Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

James Bardeen, un esperto nella risoluzione delle equazioni di Einstein, è morto all’età di 83 anni

James Bardeen, che ha contribuito a chiarire le proprietà e il comportamento dei buchi neri, aprendo la strada a quella che è stata chiamata l’età d’oro dell’astrofisica dei buchi neri, è morto il 20 giugno a Seattle. Aveva 83 anni.

Suo figlio William ha detto che la causa era il cancro. Il dottor Bardeen, professore emerito di fisica all’Università di Washington, viveva in una casa di cura a Seattle.

Il dottor Bardeen era un discendente di una famosa famiglia di fisici. Suo padre è Giovanni Vinse due volte il Premio Nobel per la Fisicaper l’invenzione del transistor e la teoria della superconduttività; suo fratello, Williamesperto di teoria quantistica presso il Fermi National Accelerator Laboratory in Illinois.

Il dottor Bardeen era un esperto nella risoluzione di equazioni della teoria della relatività generale di Einstein. Questa teoria attribuisce ciò che chiamiamo gravità alla curvatura dello spaziotempo con materia ed energia. La sua conseguenza più misteriosa e inquietante è stata la possibilità di buchi neri, luoghi così densi da diventare infinite rampe di uscita a senso unico dall’universo, ingoiando anche luce e tempo.

Il Dr. Bardeen troverà il lavoro della sua vita indagando su quei misteri, così come sui misteri correlati sull’evoluzione dell’universo.

ha detto Michael Turner, cosmologo e professore emerito all’Università di Chicago, che ha descritto il dottor Bardeen come un “gigante gentile”.

James Maxwell Bardeen è nato a Minneapolis il 9 maggio 1939. Sua madre, Jane Maxwell Bardeen, era una zoologa e insegnante di scuola superiore. Dopo gli affari di suo padre, la famiglia si trasferì a Washington, DC; Al vertice, NJ; Poi a Champaign-Urbana, Illinois, dove ti laurei Laboratorio della High School dell’Università dell’Illinois.

READ  I dati di Hubble mostrano che sta accadendo "qualcosa di strano".

Ha frequentato l’Università di Harvard e si è laureato in fisica nel 1960, nonostante il consiglio del padre che la biologia fosse l’onda del futuro. “Tutti sanno chi è mio padre”, ha detto in un’intervista di storia orale registrata dall’Università Federale del Paraguay nel 2020, aggiungendo che non sentiva il bisogno di competere con lui. “Comunque era impossibile”, ha detto.

Lavoro sotto la supervisione di un fisico Richard Feynman E un astrofisico William Fowler (che sarebbero diventati entrambi premi Nobel), il Dr. Bardeen ha ricevuto il suo dottorato di ricerca. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso il California Institute of Technology nel 1965. La sua tesi riguardava la struttura delle stelle supermassicce milioni di volte la massa del Sole. Gli astronomi iniziano a sospettare che siano la fonte delle enormi energie dei quasar rilevate nei nuclei di galassie lontane.

Dopo aver ricoperto incarichi post-dottorato presso il California Institute of Technology e l’Università della California, Berkeley, è entrato a far parte del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Washington nel 1967. Escursionista e alpinista entusiasta, è stato attratto dalla scuola dal suo facile accesso al all’aperto.

A quel punto, che premio Nobel Capo Thorne, professore al California Institute of Technology, osserva che l’età d’oro della ricerca sui buchi neri era in pieno svolgimento e il dottor Bardeen è stato coinvolto in incontri internazionali. In uno, a Parigi nel 1967, incontrò Nancy Thomas, un’insegnante di scuola superiore del Connecticut che stava cercando di migliorare il suo francese. Si sono sposati nel 1968.

Oltre a suo figlio William, vicepresidente senior e chief strategy officer della The New York Times Company, e suo fratello William, la moglie del dottor Bardeen, gli sopravvive, insieme a un altro figlio, David, e due nipoti. La sorella Elizabeth Gretke è morta nel 2000.

a lui attribuito…Eduardo Braniff

Il dottor Bardeen era un membro della National Academy of Sciences così come suo fratello e suo padre.

READ  Il perseverante rover arriva nell'antico delta marziano

Sebbene fosse veloce in matematica, il dottor Bardeen non scriveva più velocemente di quanto parlasse. William Price, un ex studente del dottor Thorne ora all’Università del Texas, ricorda di essere stato mandato a Seattle per finire un articolo che il dottor Bardeen avrebbe dovuto scrivere. Niente è scritto. La moglie del dottor Bardeen ha quindi ordinato ai due di sedersi alle estremità opposte del divano con un lenzuolo. Il dottor Bardeen scriveva una frase e passava il foglio al dottor Press, che lo rifiutava o lo acconsenteva e poi rimetteva a posto il cuscino. Il dottor Bryce ha detto che ogni frase richiedeva alcuni minuti. Ci vollero tre giorni, ma il foglio era scritto.

Uno dei momenti storici di quegli anni fu la “Summer School” di un mese a Les Hoechs, in Francia, nel 1972 che includeva tutti gli eminenti scienziati dei buchi neri. Il dottor Bardeen era uno dei sei relatori invitati. Fu durante quell’incontro Stephen Hawking dell’Università di Cambridge e Brandon Carterora dell’Osservatorio di Parigi, ha scritto un documento fondamentale intitolato “Le quattro leggi della meccanica dei buchi neri”, che è diventato un trampolino di lancio per il lavoro futuro, inclusi i sorprendenti calcoli del Dr. Hawking secondo cui i buchi neri possono fuoriuscire e alla fine esplodere.

In un altro famoso resoconto quello stesso anno, il dottor Bardeen dedusse la forma e le dimensioni dell'”ombra” di un buco nero vista contro un campo di stelle lontane – un cerchio di luce che circonda lo spazio oscuro.

Il dottor Thorne ha detto che la forma è stata resa famosa dalle osservazioni del telescopio Event Horizon dei buchi neri nella galassia M87 e al centro della Via Lattea, e dalle visualizzazioni nel film “Interstellar”.

READ  La Cina sta costruendo un satellite - RT World News

La cosmologia era tra gli altri interessi del dottor Bardeen. In un articolo del 1982, lui, il dottor Turner e Paul Steinhardt di Princeton descrissero come le fluttuazioni submicroscopiche della materia e della densità di energia nell’universo primordiale sarebbero cresciute e avrebbero dato origine allo schema delle galassie che vediamo oggi nel cielo.

Il dottor Turner ha detto: “Jim era contento che avessimo usato le sue formalità, ed era sicuro che avessimo fatto bene”.

Il dottor Bardeen si trasferì alla Yale University nel 1972. Dopo quattro anni, insoddisfatto della burocrazia accademica in Oriente e di nuovo ansioso all’estero, tornò all’Università di Washington. In pensione nel 2006.

Ma non ha smesso di funzionare. Il dottor Thorne ha raccontato una recente conversazione telefonica in cui hanno ricordato le escursioni e le gite in campeggio che facevano con le loro famiglie. Nella stessa conversazione, il dottor Bardeen ha descritto gli ultimi pensieri che ha avuto su cosa succede quando un buco nero evapora, notando che potrebbe trasformarsi in un buco bianco.

“Questo era un aspetto di Jim in poche parole, pensare profondamente alla fisica in nuovi modi creativi fino alla fine della sua vita”, ha scritto il dottor Thorne in una e-mail.