Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

In Francia, uno yacht di lusso sequestrato provoca mal di testa, non solo al suo proprietario

  • Yacht detenuti da Francia, Spagna, Germania e Italia
  • I costi operativi possono raggiungere milioni di dollari al mese
  • La responsabilità per i costi dipende dallo stato giuridico della nave

LA Ciotat, Francia, 4 aprile (Reuters) – In un angolo tranquillo della Costa Azzurra, i cantieri La Ciotat hanno dichiarato di fatturare le tasse di ormeggio per l’imponente yacht bianco Amore Vero, ma non sapeva a chi inviarle. .

La nave di 86 metri (282 piedi) è stata trattenuta dai funzionari doganali mentre il suo equipaggio si preparava a salpare dal porto la notte del 2 marzo, due giorni dopo che l’Unione Europea aveva aggiunto Igor Sechin, capo della compagnia petrolifera statale russa Rosneft, a la nave. Elenco delle sanzioni per la guerra in Ucraina.

Il ministero delle finanze francese afferma che lo yacht è di proprietà di una società controllata da Sechin, uno degli alleati di lunga data del presidente russo Vladimir Putin. Il ministero ha rifiutato di nominare la società.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ma Sechin lo ha smentito in una dichiarazione inviata a Reuters da Rosneft.

Il ministro delle finanze Bruno Le Maire ha dichiarato che la Francia ha formalmente rilevato l’Amore Vero, una mossa che secondo i funzionari garantisce la custodia statale dello yacht e lascia i costi a carico dell’armatore.

Due società coinvolte nella manutenzione dello yacht hanno affermato che le autorità non hanno notificato a terzi lo stato della nave, rendendo poco chiaro chi fosse responsabile della sua manutenzione. Mentre i conti si accumulano, un dirigente di La Ciotat Shipyards ha affermato che la società non è sicura di come riscuotere i soldi.

“Stiamo continuando a fatturare”, ha affermato Alice Boisseau, responsabile delle comunicazioni per La Ciotat Shipbuilding. Quando le è stato chiesto chi avrebbe pagato il conto, ha detto: “Non lo sappiamo”.

READ  Dopo che il G20 ha ratificato un accordo fiscale, l'Italia afferma che la digital tax potrebbe durare altri due anni

Boisseau ha rifiutato di rispondere ad altre domande. L’agenzia doganale francese ha rifiutato di commentare il motivo per cui non aveva informato i cantieri navali dello stato dello yacht.

Le domande che incombono su Amore Vero indicano le complicazioni che le autorità devono affrontare quando prendono di mira i beni degli alleati di Putin e le turbolenze che si stanno verificando per alcune imprese.

Nell’Unione Europea, la ricchezza finanziaria degli oligarchi rimane sostanzialmente invariata Leggi di più, ma i paesi europei hanno congelato o confiscato beni fisici, tra cui proprietà e almeno 11 yacht di lusso.

John Dalby, proprietario di Marine Risk Management, che recupera beni marittimi per conto di compagnie assicurative e banche, ha affermato che i governi mediterranei hanno poca esperienza con le complessità legali del sequestro di yacht di lusso.

“C’è una mancanza di coerenza in quello che fanno le persone: tra agenzie governative e altre terze parti, come i creditori”, ha detto Dalby, aggiungendo di aver parlato con le autorità del Mediterraneo e degli Stati Uniti.

Ha detto che i creditori degli yacht confiscati – come i fornitori di carburante o le società di gestione dell’equipaggio – potrebbero chiedere al tribunale di vendere la nave per recuperare i loro debiti. L’agenzia doganale francese non ha commentato.

Proprietà

I russi possiedono quasi uno yacht di lusso su 10, secondo il sito web specializzato Superyacht Times.

Alcuni di questi di proprietà di individui sanzionati attraccano in rifugi sicuri – come l’eclissi romana di Abramovich e Solaris in Turchia – o navigano in acque internazionali al di fuori della giurisdizione delle nazioni sanzionanti.

Le Maire ha detto che l’Amore Ferro, che si trovava in un porto in Francia, aveva subito una ristrutturazione da parte dello specialista di yacht di lusso MP92 quando sono state imposte le sanzioni.

READ  I ristoratori di Barolo si trasferiscono e vendono attività

Il ministro ha affermato che le autorità hanno confiscato l’Amore Ferro e non solo congelato perché il suo tentativo di lasciare il porto violava il regime delle sanzioni dell’UE e violava la legge francese.

Alla domanda se avesse ricevuto l’intero importo per il rinnovo o se si aspettasse di farlo, MP92 ha detto a Reuters: “Stiamo ancora aspettando una notifica ufficiale dalla dogana che chiarisca lo stato ufficiale della nave”.

L’avvocato marittimo Pascal Flute ha affermato che le difficoltà nel determinare la proprietà dei mega yacht potrebbero essere una delle ragioni per cui le autorità francesi non hanno notificato a terzi lo status dell’Amore Vero.

Flott ha detto che i super ricchi spesso controllano i loro beni attraverso una rete di società di comodo nei paradisi fiscali offshore. Amore Vero sventola sotto la bandiera delle Isole Cayman.

L’ufficio doganale ha rifiutato di commentare.

Brutte sorprese

Flot ha affermato che i costi operativi annuali per i più grandi superyacht potrebbero raggiungere il 10% del loro valore, inclusi gli stipendi dell’equipaggio, le riparazioni, il carburante, il cibo, l’assicurazione, le tasse di ormeggio e le utenze a terra.

Per una nave come la barca a vela A da 540 milioni di dollari, di proprietà del barone del carbone e dei fertilizzanti Andrei Melnichenko e detenuta nel porto italiano di Trieste, ciò potrebbe significare milioni di dollari ogni mese. Per saperne di più

In Italia i beni congelati sono gestiti da un funzionario incaricato dal governo e le spese di manutenzione sono a carico dell’Agenzia del Demanio. Deve essere rimborsato dal proprietario in seguito o lo Stato può vendere il bene per recuperarne le spese.

READ  Ora Danimarca, Portogallo e Slovenia sono entusiasti della spedizione diretta con Chattogram

L’agenzia italiana Agenzia del Demanio ha rifiutato di commentare. I rappresentanti di Melnichenko non hanno risposto a una richiesta di commento.

In Francia e Spagna, i costi di gestione di uno yacht “congelato” o sequestrato rimangono a carico del proprietario. Rachel Lynch del sindacato dei marittimi Nautilus International ha affermato che il divieto sui loro conti bancari significava che i proprietari sanzionati spesso non erano in grado di pagare.

Un altro rischio per i governi è il sequestro di navi ingiustamente, ha affermato Giannis Markogiannis, un avvocato greco specializzato in diritto internazionale della nautica da diporto, assicurazioni e fiscalità.

Ha indicato che uno yacht sequestrato la cui proprietà non può essere collegata a un nome nell’elenco delle sanzioni è stato rilasciato, lasciando lo Stato responsabile per qualsiasi deterioramento delle sue condizioni o danni durante il suo congelamento. I proprietari possono anche citare in giudizio per mancato guadagno o divieto di utilizzo.

“Tutte queste questioni devono essere gestite con attenzione dal paese occupante per evitare brutte sorprese”. disse Markogiannis.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ulteriori servizi di Lilly Forudi a La Ciotat, Jonathan Saul a Londra, Aceline Laing a Madrid, Aldair Ball a Male; Rapporti aggiuntivi di Catarina Dimoni a Lisbona, Corina Pons e Joan Faus a Madrid; Scritto da Riccardo Amore. Montaggio di Daniel Flynn

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.