Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

In Italia sale la povertà estrema sullo sfondo della piaga del Corona virus

Le persone si mettono in fila per il cibo gratis mentre gli italiani lottano per adattarsi a un clima economico difficile in mezzo alla pandemia di coronavirus a Milano, Italia, 14 dicembre 2020. REUTERS/Flavio Lo Scalzo/File Photo

Il numero di italiani che vivono in condizioni di estrema povertà è aumentato drasticamente nel 2020, raggiungendo il livello più alto in almeno 15 anni, secondo i dati di mercoledì, poiché la crisi del coronavirus ha causato sofferenze economiche per la maggior parte del paese.

L’anno scorso, circa 5,6 milioni di persone, pari al 9,4% della popolazione, vivevano in condizioni di estrema povertà, definite come coloro che non erano in grado di acquistare i beni e i servizi necessari per raggiungere un “tenore di vita minimo accettabile”, ha riferito l’Ufficio per le statistiche nazionali.

Rispetto a 4,6 milioni di persone, o al 7,7% della popolazione, nel 2019, è stata la lettura peggiore da quando sono iniziati i dati comparabili nel 2005.

In termini di famiglie, lo scorso anno sono precipitate in condizioni di estrema povertà poco più di 2 milioni di famiglie, il 7,7% del totale, rispetto al 6,4% del 2019. Nel sud più povero, il 9,4% delle famiglie viveva in condizioni di estrema povertà, mentre al nord il la cifra era del 7,6%.

L’economia italiana si è ridotta dell’8,9% nel 2020, la sua più grande recessione del dopoguerra, con blocchi volti a rallentare la diffusione del coronavirus che colpisce le imprese.

Il numero di persone che vivono in condizioni di estrema povertà comprende 1,3 milioni di minori, il 13,5% di tutti i minori di 18 anni in Italia, rispetto all’11,4% del 2019.

READ  Stallergenes Greer presenta la medicina di precisione all'EAACI 2021

Il gruppo più colpito è quello degli stranieri, con il 29,3% degli immigrati registrati – circa 1,5 milioni di persone – che vivono in condizioni di estrema povertà rispetto al 7,5% di chi ha la cittadinanza italiana.

Tuttavia, il numero degli italiani che vivono in “povertà relativa” – quelli il cui reddito disponibile è inferiore alla metà della media nazionale – è sceso al 13,5% della popolazione lo scorso anno dal precedente 14,7%.

L’Istat ha affermato che il calo è dovuto a un forte calo della spesa delle famiglie in generale, che ha influenzato il calcolo.

(Crispian Palmer Report) Montaggio di Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.