Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Incontra i nuovi arrivati: Savannah Norcross

Hockey femminile | 9/22/2021 11:23:00 AM

MINNEAPOLIS – La squadra di hockey femminile Golden Gopher dà il benvenuto a nove nuove giocatrici per la stagione 2021-22, tra cui Savannah Norcross, Dexter andare avanti da Lynn, Massachusetts, e Boston College. Norcross spiega la sua decisione di unirsi ai Gopher e l’impatto di suo fratello sulla sua carriera, sugli obiettivi dopo il college e altro ancora.

Gopher Sport: Come ti sei avvicinato all’hockey per la prima volta?

Savannah Norcross: Mia madre si stava iscrivendo a mio fratello per imparare a pattinare e mi sono rivolto a mia madre e le ho detto: “E io?” Mia madre ha risposto facendomi la stessa domanda. Ho insistito per chiedere e ordinare lo stesso giorno fino a quando mia madre non ha scritto un assegno per la registrazione.

GS: Quali sono i tuoi primi ricordi dell’hockey?

SN: Incontra il mio migliore amico da casa. Si chiama Abby Stafford e ricordo solo che correvamo per le piste tenendosi occupati a vicenda mentre entrambi i nostri fratelli si allenavano e giocavano!

GS: In che modo pensi che la tua prima esperienza con l’hockey abbia influenzato il tuo sviluppo in questo sport?

SN: Giocare con mio fratello fino a quando non stavo per diventare uno spruzzatore ha plasmato la mia crescita e il mio amore per questo sport. Competeriamo tra di noi, soprattutto quando eravamo più giovani, e facciamo sempre anche giochi di destrezza. Penso che l’equilibrio tra divertimento e duro lavoro in così giovane età sia ciò che mi ha davvero permesso di continuare ad amare questo sport. Amo l’hockey adesso come quando avevo sei anni.

GS: Quando hai capito che giocare a hockey della Divisione I era una possibilità per te?

SN: Alle medie, ho frequentato molte partite di hockey femminile alla Boston University. Fu in quel periodo che iniziai a credere in me stesso sapendo che un giorno avrei suonato in un college di prim’ordine.

GS: Come hai scelto l’Università del Minnesota?

SN: Tutto sembrava molto professionale. Le ragazze trattano persino gli sport e le pratiche come se fossero atleti professionisti. Sapevo di voler venire a giocare alla WCHA e non credo che ci fosse un posto migliore del Minnesota, Hockey State! Alla fine, le ragazze e il personale sono stati molto accoglienti ed è tutto ciò che avrei potuto chiedere.

READ  "La velocità è ancora lì", dice Marquez sull'impressionante ritorno della MotoGP.

GS: Com’è la tua famiglia? Come hanno influito sulla tua carriera calcistica?

SN: Ho due genitori amorevoli che mi hanno sempre sostenuto in tutto. Sono così grato di avere un’intera famiglia, compresa la mia famiglia allargata, che è sempre stata di supporto e di aiuto durante la mia carriera da giocatore. Niente di tutto questo sarebbe possibile senza che tutti mi amino e mi sostengano 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ho un fratello di 18 anni, Billy, che è uno studente delle superiori. Billy è anche un giocatore di hockey di talento naturale e la persona che lavora più duramente che io conosca. Lo guardo molto. Descriverei la mia famiglia come la migliore famiglia italiana e irlandese del mondo!

GS: Come ti descriverebbe la tua famiglia?

SN: La mia famiglia probabilmente mi descriverebbe come genuina e implacabile. Di solito non faccio le cose nel modo “tradizionale” e non mi fermo mai, che sia in classe o sul ghiaccio, quando le cose si fanno dure o difficili. A volte mi definirei un idiota.

GS: Hai praticato altri sport durante la crescita?

SN: Sì, ho giocato a hockey e softball durante la mia infanzia e al liceo. Mi è piaciuto ogni parte e mi manca molto fare quegli sport ogni giorno.

GS: Cosa ti piace fare nel tuo tempo libero al di fuori dell’hockey e della scuola?

SN: Amo dormire, leggere e fare shopping quando è il momento giusto.

GS: C’è un giocatore di hockey che ti è piaciuto o che hai cercato?

