Marzo 4, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Israele deve affrontare un’indagine sui crimini di guerra per l’uccisione di un giornalista in Libano: ONG | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Israele deve affrontare un’indagine sui crimini di guerra per l’uccisione di un giornalista in Libano: ONG |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Gruppi per i diritti umani affermano che l’attacco, che ha ucciso un giornalista della Reuters e ferito altri sei, “è stato probabilmente un attacco diretto contro i civili”.

Gruppi internazionali per i diritti umani hanno affermato che gli attacchi israeliani che hanno ucciso un giornalista e ferito altri sei nel sud del Libano sono stati probabilmente un attacco diretto contro i civili e dovrebbero essere indagati come crimine di guerra.

Indagini separate di Human Rights Watch e Amnesty International hanno scoperto che l’esercito israeliano ha sparato proiettili di artiglieria contro giornalisti vicino al confine il 13 ottobre, in quelli che sembravano essere attacchi contro civili.

Gli attacchi hanno portato alla morte del giornalista Issam Abdullah della Reuters e al ferimento di altri sei giornalisti, tra cui il fotografo di Al Jazeera Elie Brakhia e la giornalista Carmen Joukhadar.

Human Rights Watch Egli ha detto “Le prove indicano che l’IDF sapeva o avrebbe dovuto sapere che il gruppo di persone su cui hanno aperto il fuoco erano civili”, rendendo l’attacco un “crimine di guerra”.

“Si tratta di un attacco illegale e apparentemente deliberato contro un importante gruppo di giornalisti”, si legge in una dichiarazione di Human Rights Watch.

Il gruppo ha inoltre invitato gli alleati di Israele – Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Germania – a “sospendere gli aiuti militari e la vendita di armi a Israele, dato il rischio che vengano utilizzate per commettere gravi violazioni”.

Il perdono stesso un reportHa detto che gli attacchi militari israeliani “sono stati probabilmente un attacco diretto contro i civili e dovrebbero essere indagati come crimine di guerra”.

L’indagine del gruppo ha indicato che i due giornalisti “erano ben lontani dalle ostilità in corso, stavano chiaramente lavorando per i media ed erano rimasti fermi per almeno 75 minuti prima di essere colpiti”.

READ  Gli assassini adolescenti sono stati condannati all'ergastolo per l'omicidio "sadico" di una ragazza transgender

“Nessun giornalista dovrebbe essere preso di mira o ucciso semplicemente per aver svolto il proprio lavoro. A Israele non deve essere permesso di uccidere e attaccare giornalisti impunemente”, ha affermato Aya Majzoub, vicedirettrice regionale per il Medio Oriente e il Nord Africa di Amnesty International.

Majzoub ha detto ad Al Jazeera: “I giornalisti sono occhi e orecchie sul campo. Forniscono informazioni e prove che sono vitali affinché organizzazioni come la nostra sappiano quali crimini vengono commessi”.

“Può darsi che le parti in conflitto non vogliano che i giornalisti documentino i loro crimini”, ha aggiunto.

Secondo il Committee to Protect Journalists, un gruppo per i diritti dei media, i giornalisti che seguono la guerra di Gaza sul campo si trovano ad affrontare un pericolo senza precedenti.

Secondo l’organizzazione, dallo scoppio della guerra a Gaza, almeno 63 giornalisti sono stati uccisi, tra cui 56 palestinesi, quattro israeliani e tre cittadini libanesi.

La guerra ha portato anche al “mese più mortale per i giornalisti” da quando il Comitato per la protezione dei giornalisti ha iniziato a monitorare i dati nel 1992.

Nel corso di 22 anni, il Comitato per la Protezione dei Giornalisti ha documentato almeno 20 uccisioni di giornalisti da parte dell’esercito israeliano. Nessuno è stato accusato o ritenuto responsabile di queste morti.

L’organizzazione ha affermato che l’impunità in questi casi ha gravemente minato la libertà di stampa, lasciando i giornalisti vulnerabili agli attacchi.