Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il vaccino italiano COVID-19 mostra una forte risposta immunitaria nel mezzo della fase sperimentale

MILANO (Reuters) – Le speranze dell’Italia per un vaccino contro il COVID-19 sono state rafforzate lunedì quando la società biotecnologica locale Rethera ha affermato che il suo candidato al vaccino ha mostrato una forte risposta immunitaria e non ha mostrato effetti collaterali importanti in uno studio clinico di fase 2.

La società ha affermato in una dichiarazione che il vaccino, chiamato GRAd-COV2, ha causato un aumento della risposta anticorpale alla proteina SARS-CoV-2 in oltre il 93% dei volontari tre settimane dopo la prima dose e ha raggiunto il 99% dopo la seconda dose.

Tuttavia, ReiThera ha bisogno di almeno 60 milioni di euro (71 milioni di dollari) per finanziare i suoi studi finali di Fase 3 e ha subito un duro colpo a maggio quando una corte di controllo statale ha respinto un piano per iniettare fondi pubblici nella società. Leggi di più

ReiThera ha dichiarato lunedì che due comitati consultivi indipendenti hanno raccomandato di inserire GRAd-COV2 negli studi di fase 3, ma non hanno fornito un aggiornamento sui finanziamenti.

La società ha discusso nelle prime fasi di una possibile fornitura del suo vaccino all’Unione europea, che stava cercando di diversificare le forniture e aumentare la produzione di vaccini all’interno del blocco.

“Il nostro vaccino candidato ha confermato la sua eccellente sicurezza e il buon profilo immunitario in un ampio gruppo”, ha affermato Roberto Camerini, direttore medico di ReiThera, aggiungendo che l’azienda spera di poter avviare gli studi di fase 3 il prima possibile.

Lo studio di fase II, condotto in 24 centri clinici in Italia, ha incluso 917 volontari di età superiore ai 18 anni, il 25% dei quali aveva più di 65 anni e presentava condizioni associate ad un aumentato rischio di malattia grave con infezione da SARS-CoV-2 .

READ  Aggiornamento giornaliero: 15 giugno 2021

I volontari sono stati randomizzati in tre regimi, ricevendo una dose di vaccino seguita da una dose di placebo, due dosi di placebo o due dosi di placebo, con un intervallo di tre settimane tra le due somministrazioni.

Gli eventi avversi, per lo più da lievi a moderati e di breve durata, sono stati principalmente correlati a dolore e rigidità nel sito di iniezione, affaticamento, dolore muscolare e cefalea. Ha aggiunto che non ci sono stati effetti negativi gravi associati al vaccino

(1 dollaro = 0,8422 euro)

(Segnalazione di Emilio Parodi, Montaggio di Mark Potter)

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.