Maggio 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Italia: arrestato l’ex ufficiale dell’intelligence rumena Daniel Dragomir, ricercato per riciclaggio di denaro – Internazionale

Daniel Dragomir è stato detenuto a Barry per scontare un mandato d’arresto europeo. Nel giugno dello scorso anno sono stati arrestati due complici, tra cui Alina Mihela Pica, ex procuratore generale della magistratura rumena Repubblica.

Daniel Dragomir, ex ufficiale dell’intelligence rumena, è stato arrestato dalla polizia di Bari per aver approvato un mandato di arresto europeo per estradizione e resa da un tribunale di Bucarest.

Dragomir è responsabile del riciclaggio di denaro, della frode e dell’influenza, e ha conosciuto altri compagni che sono fuggiti dal paese per evitare l’arresto.

Le azioni di Tracomir e dei suoi collaboratori sono iniziate con l’arresto di due complici nel giugno 2020 da parte della polizia del Gruppo Barry Mobile: Alina Mihela Pica, ex Procuratore generale della magistratura rumena e Ion Ben, già noto alle forze di polizia italiane per riciclaggio di denaro. e frode.

Alina Pica si è rifugiata ad Altamura con uno dei suoi compagni, mentre Benny si nascondeva in una villa di lusso situata nel quartiere Barry-Police. La ricerca prosegue nel territorio nazionale per seguire altri alleati.

Ex SRI La polizia rumena ha annunciato giovedì che il colonnello Daniel Dragomir si era consegnato alle autorità di Bari nel giugno 2020 dopo essere stato condannato a 3 anni e 10 mesi di carcere sotto sorveglianza internazionale. Dragomir è accusato di aver ricevuto 4 460.000 dall’uomo d’affari Rami Kasiri per proteggere la sua attività.

Annuncio della polizia rumena: “La mattina del 4 febbraio 2021, il Centro internazionale di cooperazione di polizia per la polizia rumena – Siren Bureau è stato informato dalle autorità italiane che ieri, un uomo di 42 anni è stato perseguito a livello internazionale, presentandosi in una stazione di polizia a Bari con il suo avvocato scelto. Barry è stato portato in carcere in attesa di una corte marziale per verificare il suo mandato d’arresto europeo. Il tribunale rumeno ha emesso un mandato d’arresto europeo e lo ha informato dei dati forniti dalle autorità italiane, che avrebbero tradotto e inviato questo mandato al tribunale, che ordinerebbe alla Romania di arrendersi “.

READ  I funzionari iniziano ad acquistare attrezzature di sicurezza per un valore di 1,25 miliardi di dollari in Cina