Dicembre 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Inizia il processo per diffamazione del New York Times di Sarah Palin

Sarah Palin, l’ex governatore dell’Alaska e candidata repubblicana nel 2008 alla carica di vicepresidente degli Stati Uniti, è stata processata giovedì contro il New York Times, in un caso di diffamazione molto atteso che potrebbe mettere alla prova le protezioni a lungo termine per i media statunitensi.

Palin, 57 anni, ha citato in giudizio un editoriale del 2017 che collegava erroneamente la sua retorica politica alla sparatoria di massa del 2011 in Arizona che ha ucciso sei persone e ferito gravemente la rappresentante degli Stati Uniti Gabby Giffords.

Il giornale ha poi corretto l’editoriale.

Nella sua dichiarazione di apertura, l’avvocato di Palin, Shane Vogt, ha detto ai giurati che il suo cliente stava combattendo una “battaglia in salita” per dimostrare che l’editoriale rifletteva la consapevolezza del Times che era sbagliato e la sua “storia di pregiudizi” per lui e altri repubblicani.

L’avvocato del Times, David Axelrod, ha risposto nella sua dichiarazione di apertura che l’editoriale ha cercato di ritenere sia i democratici che i repubblicani responsabili della retorica incendiaria e ha affermato che il giornale ha agito “il più rapidamente possibile” per correggere il suo errore.

Un processo presso la corte federale di Manhattan potrebbe diventare una prova della decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti del 1964 in New York Times v. Sullivan, che ha reso difficile per personaggi pubblici come Palin dimostrare diffamazione.

Per vincere, Palin deve fornire prove chiare e convincenti che il Times ha agito con “vera malizia”, ​​il che significa che sapeva che l’editoriale era sbagliato o aveva sconsideratamente sottovalutato la verità.

Chiede il risarcimento del danno non specificato per il presunto danno alla sua reputazione.

Due giudici conservatori della Corte Suprema degli Stati Uniti e alcuni studiosi di diritto hanno suggerito di riconsiderare la decisione di Sullivan e Palin ha indicato che avrebbe presentato ricorso in appello se avesse perso.

“Cosa sto cercando di ottenere? La giustizia è per coloro che si aspettano la verità dai media”, ha detto Palin ai giornalisti mentre entrava in aula.

Uno schizzo di una donna in tribunale con un articolo di giornale visualizzato sullo sfondo.
In questa illustrazione, Sarah Palin siede in tribunale durante il primo giorno del suo processo per diffamazione contro il New York Times. (Reuters: Jane Rosenberg)

L’editoriale contestato è stato pubblicato il 14 giugno 2017, intitolato Lethal American Politics, dopo una sparatoria ad Alexandria, in Virginia, in cui è rimasto ferito Steve Scalise, membro della Camera dei rappresentanti con la leadership repubblicana.

L’editoriale si chiedeva se le sparatorie riflettessero la ferocia della politica statunitense.

Poi, ha detto, il “collegamento all’agitazione politica era chiaro” quando Jared Lee Lugner ha aperto il fuoco nella sparatoria del 2011 dopo che il Comitato di azione politica di Palin ha distribuito una mappa che metteva Gifford e altri 19 democratici sotto “un bel mirino”.

James Bennett, l’ex redattore della pagina editoriale che è anche un imputato, ha aggiunto la formulazione contestata a una bozza preparata da Elizabeth Williamson, una collega editoriale del Times.

“La chiave mostrerà come si è formato l’editoriale”, ha affermato Timothy Zeke, professore e specialista del Primo Emendamento presso il College of William and Mary of Law.

“Non stiamo cercando di ottenere i vostri voti per il governatore Palin o per nessuna delle sue politiche”, ha detto giovedì Vogt, ma voleva invece che il giornale fosse responsabile di un editoriale “particolarmente scioccante e scandaloso”.

Ha interpretato Bennett come un “giornalista professionista altamente istruito” che sapeva che le parole che aggiungeva erano false ma non le cambiavano.

“Aveva la sua versione e l’ha mantenuto”, ha detto il signor Vogt.

Axelrod, l’avvocato del Times, ha detto che Bennett non aveva intenzione di suggerire che Lugner avesse agito a causa di Palin, o che i lettori avessero dedotto un collegamento e che Bennett avrebbe testimoniato “esattamente quello che intendeva”.

Axelrod ha anche affermato che nessuno sul Times aveva cattive intenzioni nei confronti di Palin e che la controversia riguardava solo due frasi in un editoriale di 12 paragrafi.

“L’editoriale non parlava nemmeno di questo”, ha detto.

Williamson, che lavora ancora per The Times, è stato il primo testimone del processo.

Ha detto che Bennett sarebbe stato responsabile della verifica dell’autenticità delle clip che aveva aggiunto e che non era a conoscenza di alcun collegamento tra le sparatorie in Virginia e la retorica politica.

Reuters

READ  La regina colta nel dramma dell'aria: Buckingham Palace risponde