Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Io, Berlino e l'Accademia del Cinema Italiano”

“Io, Berlino e l'Accademia del Cinema Italiano”

BERLINO – Prima come giornalista, poi come direttore di festival, e ora come presidente e direttore artistico dell'Accademia del cinema italiano David di Donatello. Piera Detasis conosce bene Berlino. Ho visto molti film e star passare per Potsdamer Platz e nel corso degli anni hanno contribuito ad amplificare e a informare l'essenza della Berlinale. In questa intervista ci racconta il suo rapporto con il festival e non solo.

Sì, l'orso sta aspettando la Berlinale.

La Berlinale è sempre stata un punto di osservazione privilegiato da cui osservare lo stato del cinema. Ricordi la prima volta che hai partecipato?

Posso dire che sono arrivato qui con la storia. La prima volta fu nel 1989 come giornalista. Ho indagato sugli Studios Babelsberg a Potsdam, sempre nella Germania dell'Est. A novembre cadde il muro di Berlino e la successiva edizione della Berlinale fu, ovviamente, un'esperienza straordinaria. Sono tornato a intervistare gli stessi lavoratori e funzionari per valutare il cambiamento. Ricordo parole di speranza e un po' di sconcerto di fronte alla nuova libertà che mandava in frantumi consuetudini e certezze. Il cuore del festival era ancora il mitico Palast Zoo, ma quell'anno assistei alle prime proiezioni fuori dalle mura, al Cinema Cosmos e al Colosseo: un film di Oliver Stone È nato il 4 luglio. Le star americane attraversano Checkpoint Charlie, un'emozione indimenticabile. Tuttavia, ciò che mi ha sempre stupito di più di Berlino è l’EFM, il mercato, questa professione europea forte, potente, importante, altamente regolamentata e aperta. Una fonte eccezionale di connessioni e scoperte, soprattutto nei miei anni qui come Direttore del Festival.

Pera ditasis
Piera DeTasis sul red carpet dei Premi David Di Donatello.

La Berlinale di quest'anno arriva con Matteo Garrone candidato all'Oscar e il film di Paola Cortellisi batte tutti i record. Com’è il cinema italiano?

READ  Il team di motociclisti VR46 spiega perché l'accordo Aramco è fallito

Il cinema italiano sta attraversando un momento difficile e penso che anche i film e le serie qui alla Berlinale lo dicano. È alla ricerca di se stesso, innamorato del genere della commedia classica all'italiana, ormai considerato consumabile sulle piattaforme di streaming. Abbiamo autori importanti, esordi sorprendenti e, infine, grande audacia nell'introdurre generi, innovazioni e contrattacchi narrativi nel cinema d'autore. Oggi il pubblico nelle sale chiede soprattutto di essere sorpreso. Le vecchie abitudini non esistono più, soprattutto nel campo della comunicazione. Tutto è cambiato.

L'European Film Market, uno dei tre luoghi d'incontro più importanti per l'industria cinematografica e dei media globale.

Qual è il percorso dei Premi David Di Donatello e l'innovazione che hanno portato? Sei soddisfatto?

Preferirei concentrarmi sull'Accademia del Cinema Italiano che sovrintende ai David di Donatello. Durante il mio mandato, iniziato nel 2018, la missione della Fondazione è stata quella di creare sinergia con tutte le associazioni, istituzioni e professioni cinematografiche che fanno parte dell'Accademia. È una funzione congiunta che si estende durante tutto l'anno, attraverso il processo di selezione e la trasparenza riguardo alla giuria e al meccanismo di voto. Comprendeva l'intero settore. Dopo la serata di premiazione, ci siamo espansi per includere industria e formazione, abbiamo collaborato con il Ministero della Cultura italiano – il nostro principale finanziatore – e produttori, distributori ed esercenti per riempire le sale dopo la pandemia, e abbiamo organizzato la serata di premiazione anche durante il lockdown. Siamo giunti alla terza edizione in collaborazione con Netflix per Diventa un maestro Un progetto di orientamento alle professioni femminili nel settore audiovisivo. Abbiamo inaugurato un ambizioso progetto cinematografico nelle scuole con l'UNITA, l'associazione degli attori, e abbiamo anticipato gli Oscar decidendo di premiare i migliori attori, e abbiamo anche realizzato il nuovo film David Italian Revelations per gli under 28. La digitalizzazione sia degli archivi che delle operazioni è stata importante: il marchio David si è rafforzato e ora dobbiamo fare un passo avanti verso l’innovazione, la semplificazione dei processi decisionali e un coinvolgimento dei membri più forte e informato.

READ  Roberto Benigni parla del candidato italiano all'Oscar "Io Capitano"
Occhi puntati sul Premio: Piera Detasis con i David di Donatello.

Cosa deve avere il cinema italiano per avere uno star system esportabile?

Secondo me, niente. Abbiamo una scuola di attori eccezionale, sempre più multilingue. È necessario abbattere i confini, anche a livello narrativo, e attivare scambi tra autori e produzioni globali. Inoltre, le soap opera sono un incubatore di nuovi giovani eroi e promuovono i nostri volti all'estero. Tuttavia, il termine “sistema stellare” è obsoleto. Ha distrutto epiche, franchise, supereroi e la proliferazione di platform. La stella oggi è l'originalità della storia.

Padiglione Italia all'EFM di Berlino.

I festival cinematografici servono ancora a qualcosa? Questi principi possono sembrare vecchi, ma ora sono più importanti che mai…

Festival, programmi speciali, ma anche eventi estivi nei periodi di chiusura e distanziamento, sono serviti come punto di contatto con il pubblico, o meglio, con i tanti ed eterogenei pubblici. Definiscono la differenza fruendo solo della diretta, che rappresenta un luogo di qualità, di interazione diretta con l'attore o il regista, una guida essenziale che offre, all'interno di un patto di fiducia con lo spettatore, una selezione di qualità che alimenta curiosità, scoperte, delusioni e riflessioni. Entusiasmo. Anche i grandi festival come la Berlinale o Venezia rappresentano un laboratorio per il futuro ma in un contesto ampio di comunità e partecipazione. Oggi i festival sono una sala cinematografica ampliata.

  • Berlinale 2024 | Cillian Murphy, Berlino e piccole cose del genere
  • Video | Conferenza stampa Berlinale 2024: presentazione del programma