Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Intel e le aziende straniere in Vietnam temono le dure misure del virus Corona

HANOI – Il principale produttore di chip statunitense Intel e altre società straniere che operano in Vietnam hanno espresso preoccupazione per il fatto che le contromisure prolungate e rigorose contro il COVID-19 a Ho Chi Minh City potrebbero scoraggiare gli investimenti, mentre Hanoi si prepara a schierare truppe nel centro commerciale meridionale per far rispettare le restrizioni.

I rappresentanti delle compagnie straniere hanno incontrato le autorità a Ho Chi Minh City, la più grande città del paese che è diventata l’epicentro della peggiore epidemia del paese. In risposta all’escalation del problema, il governo centrale ha annunciato misure rigorose in città che inizieranno lunedì e dureranno almeno fino al 15 settembre.

I dettagli degli scambi sono sconosciuti.

Lo scopo dell’incontro di venerdì era condividere le sfide che i produttori come Intel devono affrontare nel mantenere le loro operazioni, ha detto sabato a Nikkei Asia Ho Thi Thu Oen, capo degli affari pubblici di Intel per Vietnam e Malesia.

“L’onere finanziario per i nostri dipendenti è una delle sfide principali”, ha affermato Owen. “Non abbiamo solo sollevato preoccupazioni, ma abbiamo anche fornito soluzioni ai leader della città come raccomandazioni pratiche piuttosto che mantenerle [the existing measures] dopo il 15 settembre

L’unità domestica Intel Products Vietnam gestisce un impianto di test e assemblaggio nel Saigon Hi-Tech Park della città. Come parte delle regole anti-virus, “1.870 lavoratori devono rimanere negli hotel vicino alla struttura. Ciò ha sostenuto 140 miliardi di dong (6,1 milioni di dollari) in un mese da luglio. Se continuiamo dopo il 15 settembre, non influirà direttamente solo la salute del paese”, ha detto Owen. funzionari della città durante l’incontro, secondo i rapporti locali.

Owen ha detto alle autorità che la società era pienamente impegnata a lavorare con il governo, secondo i media locali. Ma ha chiesto flessibilità affinché i lavoratori completamente vaccinati tornino a casa.

Jabil Vietnam, l’unità locale di una società di servizi di produzione con sede negli Stati Uniti, ha fatto eco alle preoccupazioni di Intel. La società ha affermato che diversi partner commerciali hanno spostato gli ordini in altri paesi come Cina e Singapore a causa dei costi sostenuti dall’attuazione delle restrizioni, secondo quanto riportato dai media locali.

READ  Elenco dei paesi con mandato per il vaccino COVID-19

Nel frattempo, il produttore di computer italiano Datalogic ha affermato che la società ha visto scendere le vendite in un mese da 18,5 milioni di dollari a giugno a 11 milioni di dollari a luglio. Zing News ha riferito di aver perso circa il 40% della sua forza lavoro con 502 lavoratori rimasti ad agosto. Molti lavoratori altamente qualificati hanno lottato per seguire rigorosamente le regole e stare lontani dalle loro famiglie.

Furusawa Yasuyuki, direttore generale di Aeon Vietnam, ha affermato che il rivenditore giapponese ha faticato a mantenere le operazioni nel paese a causa dei costi dei test COVID-19 richiesti per i suoi lavoratori sul posto di lavoro, secondo il sito web di Tuoitre.

Furusawa ha suggerito alle autorità cittadine di estendere il tempo per pagare l’assicurazione sociale, l’imposta sul valore aggiunto e l’assicurazione sanitaria in modo che le aziende possano guadagnare tempo per sostenere i propri dipendenti.

Le preoccupazioni sono state espresse mentre la comunità imprenditoriale straniera si prepara a una possibile estensione delle restrizioni oltre la scadenza del 15 settembre, poiché i casi confermati continuano a salire.

Sabato, il Vietnam ha registrato 13.417 nuovi casi di COVID-19, il bilancio giornaliero più alto dalla fine di aprile, quando l’attuale ondata ha colpito il paese precedentemente elogiato per la sua gestione relativamente efficace dell’epidemia. La sola Ho Chi Minh City ha rilevato 4.084 casi mentre nella provincia di Binh Duong ha contribuito con 6.623 casi.

