Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Influenza, Covid-19 e RSV sono in calo per la prima volta da mesi



Cnn

La stagione dei gravi virus respiratori negli Stati Uniti sembra essere agli sgoccioli, poiché tre dei principali virus respiratori che hanno colpito il paese negli ultimi mesi stanno finalmente andando di pari passo.

Una nuova serie di dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie mostra che il numero di visite al pronto soccorso per i tre virus combinati – influenza, Covid-19 e RSV – è sceso al livello più basso in tre mesi. Il calo è evidente in tutte le fasce di età.

Misurare i livelli di trasmissione del virus può essere difficile; I funzionari sanitari concordano sul fatto che i casi di Covid-19 sono altamente sottostimati e che i sistemi di sorveglianza utilizzati per l’influenza e l’RSV catturano un quadro sostanziale ma incompleto.

Ma gli esperti affermano che il monitoraggio delle visite al pronto soccorso può essere un buon indicatore della prevalenza e della gravità della stagione del virus respiratorio.

“C’è una lamentela importante. Quando entri al pronto soccorso, ti stai lamentando di qualcosa”, ha detto Janet Hamilton, direttore esecutivo del Consiglio di Stato e degli epidemiologi territoriali. al pronto soccorso per questi problemi di malattie respiratorie è davvero un buon barometro per la stagione delle malattie respiratorie”.

Nella settimana successiva al Ringraziamento, le visite al pronto soccorso per virus respiratori hanno superato le 235.000, corrispondenti tassi dello scorso gennaio, secondo i dati del CDC.

Mentre il forte aumento delle visite al pronto soccorso all’inizio dell’anno era dovuto quasi interamente a Omicron, il recente aumento è stato più misto. Nella settimana terminata il 3 dicembre, circa due terzi delle visite erano per influenza, circa un quarto per Covid-19 e circa il 10% per RSV.

Raggruppare l’impatto di tutti i virus respiratori insieme in questo modo fornisce una prospettiva importante.

“C’è molto interesse nel pensare alle malattie respiratorie in un modo più olistico”, ha detto Hamilton. “La trasmissione è la stessa. E ci sono alcuni tipi di azioni che forniscono una buona protezione contro tutte le malattie respiratorie. Quindi può davvero aiutare le persone a capire che quando siamo in un alto ricambio di malattie respiratorie, ci sono passi da fare – basta in generale.”

Ora, il Covid-19 rappresenta ancora una volta la maggior parte delle visite al pronto soccorso, ma l’influenza e l’RSV rappresentano ancora circa un terzo delle visite, tutte in calo per la prima volta da quando la stagione dei virus respiratori ha iniziato a circolare a settembre.

Altri nuovi dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) mostrano che l’attività complessiva del virus respiratorio continua a diminuire in tutto il paese. Solo quattro stati, insieme a New York City e Washington, DC, hanno livelli “alti” di malattie simil-influenzali. Quasi tutti gli stati erano in questa categoria meno di un mese fa.

Se questo modello continuerà è nell’aria, poiché i tassi di vaccinazione per l’influenza e il Covid-19 sono in ritardo e i virus respiratori possono essere piuttosto volubili. Inoltre, sebbene il livello di attività del virus respiratorio sia inferiore a quello che è stato, è ancora al di sopra del basale nella maggior parte dei luoghi e gli ospedali in tutto il paese sono ancora pieni per circa l’80%.

L’attività di RSV ha iniziato ad aumentare a settembre e ha raggiunto il suo picco a metà novembre, quando 5 persone su 100.000 – e 13 volte più bambini sotto i cinque anni – sono state ricoverate in ospedale in una settimana.

L’RSV colpisce in particolare i bambini e le vendite di farmaci antidolorifici e antipiretici da banco per bambini sono aumentate del 65% a novembre rispetto all’anno precedente, secondo la Consumer Healthcare Products Association. Mentre “il peggio potrebbe essere passato”, la domanda rimane alta, ha detto alla CNN il portavoce del CHPA Logan Ramsey Tucker in una e-mail: le vendite sono aumentate del 30% su base annua a dicembre.

Ma questa stagione RSV è stata molto più intensa rispetto agli ultimi anni, secondo i dati del CDC. Il tasso di ospedalizzazione settimanale di RSV è sceso a circa un quinto rispetto a due mesi fa, ma comunque superiore a quello delle stagioni precedenti.

L’attività influenzale è aumentata prima del solito, ma sembra aver già raggiunto il suo picco. I ricoveri per influenza – circa 6.000 nuovi ricoveri la scorsa settimana – sono scesi a un quarto rispetto al picco di un mese e mezzo fa, e le stime del CDC per le malattie totali, i ricoveri e i decessi per influenza finora in questa stagione rimangono nei limiti.. a quello che ci si può aspettare. Gli Stati Uniti sembrano aver evitato il picco post-vacanze di cui alcuni esperti avevano avvertito, ma l’influenza è notoriamente imprevedibile e non è raro vedere un secondo picco più avanti nella stagione.

L’aumento del Covid-19 non è stato così pronunciato come l’influenza, ma i ricoveri hanno superato i livelli estivi. Tuttavia, il picco di ricoveri iniziato a novembre ha iniziato a diminuire nelle ultime settimane e i dati del CDC mostrano che la percentuale di residenti che vivono in una contea con un livello di comunità “alto” di Covid-19 è scesa dal 22% a circa il 6%. durante le ultime due settimane.

Tuttavia, la variante XBB.1.5, che contiene mutazioni chiave che gli esperti ritengono possano aiutarla a diventare più contagiosa, continua a guadagnare terreno negli Stati Uniti, causando circa la metà di tutte le infezioni la scorsa settimana. I tassi di vaccinazione continuano a rallentare, con solo il 15% della popolazione ammissibile che riceve il richiamo potenziato e quasi una persona su cinque non è ancora completamente immunizzata.

Le previsioni del gruppo rilasciate dal CDC sono nebulose, prevedendo una “tendenza stabile o incerta” nei ricoveri e nei decessi per Covid-19 nel prossimo mese.

E tre anni dopo la conferma del primo caso di Covid-19 negli Stati Uniti, il virus non si è stabilizzato secondo uno schema prevedibile, secondo la dott.ssa Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’OMS per la risposta al Covid-19.

“Non avevamo bisogno di quel livello di morte e distruzione, ma ci stiamo occupando e stiamo facendo tutto il possibile per ridurre al minimo l’impatto in futuro”, ha detto Van Kerkhove a Conversations nel podcast Healthcare questa settimana.

Van Kerkhove afferma di ritenere che il 2023 potrebbe essere l’anno in cui il Covid-19 non sarà più considerato un’emergenza di sanità pubblica negli Stati Uniti e in tutto il mondo, ma è necessario lavorare di più per far sì che ciò accada e passare a un periodo più lungo. La gestione della malattia respiratoria dell’epidemia richiederà più tempo.

“Semplicemente non lo usiamo [vaccines] più efficace al mondo. Voglio dire, il 30% della popolazione mondiale non ha ancora ricevuto un solo vaccino.” “In ogni paese del mondo, compresi gli Stati Uniti, mancano dati demografici chiave.”

READ  La contea di Multnomah lascia le restrizioni COVID ad `` alto rischio '', forse per sempre