Agosto 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Indignazione per gli ordini del governo delle Isole Salomone di controllare le notizie sulla NBC | Isole Salomone

Il governo delle Isole Salomone ha suscitato indignazione ordinando la censura della radio nazionale, impedendogli di pubblicare materiale critico nei confronti del governo, che avrebbe controllato tutte le notizie prima che fossero trasmesse.

Lunedì, il governo ha annunciato che la Solomon Islands Broadcasting Corporation (SIBC), una stazione radio pubblica fondata nel 1976 da un atto del Parlamento, sarebbe passata sotto il controllo del governo.

L’emittente, che mette online programmi radiofonici, trasmissioni televisive e notizie, è l’unico modo per ricevere notizie istantanee per le persone in molte aree remote del paese e svolge un ruolo fondamentale nella gestione dei disastri naturali.

Lo staff della SIBC ha assicurato a The Guardian che da lunedì tutte le notizie e i programmi saranno controllati da un rappresentante del governo prima di essere trasmessi.

Questo sviluppo ha suscitato indignazione e sollevato profonde preoccupazioni sulla libertà di stampa.

“Il primo ministro della contea di Makeira/Ullawa, Julian Maka, ha lavorato alla SIBC per 21 anni, anche come direttore del programma e capo degli affari correnti.

“Non è salutare per il Paese, soprattutto per le persone nelle zone rurali che hanno bisogno di prospettive equilibrate a loro disposizione”.

L’IFJ ha dichiarato: “La censura della Radio nazionale delle Isole Salomone è un assalto alla libertà di stampa e uno sviluppo inaccettabile per i giornalisti, il pubblico e il processo politico democratico. L’IFJ chiede l’immediato ripristino degli accordi di trasmissione indipendenti nelle Isole Salomone”.

Le restrizioni arrivano sulla scia di ciò che il Primo Ministro, Manasseh Sogavari, ha descritto come notizie distorte e notizie che causano discordia.

Il leader dell’opposizione, Matthew Weil, ha chiesto un incontro con il direttore esecutivo del Solomon Islands Media Consortium (Macy) per discutere della situazione.

Ci sono state crescenti preoccupazioni sulla libertà di stampa nelle Isole Salomone, in particolare dopo la firma del controverso accordo di sicurezza con la Cina a maggio. Gli osservatori temono che i leader del Pacifico possano emulare l’approccio cinese alla libertà di stampa e alla trasparenza.

Durante la maratona del Pacifico condotta dal ministro degli Esteri cinese Wang Yi, I giornalisti del Pacifico non potevano fargli domande In alcuni casi è stato riferito che sono stati banditi dagli eventi, funzionari cinesi hanno vietato i filmati delle loro telecamere e l’accreditamento dei media è stato revocato senza motivo.

Alla prima stazione di Luang nelle Isole Salomone, Massey Copertura della visita della contea Perché a molti giornalisti è stato impedito di partecipare alla sua conferenza stampa. Le restrizioni del Covid-19 sono state citate come causa.

L’ufficio Sugavari è stato contattato per un commento.

READ  Il bilancio delle vittime delle catastrofiche inondazioni in Germania e Belgio ha superato 150 150