Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

In mezzo al panico del Delta, l’UE si aspetta una maggiore crescita dell’eurozona

Una donna siede in un bar a Campo de’ Fiori dopo che le restrizioni sul coronavirus (COVID-19) sono state allentate nella regione Lazio, Roma, Italia, 1 febbraio 2021. REUTERS/YARA Nardi/File Photo

  • La zona euro crescerà del 4,8% quest’anno, dal 4,3% precedentemente stimato
  • La Commissione dell’Unione Europea mette in guardia sui rischi posti dalla diffusione delle varianti del virus
  • L’inflazione salirà all’1,9% quest’anno a causa di fattori di transizione
  • EU Gentiloni non vede nuove restrizioni a causa della variabile delta متغير

BRUXELLES (Reuters) – L’economia della zona euro crescerà più velocemente del previsto quest’anno e il prossimo, ha affermato mercoledì la Commissione europea, nonostante le preoccupazioni emergenti che il modello delta in rapida diffusione del coronavirus potrebbe portare a nuove restrizioni.

Anche il braccio esecutivo dell’Unione Europea prevede che l’inflazione sarà più alta quest’anno per il blocco di 19 nazioni rispetto a quanto previsto in precedenza, ma le stime sulla crescita dei prezzi al consumo rallenterà l’anno prossimo.

La Commissione dell’Unione Europea ha previsto che l’eurozona crescerà del 4,8% quest’anno, molto più velocemente dell’espansione del 4,3% prevista a maggio.

La commissione ha affermato che il significativo aggiustamento al rialzo è dovuto in gran parte alla riapertura delle economie nazionali del blocco nel secondo trimestre, che ha beneficiato il settore dei servizi e si prevede che aumenterà il turismo all’interno dell’Unione europea. Ha notato che l’attività economica nel primo trimestre dell’anno ha superato le aspettative iniziali.

La ripresa dalla crisi economica causata dalla pandemia dovrebbe continuare il prossimo anno, con l’eurozona che dovrebbe crescere del 4,5%, più del 4,4% stimato a maggio.

READ  L'Essex Junction The Food Bar si ispira alle radici italiane del proprietario nel New Jersey

Più facilitazione?

Il comitato ha avvertito che le sue stime si basano sul presupposto che ci sarà un ulteriore allentamento delle restrizioni causate dalla pandemia nella seconda metà del 2021. Pertanto, i rischi legati alle prospettive sono rimasti elevati, sebbene considerati equilibrati.

Ha sollecitato un’ulteriore intensificazione della campagna di vaccinazione per contenere le minacce poste dalla diffusione e dall’emergenza delle varianti del Coronavirus, in particolare attraverso la variante delta più trasmissibile. Si prevede che Delta diventerà dominante in Europa quest’estate, ha affermato la commissione, citando le stime dell’agenzia di prevenzione delle malattie dell’UE.

“La diffusione della variabile delta è un duro promemoria che non siamo ancora fuori dall’ombra della pandemia”, ha affermato il commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni.

Tuttavia, è rimasto ottimista sulla capacità dell’Europa di tenere sotto controllo la nuova alternativa, anche senza imporre nuove misure di contenimento.

“Non vedo ora all’orizzonte nuove restrizioni in arrivo in modo massiccio in tutta Europa”, ha detto in una conferenza stampa.

Questo ottimismo contrasta con le preoccupazioni degli economisti sulla variabile delta, che potrebbe causare ripetute ondate di infezione a causa della sua elevata trasmissibilità.

“Anche se il ricovero in ospedale è inferiore, queste ondate possono avere un impatto continuo sui modelli di spesa, specialmente in quelle economie in cui i tassi di vaccinazione sono molto bassi o in stallo”, ha affermato George Saravelos di Deutsche Bank.

La via da seguire, ha detto Gentiloni, è vaccinare completamente più persone. Più del 62% della popolazione adulta nell’Unione Europea ha ricevuto almeno una dose di vaccino e il 45% è stato completamente vaccinato.

READ  Più di 1.200 migranti arrivano sull'isola italiana in barca

Tuttavia, la Commissione ha riconosciuto che la campagna di vaccinazione “potrebbe iniziare a superare le restrizioni all’ammissione” e Gentiloni ha avvertito che il ritmo lento della vaccinazione nei paesi meno sviluppati potrebbe influire sulla crescita europea.

inflazione economica

Nonostante le preoccupazioni, Bruxelles ha rivisto al rialzo le sue previsioni di crescita per quest’anno per le tre maggiori economie del blocco, con la Francia che vede un’espansione del 6,0%, l’Italia del 5,0% e la Germania del 3,6%.

L’anno prossimo, la crescita accelererà al 4,6% in Germania e dovrebbe rimanere forte al 4,2% sia in Francia che in Italia.

L’economia dell’eurozona dovrebbe tornare al livello pre-crisi nell’ultimo trimestre di quest’anno, anche se rimarrà al di sotto del livello previsto prima dell’arrivo della pandemia.

L’inflazione, che è diventata una delle principali preoccupazioni per gli economisti con l’accelerazione della crescita economica globale, dovrebbe raggiungere l’1,9% quest’anno nella zona euro a causa di “fattori di transizione”, in aumento dall’1,7% stimato dalla Commissione a maggio. L’anno prossimo dovrebbe rallentare all’1,4%.

La Banca centrale europea punta a un’inflazione nell’Eurozona di poco inferiore al 2%.

Tuttavia, l’esecutivo dell’UE ha avvertito che “l’inflazione potrebbe diventare più alta del previsto, se i vincoli di offerta persistono e le pressioni sui prezzi vengono trasferite ai prezzi al consumo in modo più aggressivo”.

(Segnalazione di Francesco Guaracio, Fraguarascio e Marin Strauss); Montaggio di Toby Chopra

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.