Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Israele spara contro obiettivi libanesi mentre il conflitto si intensifica in Medio Oriente

L’esercito israeliano ha detto che Israele ha sparato contro obiettivi in ​​Libano in risposta al lancio di quattro razzi verso Israele dal territorio libanese.

L’esercito ha detto che le difese missilistiche israeliane hanno intercettato uno dei proiettili dal Libano, e “molto probabilmente il resto è atterrato in aree aperte”.

I razzi hanno fatto suonare le sirene nella città israeliana settentrionale di Haifa e nelle aree a est.

Fonti della sicurezza libanese hanno confermato che quattro razzi sono stati lanciati contro Israele dal villaggio di Siddiqin nella città costiera di Tiro, nel Libano meridionale.

Non è stato immediatamente chiaro chi abbia lanciato i razzi e non ci sono state segnalazioni di danni su entrambi i lati.

Questo è il terzo incidente di razzi lanciati dal Libano dallo scoppio dei combattimenti tra Israele e militanti palestinesi a Gaza il 10 maggio.

Lunedì, sei proiettili sono stati sparati dal Libano verso il nord di Israele ma non sono riusciti a raggiungere il confine, provocando il fuoco dell’artiglieria israeliana di rappresaglia.

Caricamento in corso

Israele ha combattuto una guerra nel 2006 contro i guerriglieri di Hezbollah, che controllano il Libano meridionale e dispongono di missili sofisticati. Da allora i confini sono stati per lo più silenziosi.

Netanyahu si rifiuta di fare marcia indietro nonostante la pressione degli Stati Uniti

Poco dopo l’incidente con il Libano, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di portare avanti l’offensiva militare del suo paese nella Striscia di Gaza, respingendo le richieste del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di procedere verso un cessate il fuoco.

Benjamin Netanyahu
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto che il suo paese continuerà a combattere la sua battaglia.(

AP: Sebastian Scheiner

)

Le dichiarazioni da falco di Netanyahu hanno segnato la prima lite pubblica tra i due stretti alleati dall’inizio dei combattimenti la scorsa settimana.

Dopo una visita al quartier generale militare, Netanyahu ha detto di “apprezzare molto il sostegno del presidente americano”, ma ha detto che Israele andrà avanti “per riportare la calma e la sicurezza a voi cittadini di Israele”.

Ha detto di essere “determinato a continuare questo processo fino al raggiungimento del suo obiettivo”.

Ha parlato poco dopo che Biden ha detto a Netanyahu che “si aspetta una grande calma oggi sulla strada per un cessate il fuoco”, ha detto la Casa Bianca.

Biden aveva precedentemente evitato di esercitare pressioni dirette e pubbliche su Israele per un cessate il fuoco con Hamas, che governa Gaza.

Nient’altro che distruzione

All’inizio della giornata, l’IDF ha detto che stava espandendo il suo bombardamento di obiettivi militanti nel sud di Gaza per fermare il continuo lancio di razzi da Hamas.

Almeno nove persone sono state uccise nella Striscia di Gaza mercoledì.

Da allora, Israele ha bombardato Gaza con centinaia di attacchi aerei, che si dice stiano prendendo di mira le infrastrutture di Hamas.

Hamas e altri gruppi armati situati in aree residenziali hanno lanciato più di 3.700 razzi contro le città israeliane, con centinaia di razzi falliti e la cupola di ferro israeliana che intercetta la maggior parte dei razzi rimanenti.

Almeno 227 palestinesi sono stati uccisi, tra cui 64 bambini e 38 donne, e 1.620 persone sono rimaste ferite, secondo il Ministero della Salute di Gaza, che non ha diviso il numero tra combattenti e civili.

Hamas e la Jihad islamica affermano che almeno 20 dei loro combattenti sono stati uccisi, mentre Israele afferma che il numero è almeno 130. Circa 58.000 palestinesi sono fuggiti dalle loro case.

12 persone sono state uccise in Israele, tra cui un bambino di 5 anni, una ragazza di 16 anni e un soldato.

Nella Striscia di Gaza, uno degli attacchi aerei israeliani ha distrutto la casa di una famiglia numerosa.

Macerie lasciate da un attacco aereo israeliano
Gli attacchi aerei israeliani hanno distrutto parti di Gaza.(

AP: Adel Hanna

)

I residenti hanno ripulito pile di mattoni, cemento e altre macerie che in precedenza erano state la casa di 40 membri della famiglia Al-Astal a Khan Yunis, nel sud di Gaza.

Hanno detto che un missile di avvertimento ha colpito l’edificio cinque minuti prima dell’attacco aereo, consentendo a tutti di fuggire.

Ahmed Al-Astal, un professore universitario, ha descritto una scena di panico, con uomini, donne e bambini che correvano fuori dall’edificio.

“Eravamo appena usciti in strada, senza fiato, quando è arrivato il bombardamento devastante”, ha detto.

L’esercito israeliano ha detto di aver bombardato una rete di tunnel per i militanti intorno alle città di Khan Yunis e Rafah, colpendo 40 obiettivi sotterranei.

Reuters / Associated Press

READ  Gli attacchi fanno di Vancouver la "capitale del Nord America contro i crimini d'odio anti-asiatici" | Canada