Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Vaticano emette un timbro di street art e finisce per intentare una causa

Il Vaticano emette un timbro di street art e finisce per intentare una causa

Roma -Una notte all’inizio del 2019, l’artista di strada romana Alicia Papro ha incollato un’immagine stilizzata di Cristo che aveva dipinto su un ponte vicino al Vaticano. Un anno dopo, sono rimasto scioccato nell’apprendere che il Vaticano aveva apparentemente utilizzato una riproduzione della sua immagine, raffigurata sul suo caratteristico cuore adornato con il petto di Cristo, come affrancatura di Pasqua per il 2020.

Papreux ha citato in giudizio l’Ufficio Comunicazioni dello Stato del Vaticano in un tribunale di Roma il mese scorso, sostenendo che stava sfruttando ingiustamente la sua creatività e violando l’intento originale della sua opera d’arte. La causa, che chiede un risarcimento di 130.000 euro, afferma che il Vaticano non ha risposto formalmente ai tentativi di Papro di negoziare un accordo dopo aver scoperto che aveva usato la sua foto senza il suo consenso e poi l’aveva venduta.

“Non potevo crederci”. Babru ha detto all’AP in un’intervista, a pochi passi da Piazza San Pietro, “Onestamente ho pensato che fosse uno scherzo. “Il vero shock è stato che non ti aspettavi certe cose da certe organizzazioni”.

anno Domini

Il Vaticano ospita alcune delle più grandi opere d’arte di sempre e protegge vigorosamente il suo diritto di riproduzione facendo rispettare il suo copyright su tutto, dalla Cappella Sistina alla Casa di Michelangelo. Ma ora la situazione è cambiata e il Vaticano è accusato di aver violato i diritti di proprietà intellettuale dell’artista di strada.

Gli avvocati del diritto d’autore che hanno familiarità con il caso affermano che è un punto di riferimento importante per l’Italia e la prova del crescente apprezzamento della street art in stile Banksy e della convinzione che la “guerrilla art” anonima meriti protezione contro la promozione aziendale non autorizzata. O, in questo caso, marketing della chiesa.

Massimo Stirby, la cui azienda a Roma ha rappresentato l’agenzia per il controllo dei parassiti di Banksy nei casi di copyright, ha affermato che la legge sulla proprietà intellettuale in gran parte dell’Europa e degli Stati Uniti protegge i diritti degli artisti anche se l’opera d’arte è creata illegalmente su proprietà pubblica o privata.

READ  Puoi provare 22 nuovi ristoranti, negozi e bar

anno Domini

“La legge è considerata irrilevante se il lavoro è realizzato su carta, tessuto, un muro o un ponte”, ha detto Sterby. Ha detto che le persone che poi commercializzano l’opera senza fare sforzi in buona fede per trovare l’artista e negoziare l’uso dell’immagine “lo fanno a proprio rischio e responsabilità”.

Il capo dell’ufficio francobolli, Massimo Olivieri, ha detto che l’Ufficio francobollo vaticano ha rifiutato di commentare la causa. Anche l’ufficio stampa vaticano ha rifiutato le richieste di commento.

L’opera in questione è una stampa di Cristo alta 35 cm che è stata installata sulla famosa opera del pittore tedesco Heinrich Hoffmann nel XIX secolo. Sul torso di Cristo c’è il segno rivelatore di Babru: un’immagine di un cuore umano con le parole “Just Use It” scritte in stile graffiti.

Il lavoro fa parte del progetto “Just Use It” di Papro, che è iniziato nel 2013 e ha coinvolto cuori simili a Buddha, il dio indù Ganesha e la Vergine Maria che si possono trovare sui muri, scale e ponti intorno a Roma, così come su una massiccia replica che adorna le impalcature del palazzo.

anno Domini

Babrou afferma che il concetto del progetto è quello di “migliorare l’intelligenza e la mente del cuore” in modo completo e non giudicante. L’avvocato Mauro Lanfranconi ha sostenuto nella causa che dedicando l’immagine alla promozione della Chiesa cattolica, il Vaticano aveva “irreversibilmente distorto” le intenzioni artistiche di Pappro e il suo messaggio che non c’erano verità universali.

