe hanno spinto forte per colmare il divario prima dell’ultima salita dell’impegnativa collina di Smeysberg.

Alaphilippe ha attaccato vicino alla vetta ed è andato lontano con il velocista italiano Sonny Colbrelli.

Gli sforzi del francese non sono stati immediatamente fruttuosi, anche se Colberelli non è stato in grado di fornire assistenza. Determinato a evitare di porre fine al nemico, Alaphilippe ha attaccato di nuovo a 21 chilometri dalla fine, ma i suoi avversari lo hanno tenuto d’occhio e hanno risposto con facilità. Ha fatto una mossa simile pochi chilometri dopo, e questa volta ha pagato.

“A un certo punto gli ho chiesto di seguire gli attacchi e reagire al contrario”, ha detto il Ct della Francia Thomas Voeckler. Ha fatto l’attacco da solo più volte. Ha lasciato parlare il suo istinto”.