“Ho Chi Minh vuole che i lavoratori siano al sicuro e le imprese siano sicure, ma l’epidemia è causata dalla diffusione troppo rapida del delta. Ha un forte impatto sulle attività commerciali”, ha affermato Nguyen Than Phuong, capo del Comitato del popolo della città. , Nell’incontro di venerdì con le aziende estere.

READ  L'Italia vieta alle grandi navi da crociera di navigare verso Venezia

La variante delta altamente contagiosa è diventata più mortale in Vietnam poiché il tasso di mortalità, il rapporto tra decessi confermati e casi confermati, continua ad aumentare. Il 20 agosto, il Vietnam ha raggiunto il 4,19%, superando l’Indonesia con una media del 4%, secondo Our World in Data. Thailandia e Singapore hanno registrato l’1,18% e lo 0,58% nello stesso giorno.

Il Vietnam è ancora in ritardo nella campagna di vaccinazione contro il COVID-19 della regione. La percentuale di persone vaccinate in Vietnam è del 15%.

Per far fronte all’alto numero di morti a Ho Chi Minh City, che in media è di circa 240 al giorno, i militari hanno assunto la cremazione. Alcuni credono che il bilancio delle vittime sia in realtà più alto poiché le strutture sovraffollate fanno fatica a mantenere un conteggio accurato.

La pandemia continua a devastare il sud del Paese, il suo motore economico, offuscando le prospettive di investimento. Ho Chi Minh City da sola rappresenta il 22,3% del PIL del paese e ha contribuito per il 27,5% al ​​bilancio statale nel 2011-2019.

Truppe e truppe saranno schierate a Ho Chi Minh City e nelle province limitrofe di Dong Nai e Binh Dong. È sede di importanti stabilimenti gestiti da società multinazionali provenienti da Stati Uniti, Europa, Giappone, Corea del Sud, Singapore e Taiwan.

L’Ufficio di statistica generale ha dichiarato questo mese che il prodotto interno lordo (PIL) di Ho Chi Minh City sarà probabilmente negativo, a differenza dell’anno scorso.

Fu Fan Huan, vice capo del comitato del popolo cittadino, ha avvertito durante la riunione di venerdì.

Fong, il presidente della commissione, ha invitato le aziende straniere a essere pazienti e ad avere fiducia nelle politiche della città per sconfiggere l’epidemia. “La città vorrebbe avere la collaborazione delle imprese per superare insieme le difficoltà”, ha detto al pubblico.

READ  I voli sono regolamentati per viaggiare nell'era del Covid

Venerdì sera, il Politburo del Partito Comunista del Vietnam ha licenziato Phuong. L’American Chamber of Commerce in Vietnam ha pubblicato su Facebook: “È triste vedere le dimissioni e l’invio ad Hanoi del presidente dell’HCMC Nguyen Thanh Phuong, amico e partner degli Stati Uniti, dell’American Chamber of Commerce e dell’azienda americana Comunità.”

“Nelle ultime ore della sua presidenza, la mattina di venerdì 20 agosto, ha ascoltato attentamente le preoccupazioni della Camera di commercio internazionale americana e della comunità imprenditoriale straniera sulle sfide del lavoro durante il COVID. Stava chiaramente facendo del suo meglio per proteggere la salute e la sicurezza delle persone in HCMC. , preservando le operazioni aziendali e i mezzi di sussistenza nella massima misura possibile”, ha affermato la Camera di commercio americana nel suo post su Facebook.

Dalla fine della guerra del Vietnam, il governo centrale di Hanoi, dove si trova la sede del Partito Comunista, e Ho Chi Minh City, motore economico del Paese, hanno mantenuto un delicato equilibrio di potere.

La lotta per controllare l’epidemia e il licenziamento del leader di Ho Chi Minh City hanno preceduto la prima visita del vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris nel paese martedì, parte di un tour asiatico che include uno scalo a Singapore.

In preparazione ai possibili disordini causati dal coronavirus nel sud, l’Assemblea nazionale del Vietnam a luglio ha approvato una risoluzione che conferisce al primo ministro Pham Minh Chin e al governo l’autorità di prendere decisioni rapide durante la pandemia, nel tentativo di controllare l’epidemia di coronavirus.

“Il primo ministro ha effettivamente dichiarato lo stato di emergenza a Ho Chi Minh City e nelle province, utilizzando gli ampi poteri approvati dall’Assemblea nazionale”, ha affermato un analista politico locale.

Segnalazione aggiuntiva di Kim Dong Tong a Ho Chi Minh City