Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Inizia l’evacuazione di Mariupol dall’acciaieria; La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi fa una visita personale a sorpresa al presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Kiev

Le Nazioni Unite hanno affermato che il tanto atteso sforzo per evacuare le persone da un’acciaieria nella città ucraina di Mariupol è iniziato.

La notizia è arrivata domenica quando la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha rivelato di aver visitato il presidente ucraino per mostrare il sostegno incrollabile degli Stati Uniti nella difesa del paese dall’aggressione russa.

Il portavoce umanitario delle Nazioni Unite Saviano Abreu ha dichiarato all’Associated Press che il processo per far uscire le persone dall’esteso stabilimento siderurgico di Azovstal viene svolto in collaborazione con il Comitato internazionale della Croce Rossa e in coordinamento con funzionari ucraini e russi.

Il fumo sale dal complesso metallurgico Azovstal a Mariupol, in un’area governativa della Repubblica popolare di Donetsk, nell’Ucraina orientale, venerdì. Questa foto è stata scattata durante un viaggio organizzato dal Ministero della Difesa russo. (Foto AP) (AFP)

Si ritiene che fino a 100.000 persone siano rimaste nella Mariupol assediata, inclusi fino a 1.000 civili che erano ammassati con circa 2.000 combattenti ucraini sotto l’acciaieria di epoca sovietica, l’unica parte della città non occupata dai russi.

Abreu ha descritto la situazione come “estremamente complessa” e non ha fornito ulteriori dettagli.

Come altre evacuazioni, il successo della missione a Mariupol è dipeso dalla Russia e dalle sue forze, schierate lungo una lunga catena di posti di blocco prima di raggiungere quelli ucraini.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che 46 persone, un gruppo di 25 e un altro gruppo di 21 persone, sono state evacuate dalle aree vicino allo stabilimento di Azovstal.

Questa immagine satellitare di Planet Labs PBC mostra i danni all’acciaieria Azovstal a Mariupol sabato. (Planet Labs PBC tramite AP) (AFP)

Un alto funzionario del reggimento Azov, l’unità ucraina che difende le acciaierie, ha dichiarato sabato che 20 donne e bambini sono stati evacuati dallo stesso stabilimento. I civili si rifugiarono in un labirinto di tunnel sotterranei mentre la fabbrica era sotto assedio.

Il vice comandante del reggimento Svyatoslav Balamar, in un video trasmesso dal canale Telegram del reggimento, ha chiesto l’evacuazione dei combattenti e dei civili ucraini feriti.

“Non sappiamo perché non siano stati trasferiti e la loro evacuazione nel territorio controllato dall’Ucraina non è stata discussa”, ha detto.

Un giornalista dell’Associated Press ha assistito all’arrivo di donne e bambini nel villaggio di Bezimenne detenuti da separatisti sostenuti da Mosca nell’Ucraina orientale, accompagnati da rappresentanti delle Nazioni Unite e della Croce Rossa. Le Nazioni Unite non hanno confermato che le persone siano state in grado di lasciare Mariupol sabato.

Una nave da guerra ucraina è affondata venerdì nel porto di Mariupol, in un’area governata dalla Repubblica popolare di Donetsk. Questa foto è stata scattata durante un viaggio organizzato dal Ministero della Difesa russo. (Foto AP) (AFP)

Zaporizhzhia, una città a 227 chilometri a nord-ovest di Mariupol, è la destinazione prevista per gli sforzi di evacuazione.

Zaporizhzhia era la destinazione dei residenti di Mariupol che sono stati in grado di fuggire dalla città da soli quando le precedenti evacuazioni organizzate dalla Croce Rossa e dall’Ucraina sono state annullate a causa dei bombardamenti in corso o delle preoccupazioni per la sicurezza stradale.

Il convoglio destinato a evacuare i civili è iniziato venerdì, hanno detto le Nazioni Unite, percorrendo circa 230 chilometri prima di raggiungere lo stabilimento di Mariupol sabato mattina.

Le persone che sono fuggite dai territori occupati dalla Russia a volte hanno descritto di aver sparato alle loro auto.

Funzionari ucraini hanno ripetutamente accusato le forze russe di aver bombardato le vie di evacuazione concordate dalle due parti.

L’offensiva ad alto rischio della Russia sulla costa meridionale dell’Ucraina costiera e sul cuore industriale a est ha visto le forze ucraine combattere villaggio dopo villaggio, e più civili sono sfuggiti agli attacchi aerei e al fuoco dell’artiglieria mentre la guerra si avvicinava alle loro porte.

Le forze russe hanno intrapreso un’importante operazione militare per impadronirsi di gran parte dell’Ucraina meridionale e orientale dopo aver fallito nella cattura di Kiev.

Mariupol, una città portuale sul Mar d’Azov, è un obiettivo importante per la sua posizione strategica vicino alla Crimea, che la Russia ha sequestrato all’Ucraina nel 2014.

Pelosi incontra Zelensky in una grande dimostrazione di sostegno

La visita di Pelosi è un’importante dimostrazione del continuo sostegno alla lotta del Paese contro la Russia, in questa nuova fase della guerra.

Come seconda in linea per la presidenza dopo il vicepresidente, è il leader americano di più alto rango a visitare l’Ucraina dall’inizio della guerra.

Il filmato diffuso domenica dall’ufficio del presidente Volodymyr Zelensky ha mostrato Pelosi a Kiev con una delegazione del Congresso tra cui Jason Crowe, Jim McGovern e Adam Schiff.

La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, al centro, cammina prima del suo incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Kiev, in Ucraina, sabato 30 aprile 2022. (AFP)
Il presidente Volodymyr Zelensky e Nancy Pelosi si stringono la mano durante il loro incontro a Kiev. (AFP)

Il signor Zelensky ha accolto la delegazione all’aperto prima che si aggiornassero nella sala conferenze.

“Ti sono grato per questo segno di forte sostegno da parte degli Stati Uniti, del popolo e del Congresso – sostegno bicamerale e bipartisan”, ha detto.

“Questo indica che oggi gli Stati Uniti sono i leader del forte sostegno all’Ucraina durante la guerra contro l’aggressione della Federazione Russa”.

Il presidente Volodymyr Zelensky, a destra, assegna l’Ordine della Principessa Olga, 3a classe, al presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Kiev, in Ucraina, sabato 30 aprile 2022. (AFP)

“Pensiamo che stiamo visitando per ringraziarti per la tua lotta per la libertà”, ha detto Pelosi a Zelensky.

“Siamo sulla frontiera della libertà e la tua lotta è una lotta per tutti”, ha detto. “Il nostro impegno è di essere lì per te fino alla fine della lotta”.

Il gigante minerario australiano si ritira dalla Russia

La visita non era stata annunciata in precedenza.

READ  Joe Biden lancia l'allarme sugli sforzi repubblicani per limitare i diritti di voto