Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il vaccino contro il COVID-19 coltivato localmente in India, Covaxin, ottiene l’approvazione dell’OMS per l’uso di emergenza

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza per un vaccino COVID-19 sviluppato localmente in India, alimentando la speranza che il vaccino possa presto essere riconosciuto in più paesi.

L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha dichiarato in una dichiarazione di aver autorizzato il Covaxin, che è stato sviluppato dalla Bharat Biotech indiana in collaborazione con l’Indian Council of Medical Research, il principale ente di ricerca del governo.

“Questo elenco di usi di emergenza amplia la disponibilità di vaccini, che sono gli strumenti medici più efficaci di cui disponiamo per porre fine alla pandemia”, ha affermato la dott.ssa Mariangela Simao, vicedirettore generale dell’OMS per l’accesso ai medicinali.

Scarica

L’OMS ha dichiarato in un tweet su Twitter che il suo gruppo di consulenza tecnica ha stabilito che i benefici dello sparo superano significativamente i rischi e che soddisfa gli standard dell’OMS per la protezione contro il COVID-19.

Il gruppo di consulenza tecnica ha raccomandato che Covaxin venga somministrato in due dosi a distanza di quattro settimane per le persone di età pari o superiore a 18 anni.

Una donna indiana che indossa una maschera riceve un'iniezione di un vaccino contro il COVID-19.
Il vaccino ha ricevuto l’autorizzazione dal regolatore indiano nel gennaio 2020. (Afp: Bekas Das)

L’approvazione da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità arriva mesi dopo l’inizio della domanda indiana

Covaxin è l’ottavo vaccino contro il COVID-19 a ricevere il via libera dall’Organizzazione mondiale della sanità.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che il vaccino è risultato efficace al 78% nel prevenire il COVID-19 grave ed è “altamente appropriato” per i paesi poveri a causa dei suoi requisiti di conservazione molto più semplici.

Prima che le spedizioni di vaccini all’estero venissero frenate ad aprile, l’India ha donato o venduto oltre 66 milioni di dosi di COVID-19, incluso Covaxin, a paesi come Myanmar, Paraguay, Zimbabwe, Mauritius e Iran.

Bharat Biotech ha affermato che molti altri paesi, tra cui Brasile, Filippine e Messico, hanno eliminato il vaccino COVID-19.

L’azienda mira a raggiungere una capacità annua di 1 miliardo di dosi entro la fine del 2021, ovvero più di 80 milioni di dosi ogni mese, ma ha avuto problemi ad aumentare la produzione.

A luglio, il ministero della salute indiano ha dichiarato che la società fornisce una media di 25 milioni di dosi ogni mese, ma si prevede che aumenterà la produzione mensile a 58 milioni di dosi.

La decisione apre la strada ai viaggi internazionali

La decisione dovrebbe anche aiutare milioni di indiani che hanno ricevuto Covaxin a viaggiare fuori dal paese.

I paesi che riconoscono i vaccini COVID-19 approvati dall’OMS a fini di viaggio includono il Regno Unito, i membri dell’Unione Europea e il Canada.

L’Australian Therapeutic Goods Administration (TGA) questa settimana ha riconosciuto ufficialmente il Covaxin, il che significa che i viaggiatori internazionali che hanno ricevuto il vaccino saranno considerati completamente vaccinati all’ingresso in Australia.

Bloccato in un villaggio nel sud dell’India per nove mesi e impossibilitato a tornare al suo lavoro in Arabia Saudita, Sugathan B si è detto molto felice di apprendere la notizia.

“Sono molto soddisfatto dello sviluppo secondo cui l’approvazione dell’Organizzazione mondiale della sanità preclude la necessità di prendere un vaccino locale in Arabia Saudita”, ha detto B, aggiungendo che domenica intende partire per Dubai.

India kofaxine
Covaxin è stato ufficialmente riconosciuto dalla Australian Therapeutic Goods Administration (TGA) per scopi di viaggio. (Reuters: Amit Dev)

L’OMS approva la vittoria di COVAX

L’approvazione dell’OMS potrebbe anche aprire la strada all’India per impegnare le forniture allo sforzo globale di condivisione del vaccino COVAX, che è co-guidato dall’OMS e mira a fornire un accesso equo ai colpi per i paesi a basso e medio reddito.

L’iniziativa ha un disperato bisogno di più vaccini dopo aver fallito nel raggiungere i suoi obiettivi e aver ridotto significativamente il numero di dosi che dovrebbero essere consegnate entro la fine dell’anno.

Nella sua dichiarazione, l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che la procedura di quotazione è un prerequisito per la fornitura del vaccino COVAX e consente ai paesi di accelerare la loro approvazione normativa per l’importazione e la somministrazione di vaccini COVID-19.

Anna Marriott, direttore della politica sanitaria di Oxfam, ha affermato che il mandato dell’OMS dovrebbe “mettere a tacere coloro che hanno affermato che nei paesi in via di sviluppo mancano competenze ed esperienza nello sviluppo e nella produzione di farmaci e vaccini salvavita”.

Bharat Biotech ha chiesto che la ricetta e la conoscenza del vaccino siano condivise liberamente in modo che più produttori a livello globale possano produrlo.

Meno dell’1% dei vaccini contro il coronavirus del mondo è andato nei paesi poveri.

“Esortiamo Bharat Biotech a non seguire le loro orme”.

Un reparto ospedaliero pieno di un numero di letti con persone su macchine per l'ossigeno.
L’India ha interrotto le spedizioni di vaccini all’estero ad aprile mentre lottava con una mutazione mortale della variante delta COVID-19. (Reuters: Krishna in Das)

Prima che le spedizioni di vaccini all’estero venissero frenate ad aprile, l’India ha donato o venduto oltre 66 milioni di dosi di COVID-19, incluso Covaxin, a paesi come Myanmar, Paraguay, Zimbabwe, Mauritius e Iran.

Bharat Biotech ha affermato che molti altri paesi, tra cui Brasile, Filippine e Messico, hanno eliminato il vaccino COVID-19.

L’azienda mira a raggiungere una capacità annua di 1 miliardo di dosi entro la fine del 2021, ovvero più di 80 milioni di dosi ogni mese, ma ha avuto problemi ad aumentare la produzione.

A luglio, il ministero della salute indiano ha dichiarato che la società fornisce una media di 25 milioni di dosi ogni mese, ma si prevede che aumenterà la produzione mensile a 58 milioni di dosi.

ABC / filo

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 6 minuti 19 secondi

Come eseguire un test rapido dell’antigene

Scarica il modulo…

READ  Gli assorbenti sono stati posizionati lungo il "Grande Muro di Kuta" di Bali per impedire ai turisti immotivati ​​di entrare in spiaggia