Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Impianti di recupero pannelli che utilizzano la tecnologia europea apriranno nel Queensland prima del lancio nazionale – PV Australia Magazine

Il Queensland ospiterà presto due impianti di riciclo solare e recupero dei materiali dopo che Solar Recovery Corporation ha annunciato la sua partnership con La Mia Energia, un consorzio italiano che ha sviluppato un processo di riciclaggio dei pannelli che afferma di poter recuperare fino al 99% delle materie prime. Le società partner prevedono di espandersi in tutta l’Australia nei prossimi due anni.

Una società australiana relativamente nuova chiamata Solar Recovery Corporation ha annunciato che acquisterà la proprietà intellettuale (IP) e la tecnologia per un gruppo italiano con un’esperienza decennale nel recupero di materiali da pannelli solari scaduti.

Oltre ad acquistare il processo di recupero brevettato del consorzio, il co-fondatore di La Mia Energia, il dottor Francesco, e il suo team di ingegneri verranno in Australia per aiutare a creare i primi impianti di lavorazione e supervisionare la replica del modello di business europeo dell’azienda in Australia.

Le aziende affermano che la tecnologia pulita brevettata di La Mia Energia recupera oltre il 99% di “tutti i tipi” di pannelli solari a fine vita senza utilizzare tecniche di cracking, sostanze chimiche, trattamento termico o pirolisi.

I primi due impianti di lavorazione saranno a Biloela, nel Queensland centrale, ea Townsville, sulla costa settentrionale dello stato. Le stazioni dovrebbero essere pienamente operative entro marzo 2022.

La società dice che prevede di espandersi a livello nazionale “entro i prossimi 24 mesi”.

La partnership vedrà Solar Recovery Corporation garantire in esclusiva la tecnologia pulita brevettata di La Mia Energia sia per l’Australia che per la Nuova Zelanda.

Solar Recovery Corporation ha sede a Victoria e non ha specificato il motivo per cui ha scelto di installare entrambi gli impianti nel Queensland. La società sembra essere stata fondata nel gennaio dello scorso anno, con ancora poche informazioni disponibili su Internet.

READ  Il sito pianificato di Pearland fa parte dell'espansione regionale italiana dei ghiacciai Jeremiah

Il presidente del comitato consultivo dell’azienda, Rob Gill, che è anche CEO di ReThink Sustainability, ha affermato che la tecnologia dell’economia circolare è la direzione in cui l’industria solare dovrebbe dirigersi.

“Oltre al riciclaggio, al recupero dei materiali, alla gestione del prodotto e alla responsabilità estesa del produttore, c’è il nuovo sistema”, ha affermato Gill. “Non possiamo permetterci di smaltire materiali di valore che possono essere rivalutati e riutilizzati, idealmente in nuovi pannelli solari, adottando una tecnologia rivoluzionaria come questa”.

Il materiale recuperato dai pannelli sarà reso disponibile per il riutilizzo in una serie di flussi di produzione, che secondo la società ridurranno le emissioni di anidride carbonica, la necessità di metalli vergini e forniranno una soluzione economica e circolare al crescente problema dei pannelli in Australia.

L’Australia ha uno dei più alti tassi di assorbimento solare sui tetti al mondo, con oltre 3 milioni di case che ora utilizzano l’energia dei pannelli solari, ma un numero crescente di unità sta entrando nel flusso dei rifiuti quando raggiungono la fine della loro vita mentre altre vengono smaltiti prematuramente Perché il progresso tecnologico aumenta l’efficienza e riduce i costi per le nuove unità.

I ricercatori dell’Università dell’Australia Meridionale hanno stimato che più di 100.000 tonnellate di moduli solari entreranno nel flusso dei rifiuti entro il 2035 e che attualmente tutti i pannelli solari scaduti o scartati in Australia andranno in discarica.

Un numero crescente di organismi in Australia sta cercando di avviare il riciclaggio e il recupero solare, con Reclaim PV che ha ampliato le sue operazioni lo scorso anno. Allo stesso modo, a dicembre l’Università di Melbourne e la RMIT University hanno annunciato una partnership con la società con sede a Melbourne OJAS per sviluppare una struttura di “riciclaggio dell’energia solare”.