Papro dice di aver creato l’immagine di Cristo il 19 febbraio 2019 e poco dopo l’ha apposta su un muro di marmo calcareo dal ponte principale al Vaticano, uno delle dozzine di dipinti che ha posizionato quella notte. Intorno al centro di Roma. L’opera porta le iniziali del suo nome scritte all’interno del cuore.

READ  10 dei migliori ristoranti di Shagreen Falls

Ho scoperto che era usato come timbro per il Vaticano quando un famoso fotografo d’arte lo vide a Roma e lo riconobbe subito come opera di Papro.

Olivieri, il capo del dipartimento di cassa del Vaticano, ha detto a un giornalista italiano di aver scattato una foto di Cristo quando l’ha vista sulla sua moto un giorno e ha deciso di usare la foto nel francobollo di Pasqua in un apparente tentativo di corteggiare una nuova generazione. Da filatelisti.

anno Domini

Nei commenti fatti dal giornalista sul blog di arte online “Artslife.com”, Olivieri ha detto di temere che alti funzionari della Santa Sede avrebbero resistito all’uso di un francobollo in stile graffiti per la Pasqua. Di solito il Vaticano potrebbe scegliere un maestro antico per riprodurlo dai Musei Vaticani.

“Invece l’accettazione è stata immediata e convincente”, ha detto Olivieri.

Il Vaticano ha stampato 80.000 francobolli iniziali di Cristo al prezzo di 1,15 euro a pezzo, secondo la causa. I francobolli e la cartella commemorativa erano ancora in vendita presso le Poste Vaticane la scorsa settimana e sono stati messi in evidenza nell’ufficio del cassiere come oggetto promozionale in vendita.

La causa sostiene che l’avvocato di Babrou ha inviato una lettera registrata ed e-mail all’ufficio di raccolta di francobolli e monete identificando Babru come artista, ma non c’è stata risposta scritta alla sua richiesta di negoziare i termini di utilizzo, spingendola a intentare una causa.

Ha detto: “Pensavo che stessero agendo in buona fede, e mi stavano davvero cercando, come se fosse scritto sui giornali. Sembra che non fosse così perché non volevano incontrarmi”.

READ  Paul Gascoigne è quasi caduto da un elicottero a bordo di una Anna A Celeb italiana

anno Domini

Papro ha sottolineato che la causa non era un attacco alla Chiesa cattolica o al Vaticano, ma piuttosto un tentativo di proteggere i suoi diritti e assicurarsi che le sue opere d’arte non fossero utilizzate per finanziare cose al di fuori del suo controllo.

Gli avvocati del diritto d’autore hanno affermato che lo status di Stato sovrano del Vaticano probabilmente non lo proteggerà dalla giurisdizione del tribunale italiano, data l’attività commerciale che si è svolta in Italia.

Il caso è in qualche modo sorprendente, dato che il Vaticano è esperto in diritti di proprietà intellettuale e ha mostrato il suo desiderio di proteggere i suoi diritti d’autore su tutto, dalle parole del Papa alle sue enormi collezioni d’arte.

Anni fa, la stampa vaticana chiedeva royalties ai giornalisti che scrivevano libri per ristampare i sermoni di Papa Benedetto XVI. I Musei Vaticani hanno sempre chiesto ai media che si occupano di eventi di cronaca al museo di accettare di cedere il copyright delle loro immagini, per timore che qualcuno tenti di riprodurre Raffaello senza il permesso del Papa.

anno Domini

Enrico Bonadio, professore di diritto della proprietà intellettuale presso la University of London Law School, ha affermato che gli artisti di strada possono utilizzare le stesse protezioni per le proprie creazioni.

“La legge non discrimina”, ha detto Bonadio in un’intervista telefonica. “Le leggi sul copyright non sottopongono la protezione di un’opera d’arte al fatto che si trovi in ​​una galleria o in un museo.

Copyright 2021 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.