Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Italia sindacati Stellandis, aumento salari Ferrari dell’8% entro il 2023

  • Nelle trattative partecipano anche Iveco e CNH Industrial
  • I sindacati chiedono un aumento salariale del 4,5% nel 2024 e del 2,5% nel 2025.
  • Le richieste possono essere riviste sulla base di stime di inflazione

MILANO/ROMA, 10 ott. (Reuters) – I sindacati italiani hanno chiesto un aumento salariale dell’8,4% per il prossimo anno per coprire l’aumento dell’inflazione, mentre si preparano ai colloqui ufficiali con i gruppi industriali Stellandis (STLA.MI) e Ferrari (RACE.MI). , Iveco ( IVG.MI ) e CNH Industrial ( CNHI.MI ).

La domanda potrebbe aprire la strada a richieste simili nelle negoziazioni salariali in Italia, mentre le aziende di tutta Europa, dalle compagnie aeree ai rivenditori, devono far fronte alle richieste dei lavoratori di maggiori aumenti salariali per attutire l’impatto dell’aumento dei prezzi.

I prezzi al consumo in Italia sono aumentati dell’8,9% su base annua a settembre.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

In Francia, il mese scorso Stellandis ha accettato di pagare alla maggior parte dei suoi dipendenti un bonus una tantum fino a 1.400 euro per aiutarla a far fronte all’aumento dell’inflazione. I negoziati sulla fissazione dei salari per il prossimo anno devono ancora iniziare.

I lavoratori della francese TotalEnergies (TTEF.PA) chiedono un aumento salariale del 10% quest’anno, mentre il sindacato tedesco IG Metall a luglio ha chiesto un aumento salariale dell’8% per circa 3,8 milioni di lavoratori nel settore dei metalli e dell’elettricità. Leggi di più Leggi di più

Giocare a recuperare

I sindacati italiani FIM-CISL, UILM, Fismic, UGLM e AQCF sono tra i quattro gruppi industriali che si preparano a negoziare nuovi contratti quadriennali in sostituzione di quelli in scadenza a fine 2022.

Includono quasi 70.000 lavoratori in Italia, due terzi dei quali lavorano presso l’ex Fiat-Chrysler, che l’anno scorso si è fusa con la francese PSA per formare Stellandis, i cui marchi includono Peugeot e Jeep.

READ  Italia 2021 e Parigi 1947: come la gonna rappresenta la crisi di Hemlines

I rappresentanti del lavoro chiedono anche aumenti salariali del 4,5% per il 2024 e del 2,5% per il 2025, hanno affermato i sindacati in una dichiarazione congiunta, aggiungendo che non sono ancora disponibili stime affidabili sull’inflazione per il 2026.

I sindacati hanno affermato che gli aumenti salariali dovrebbero essere dati all’inizio di ogni anno per coprire completamente l’impatto dell’inflazione sui lavoratori nell’anno precedente.

Gianluca Ficco del sindacato UILM ha affermato che le richieste cambierebbero se cambiassero le stime dell’inflazione.

“Dobbiamo avviare al più presto le trattative per arrivare a un tempestivo rinnovo contrattuale”, ha detto Fico, presentando le proposte alle rappresentanze sindacali a Roma, che dovranno ratificarle il 18-19 ottobre.

I portavoce di Stellandis e Iveco hanno detto che non avrebbero commentato fino a quando i sindacati non presenteranno una richiesta formale nei prossimi giorni o settimane.

La holding della famiglia Agnelly Exor ( EXOR.AS ) è uno dei principali azionisti delle case automobilistiche Stellandis e Ferrari, del produttore di camion Ivego e del produttore di macchine agricole e movimento terra CNH Industrial. Tutti e quattro i gruppi condividono lo stesso contratto base specifico per la maggior parte dei loro dipendenti italiani.

È distinto dall’accordo nazionale per i lavoratori in altri settori del settore metalmeccanico.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Scritto da Giulio Piovaccari, a cura di Gianluca Semeraro e Keith Weir

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.