Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Jeremy Kurtz-Harris al passo con l’occasione, suona il concerto per basso di tango con la San Diego Symphony

Jeremy Kurtz-Harris al passo con l'occasione, suona il concerto per basso di tango con la San Diego Symphony

Consideriamo Contrabbasso, un fedele servitore dell’orchestra. Capace di suonare alcune delle note più basse in un’orchestra, fornisce profondità e migliora l’armonia cromatica rafforzando il violoncello, i fiati bassi e/o gli ottoni.

Raramente è chiamato a suonare una linea principale. In passato, veniva spesso data una melodia di effetto comico o grottesco, come l’elefante goffo nel “Carnevale degli animali” per Saint-Saine.

Nel terzo movimento della Sinfonia n. 1 di Mahler, l’assolo di basso “Frere Jack” geme in tono minore per rappresentare uno strano corteo funebre. (Oggi i chitarristi possono suonare magnificamente, ma nel 1888 Mahler predisse che sarebbe suonata come una distorsione.)

I compositori del XX secolo hanno approfittato della maggiore tecnica di contrabbando per comporre parti più elaborate, ma nessuno dei migliori ha composto il concerto per basso. Il defunto grande Christopher Ross, che ha scritto concerti di successo per 12 strumenti diversi, ha ritirato il suo concerto per basso nel 1985, insoddisfatto del suo lavoro.

Questo secolo ha visto un singolo concerto ben accolto dal bassista Edgar Mayer nel 2002. John Harbison ha scritto un bel concerto per violino basso dal 2006 al 2008 e ha goduto delle esibizioni di 16 diverse orchestre e solisti, ma da allora pochi lo hanno fatto.

Andres Martin

(Jimmy Lazzaro)

L’ultimo concorrente è 2012 Concerto per contrabbasso di Andres Martin n. 1. Presentato da Jeremy Kurtz Harris e dalla San Diego Symphony mercoledì sera al California Center for the Arts, Escondido.

Kurtz-Harris è il basso principale di Symphony e uno dei 15 solisti originali a co-comporre ed eseguire il concerto di Harbison. Ha affrontato brillantemente le sfide del concerto di Martín, girando la cantellina nel registro acuto dei suoi strumenti, raccogliendo armoniche che suonavano come campane e segando sequenze vocali su e giù per le quattro corde.

READ  Happy Trails Parade, Street Fair e Classic Car Show tornano ad Apple Valley

Martín è un bassista che conosce bene le capacità del suo strumento e l’ha usato alla perfezione nel suo concerto. Uno dei problemi più difficili da risolvere per qualsiasi compositore che scrive per basso e orchestra è assicurarsi che il solista non sia sopraffatto e che le melodie di Martin siano sempre chiaramente udibili.

Ho scoperto l’allergia di Astor Piazzolla durante i tre movimenti di lavoro. Martin, che vive a Tijuana, è originario di Buenos Aires. Ma il nuevo tango, di cui Piazzola era un praticante, potrebbe aver avuto un’influenza sul giovane argentino tanto naturale quanto il jazz o il rock per un americano contemporaneo.

Il concerto di Martín si è aperto con violino, violino e violoncello disegnando dolcemente archi sulle loro corde, producendo un silenzioso fischio. Inoltre, Kurtz-Harris ha suonato una melodia drammatica e la forte punteggiatura orchestrale ha dato origine alla poeticità cromatica degli archi. Il lavoro si è poi spostato sulla musica con un sapore di tango tonalmente accessibile. Alla fine del secondo movimento, la caduta dei glissando negli archi ha portato a un accumulo paradossale, lasciando il posto alla melodia lussureggiante.

Vorrei che Martin avesse scoperto di più questi oggetti avventurosi, o almeno li avesse messi uno accanto all’altro un paio di volte. Non è un’opera formalmente coerente come il concerto di Edgar Mayer, ma gli ascoltatori si sono divertiti. Il compositore era in sala e ricevette un caloroso benvenuto.

Amkosh Bahl, direttore d'orchestra

Ankush Kumar Bahl, Direttore Musicale della Omaha Symphony

Ankush Kumar Bahl, direttore della musica alla Omaha Symphony, si è esibito come ospite. Nel secondo movimento, ha evocato uno strimpellamento molto espressivo degli archi.

READ  Luca Guadagnino: An Timeless Imperative - TLmagazine Magazine

Il programma si è aperto con una folgorante interpretazione del prequel rossiniano de “L’Italiana in Algeri”, con il meraviglioso contributo dell’oboista Sarah Sexter e della clarinettista Cheryl Rink.

Il secondo tempo ha visto un’esecuzione leggera ma motivata della Sinfonia n. 4 di Mendelssohn, “Italiana”. Gli archi erano sottili, anche ai tempi più veloci, e il vento stava affondando, cinguettava e cinguettava, con gli eccitanti richiami delle trombe.

È stata una serata esaltante, come molti altri concerti della San Diego Symphony in questa stagione.

Herzog è uno scrittore freelance.