Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Jamie Oliver recupera 2,4 milioni di sterline dal crollo di un impero di ristoranti

Il famoso chef Jamie Oliver ha recuperato 2,4 milioni di sterline dal crollo dell’impero della ristorazione italiana, rivelano i documenti aziendali, poiché i fornitori della catena sono costretti a ingoiare decine di milioni di sterline di perdite.

I documenti rilasciati da Interpath al termine del processo amministrativo mostrano che la holding di Mr Oliver ha ricevuto ulteriori £ 580.000 tra lo scorso novembre e questo mese. Ciò porta l’importo totale pagato a Jamie Oliver Holdings, una società a maggioranza di proprietà del signor Oliver, a 2,4 milioni di sterline.

Interpath ha affermato che si trattava di una “deficit significativa” nell’importo dovuto al signor Oliver, che ha speso 25 milioni di sterline nel tentativo di salvare la catena italiana nel 2019.

Tuttavia, i fornitori della catena hanno sopportato il peso maggiore delle perdite. L’italiana Jamie doveva circa 85 milioni di sterline quando è fallita, inclusi 21 milioni di sterline di debiti verso un gruppo di creditori tra cui produttori alimentari e consigli del Regno Unito.

Jamie Oliver Holdings è stata classificata come creditore garantito, a differenza di quelle altre società, ed è stata quindi garantita a ricevere una parte del debito nei suoi confronti.

I creditori chirografari, inclusi fornitori e consigli, hanno ricevuto solo £ 520.000 dei £ 21 milioni che dovevano.

Uno dei suoi fornitori, Direct Metz, ha precedentemente descritto di sentirsi “estremamente deluso dalle società che entrano in gestione”. I documenti dello scorso luglio, prima che Interpath chiedesse ai creditori di specificare le loro richieste, indicavano che almeno un fornitore di prodotti alimentari doveva circa 800.000 sterline.

Il gruppo di Jamie Oliver ha rifiutato di commentare.

READ  L'Italia deve entrare nel XXI secolo

Il crollo del ristorante italiano Jamie’s è arrivato in mezzo a una flessione nel settore della ristorazione informale, dove altre aziende come Gaucho, Byron e Gourmet Burger Kitchen hanno lottato.

La catena italiana Jamie Oliver ha attraversato un doloroso processo di ristrutturazione che ha svuotato posizioni non redditizie, cercando di rimanere a galla. Tuttavia, quando è crollato, ha perso quasi 1.000 posti di lavoro, con la chiusura di 22 dei 25 ristoranti del Regno Unito che Oliver ha descritto come “la cosa più difficile che abbia mai dovuto fare”.

Il signor Oliver ha detto in quel momento: “Sono estremamente rattristato per questo risultato e vorrei ringraziare tutti i nostri dipendenti e fornitori che hanno messo il cuore e l’anima in questo lavoro per oltre un decennio. Apprezzo quanto sia stato difficile per questo tutti colpiti”.

I restanti tre ristoranti nel Regno Unito – all’aeroporto di Gatwick – sono stati acquistati da SSP fuori gestione.

Da allora Oliver ha suggerito che potrebbe cercare di far rivivere il suo impero di ristoranti nel Regno Unito, dicendo a Times Radio l’anno scorso: “Sto guardando ora ma tornerò sicuramente in gioco”.

La notizia che il processo di gestione italiano di Jamie si è concluso arriva settimane dopo che Oliver si è ritrovato al centro di una lite sul costo della vita. Ha affermato che il governo stava usando l’attuale pressione sull’ingresso della famiglia come “scusa” per ritardare il trattamento dell’obesità.

All’inizio di questo mese, Oliver ha organizzato una protesta fuori Downing Street, criticando la decisione del governo di fermare il divieto di “comprare uno, prendi uno gratis” (Bogoff) fast food.

READ  CNH vede aumentare le entrate fino al 2024 poiché il nuovo piano si concentra sull'agricoltura di precisione

“Se le persone possono risparmiare sulle bollette alimentari con qualche offerta, penso che dobbiamo essere flessibili mentre continuiamo ad affrontare l’obesità”, ha detto Boris Johnson della mossa.

Oliver ha affermato che le esibizioni di Bogov non aiutano i budget familiari. “Questo particolare meccanismo fa sì che le persone spendano di più del loro reddito e sprechino di più”, ha detto Oliver. “Usare il costo della vita come scusa è sbagliato, è totalmente ingiusto”.

Tuttavia, i critici hanno affermato che molte persone dipendono da tali accordi per nutrirsi, con dati di Kantar che mostrano che più di un quinto dei britannici sta lottando per sbarcare il lunario. Alcuni articoli sono aumentati di prezzo di oltre 20 pezzi.