Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

In che modo l’aspetto di un robot può influenzare il cervello umano?

  • Il contatto visivo con un robot si è da tempo dimostrato inquietante – ha persino un nome, “Super Valley”.
  • Ma una nuova ricerca mostra che lo sguardo di un robot può indurci a pensare che stiamo interagendo socialmente e rallentare il nostro processo decisionale.
  • La ricerca potrebbe avere implicazioni per la distribuzione di robot umanoidi.

È noto da tempo che il contatto visivo con un robot può essere un’esperienza inquietante. Gli scienziati hanno persino un nome per questa sensazione spiacevole: “Super Valley”.

Ora, grazie ai ricercatori in Italia, sappiamo anche che è più di una semplice sensazione.

Un team dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova ha mostrato come lo sguardo di un robot può indurci a pensare che stiamo interagendo socialmente e rallentare la nostra capacità di prendere decisioni.

“Lo sguardo è uno spunto sociale molto importante che usiamo quotidianamente quando interagiamo con gli altri”, ha affermato la professoressa Agnieszka Wikoska, autrice principale della ricerca, pubblicata mercoledì sulla rivista Science Robots.

“La domanda è se lo sguardo di un robot susciterà meccanismi molto simili nel cervello umano come lo sguardo di un altro umano”.

Il team ha chiesto a 40 volontari di giocare a un videogioco “pollo” – in cui ogni giocatore deve decidere se consentire a un’auto di guidare dritta verso un’altra auto o sterzare per evitare la collisione – contro un robot umanoide seduto di fronte a loro.

Tra un round e l’altro, i giocatori dovevano guardare il robot, che a volte guardava indietro e altre volte.


“I nostri risultati mostrano che in effetti il ​​cervello umano elabora la percezione del bot come un segnale sociale, e questo segnale ha un impatto sul modo in cui prendiamo le decisioni, sulle strategie che usiamo nel gioco e anche sulle nostre risposte”, ha detto Wikoska. .

“Lo sguardo reciproco del robot ha influenzato le decisioni ritardandole, quindi gli umani erano molto più lenti nel prendere decisioni nel gioco”.

I risultati hanno implicazioni su dove e come verranno impiegati i robot umanoidi in futuro.

“Una volta compreso quando i robot provocano l’armonia sociale, possiamo decidere quale tipo di contesto è desiderabile e vantaggioso per gli esseri umani e in quale contesto ciò non dovrebbe accadere”, ha affermato Wikoska.

Secondo un rapporto dell’International Federation of Robotics, le vendite globali di robot di servizio professionali sono già aumentate del 32% a 11,2 miliardi di dollari tra il 2018 e il 2019.