Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Irrfan Khan è stata la mia prima scelta per interpretare Osho: il regista italiano Lakshin Sukameli

Irrfan Khan è stata la mia prima scelta per interpretare Osho: il regista italiano Lakshin Sukameli

Il regista italiano Lakshin Soukameli, che era così ansioso di realizzare un film su Osho con Irfan Khan come protagonista, ha ora realizzato un documentario sul controverso guru spirituale.

Una versione compressa della docu-serie “Ten Thousand Shades of Osho” intitolata “Osho the Movie” (durata 1 ora e 40 minuti) è stata recentemente proiettata allo Yashwant International Film Festival organizzato dal governo del Maharashtra. La serie uscirà in un secondo momento.

Sentendo che l’attore defunto fosse la scelta giusta per interpretare Osho, Sukamili ha detto che se avesse avuto quello che voleva, avrebbe fatto il film con Irfan.

“Stavo girando un lungometraggio da più di dieci anni, ma non si è concretizzato, quindi sono passato a questo film (docu-serie), che mi ha richiesto cinque anni. Irfan Khan è stata la mia prima scelta e amava Osho. Il regista ha detto a PTI in un’intervista se io fossi il produttore e se fosse ancora vivo, sarebbe la prima scelta.

Leggi anche: The Romantics su Netflix: un dramma familiare di Bollywood costellato di stelle

Osho – una delle figure spirituali più controverse

Il regista di origine italiana si era recato in India nel 1978 per incontrare Osho, allora considerato una delle figure spirituali più controverse al mondo. Il regista ha vissuto nell’Ashram di Osho a Pune, Oregon, USA. Sukamili, che Osho chiamava Laaction, disse che era suo desiderio fare un film su di lui.

“La prima volta che ho incontrato Osho è stato nel 1978. Da allora, ho avuto due obiettivi nella vita: conoscere me stesso e condividere la sua visione. Quando ho iniziato a lavorare come regista, sapevo che un giorno avrei realizzato un film su di lui.”

READ  La scheda completa di ONE Friday Fights 31 è stata rivelata l'1 settembre

Sukamile ha affermato di aver incontrato produttori indiani come Subhash Ghai, Prish Nandi e Bobby Bedi e, tra gli attori, si è avvicinato a Irfan Khan, Sanjay Dutt e Kamal Haasan, insieme allo scrittore Kamlesh Pandey di Rang De Basanti. Ghai ha anche annunciato un progetto su Osho ma che non si è mai concretizzato.

Secondo Sukhamili, all’epoca i produttori indiani non prendevano sul serio le coproduzioni internazionali. “I produttori indiani non sono molto aperti a un film internazionale. Sono molto contenti di Bollywood. Anche se conoscevano Osho, anche se ne vedevano il potenziale, non erano molto interessati all’idea di fare una coproduzione internazionale .”

Leggi anche: ‘Cinema Marte Dum Tak’ è una deliziosa dimostrazione delle linee di frattura della società in India

Docu Series contiene filmati inediti su Osho

Il regista ha affermato che la principale differenza tra il lungometraggio e la docu-serie è che poteva giocare di più con l’immaginazione durante la realizzazione del film, ma con quest’ultima è rimasto più vicino alla realtà.

La docu-serie è organizzata in cinque episodi da sessanta minuti. Il documentario contiene filmati inediti di Osho registrati in tutto il mondo ed esplorerà anche diversi periodi della vita del guru spirituale attraverso le storie delle persone che erano associate a lui.

“Si tratta della sua vita, delle sue esperienze con le persone che sono con lui. Il film è una storia con un po’ di dramma, qualcosa in più per dare al pubblico la possibilità di seguire qualcosa”, ha detto Sukamili, che è lui stesso un movimento di Osho insider.

READ  Recensione "Fiorita": Un viaggio intimo dentro un albero genealogico allargato

Tuttavia, la docu-serie non è un pezzo di propaganda, ha confermato, e ha aggiunto che offre una prospettiva più ampia rispetto a “Wild Wild Country” di Netflix, uscito nel 2018. Non è un pezzo di propaganda, al contrario, guarda tutti gli elementi della vita e ha spiegato Osho, compresi quelli controversi, come il suo ritorno in India, i misteriosi tre giorni trascorsi in una cella della prigione dell’Oklahoma, imprigionato sotto falso nome e presumibilmente avvelenato, e altre cose.

All’uscita della serie di docu, Sucamelli ha dichiarato: “In questo momento, stiamo cercando di portarlo in diversi festival e fare un accordo con Netflix, Amazon Prime o Disney + Hotstar”.