Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Israele ha scoperto che il vaccino di richiamo COVID-19 riduce significativamente il rischio di infezione

Gerusalemme (Reuters) – Una terza dose di Pfizer (PFE.N)I risultati pubblicati domenica dal Ministero della Salute hanno mostrato che il vaccino COVID-19 ha notevolmente migliorato la protezione contro l’infezione e le malattie gravi tra le persone di età pari o superiore a 60 anni in Israele rispetto a coloro che hanno ricevuto due iniezioni.

I dati sono stati presentati giovedì a una riunione del comitato di esperti di vaccinazione del ministero e domenica caricati sul suo sito web, sebbene i dettagli completi dello studio non siano stati rilasciati.

I risultati sono stati alla pari con statistiche separate riportate la scorsa settimana dall’operatore sanitario israeliano Maccabi, una delle numerose organizzazioni che somministrano colpi di richiamo per cercare di frenare il delta coronarico variabile. Per saperne di più

Dettagliando le statistiche del Gertner Institute e del KI Institute israeliani, i funzionari del ministero hanno affermato che tra le persone di età pari o superiore a 60 anni, la protezione dall’infezione offerta 10 giorni dopo una terza dose era quattro volte superiore a quella di due dosi.

Un terzo colpo ha offerto ai 60enni una protezione da cinque a sei volte maggiore dopo 10 giorni in relazione a gravi malattie e ricoveri ospedalieri.

Questa fascia di età è particolarmente vulnerabile al COVID-19 e in Israele è stata la prima ad essere vaccinata quando è iniziata la campagna di vaccinazione a fine dicembre.

Nelle ultime settimane, il Dipartimento della Salute ha affermato che l’immunità è diminuita nel tempo anche per gli anziani e i giovani. La maggior parte delle persone vaccinate che si sono ammalate gravemente in Israele avevano più di 60 anni e presentavano condizioni di salute pregresse.

READ  La contea di Napa riporta la prima morte per COVID-19 in una persona completamente vaccinata

Israele ha iniziato a somministrare una terza iniezione a persone di età superiore ai 60 anni il 30 luglio. Giovedì ha abbassato a 40 l’età di ammissibilità per una dose di richiamo e ha incluso donne incinte, insegnanti e operatori sanitari di età inferiore a tale età. La terza dose viene somministrata solo a coloro che hanno ricevuto il secondo vaccino almeno cinque mesi fa.

Gli Stati Uniti hanno annunciato l’intenzione di offrire colpi di richiamo a tutti gli americani, citando i dati che mostrano una protezione ridotta. Canada, Francia e Germania hanno annunciato campagne di rafforzamento.

Di fronte a un’epidemia di virus delta da giugno, Israele ha attualmente uno dei tassi di infezione pro capite più alti al mondo. Quasi 1,5 milioni di persone sui 9,3 milioni di persone del paese hanno avuto un terzo ictus.

(Segnalazione di Jeffrey Heller e Mayan Lobel) Montaggio di Hugh Lawson

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.