SN: Crescendo, ho visto suonare Mary Philip Pauline e lo guardo ancora. È la migliore giocatrice di hockey che abbia mai visto personalmente. Vengo da Boston e vado a molti giochi alla Boston University, quindi ho cercato molte di queste ragazze come Sarah Appleton, Jenelle Kohanchuk e Lauren Sherwick. Ho già i loro bastoni appesi sopra il mio letto a casa.

READ  Cristiano Ronaldo: L'attaccante della Juventus si prepara a nuovi colloqui per l'estate notizie di calcio

GS: Quali sono i tuoi obiettivi di carriera dopo il college?

SN: Professionalmente, vorrei continuare a fare sport. Dato che ho studiato psicologia, penso che farei bene con una squadra sportiva professionista per essere uno psicologo dello sport/allenatore di abilità mentali. Ho anche un interesse per le trasmissioni sportive e ho una passione per lavorare con bambini/adulti nel campo dell’educazione speciale e amo aiutare le persone fino a quando non mi vedo coinvolto in qualcosa del genere.

Per quanto riguarda la mia carriera nell’hockey, mi piacerebbe continuare a giocare e competere ai massimi livelli che posso raggiungere. Aspiro ad andare alle Olimpiadi. Ci sono molte opportunità di giocare dopo il college, ma è qualcosa di cui non mi preoccupo troppo al momento. Ho intenzione di giocare e
Sviluppo del gioco.

GS: Di quale parte del tuo gioco ti fidi e su quale parte del tuo gioco vuoi lavorare di più?

SN: Credo che come atleta, in qualsiasi sport, devi fidarti del tuo gioco. Se non hai fiducia nel tuo gioco, nessuno lo farà. Ho amici, che ora giocano a livello professionale e ci sono riusciti, che me lo hanno insegnato. Devi averlo senza essere arrogante. Lo possiedi perché passi il 90% della tua giornata a investire o a pensarci. Sono fiducioso nella mia capacità di aiutare i miei compagni di squadra a raggiungere il loro pieno potenziale. Mi piace far apparire gli altri ragazzi e suonare al meglio quando sono sul ghiaccio con loro; Questo è molto importante per me. Ci sono molte cose su cui devo lavorare, ma una cosa in particolare su cui devo lavorare è non prendere la strada facile. Ad esempio, affettare in modo aggressivo la griglia invece di restringere lo spazio e percorrere così tanto il perimetro. So che se voglio ottenere risultati per i miei compagni di squadra, devo andare nel modo più duro, ma alla fine della giornata so che sarà ripagato.

READ  Sports Digest: Allgaier appuntato sulla vittoria di Xfinity a Darlington

GS: C’è stato qualcosa di speciale che ti ha colpito della squadra o degli allenatori durante la tua visita che ha cementato la tua decisione di venire all’Università del Minnesota?

SN: Sì, era molto chiaro che l’intero team, compreso lo staff, è molto dedicato al programma. Tutti quelli con cui ho parlato prima di decidere dove andare mi hanno mostrato che hanno davvero cercato di migliorare dell’1% ogni giorno. Do molto credito a Hengler cristallino che ho incontrato ed è stato un compagno di stanza anni fa all’USA Hockey Camp. Vivo con lei ora e mi fa sempre sentire molto a mio agio perché è una bambina così ottimista. merito anche io Taylor Hayes Chi è stato molto aperto e onesto riguardo al programma qui. Era disposta a fare tutto ciò che era in suo potere per portarmi qui e apprezzo davvero dal profondo del mio cuore quanto ha contribuito alla mia esperienza qui finora.

Fatti veloci con Savannah Norcross!
Ingredienti preferiti per la pizza: formaggio o margarita
Stagione preferita: L’autunno
passatempo favorito: Colorazione o disegno ad acqua
Programma TV preferito: L’ufficio o I Simpson
Coppia preferita in TV: Jim e Pam (l’ufficio)
Animale preferito: Il mio cane
I giocatori di hockey dovrebbero sempre _________: Tieni un nastro trasparente nella loro borsa
Atleta preferito: Sidney Crosby
talento nascosto: Cliccando danza
Elenca uno degli alimenti che rifiuti di mangiare: spezie
Vacanza preferita: giorno di San Patrizio
lavoro dei sogni: Conduttore sportivo o psicologo sportivo
Persona notturna o mattiniera: notte
Esercizio preferito: Panca o yoga
La paura più grande: Vivere senza influenzare la vita di qualcuno.
vacanze da sogno: Lago di Como, Italia
Sport preferiti da guardare oltre all’hockey: baseball