Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il tradimento di Conte – l’Italia tra populisti e tecnocrati – commenta

L’attuale crisi politica in Italia è in realtà il risultato delle elezioni parlamentari del 2018. Ciò ha creato una situazione in cui era molto difficile formare una maggioranza in parlamento. Il risultato fu, per la prima volta in Europa, la formazione di un governo bipartitico da parte della Lega e del Movimento 5 Stelle (M5S). Alla carica è stato nominato un indipendente, Giuseppe Conte, per mancanza di consenso sulla persona di un presidente del Consiglio. Nell’agosto 2019, quando il sostegno di Conte è stato ritirato, la Lega ha sbagliato i calcoli, come previsto nel sistema delle elezioni anticipate. Con sorpresa di tutti, Conte è riuscito a formare una nuova maggioranza ed evitare elezioni anticipate. La nuova maggioranza di centrosinistra è basata sul M5S, il Partito Democratico (PD) e il Partito per la Libertà e l’Uguaglianza (LeU). L’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi ha approfittato della debolezza della nuova maggioranza e ha lasciato il Bjp per formare il nuovo partito italiano Viva, che si è costituito nel settembre 2019, poco dopo l’investimento del governo Conte II. Molti membri del governo Conte II lasciarono il PD e divennero membri della Viva italiana.

Il 13 gennaio Renzi ha annunciato le dimissioni dei ministri Italia Viva, che hanno portato alle dimissioni del governo Conte. La principale lamentela di Renzi riguarda il piano di ripresa economica post-epidemia, rispettivamente, aree in cui vengono investiti fondi dall’UE.

Inizialmente, tutti i partiti della coalizione di governo hanno condannato il gesto di Renzi, con i partiti dell’opposizione che hanno annunciato la loro intenzione di indire elezioni anticipate. L’Italia Viva ha generalmente rifiutato di lasciare il potere, il partito attualmente ha solo il 3% di intenzioni di voto e Renzi ha poca fiducia come politico.

READ  Viene stabilita la Fed Cup dove si giocherà il torneo di Romania

Renzi, elogiato per la gestione dell’epidemia, ha attaccato il punto più importante del governo: il piano per utilizzare le epidemie post-UE non era chiaro. Non esiste un piano definito diverso dallo scopo di dare priorità agli investimenti.

Il sostegno a Conte, il politico oggi più fidato, è stato messo alla prova il 18 gennaio da un voto di fiducia sia alla Camera dei Deputati che al Senato. La mozione è stata votata con l’aiuto dei legislatori dell’opposizione, mentre il legislatore italiano Viva ha votato a favore. Tuttavia, la mancanza di una netta maggioranza al Senato ha portato alle dimissioni di Conde il 26 gennaio.

Anche in un governo che si dimette senza una netta maggioranza, Conte è considerato un favorito per essere riconfermato dal presidente Mattarella.

Quello che sorprende è la decisione di Moderella di nominare Roberto Figo alla Camera dei Deputati per vedere se si può formare una nuova maggioranza, parte della quale è Italia Viva. Renzi non è pronto a dialogare con altri partiti di centrosinistra, non contenti della loro collaborazione con l’italiano Viva. Cosa ha fatto Mottorella per addebitare a Figo una simile garanzia? Non bisogna dimenticare che Matterella è diventato Presidente della Repubblica Italiana nel 2015 con l’aiuto dell’allora Presidente del Consiglio Matteo Renzi, capo dello Stato eletto dal Parlamento. Mattarella si considerava in debito con Renzi, il che spiega perché ha lasciato Conte in un momento in cui poteva provare con successo a formare una nuova maggioranza. Matterella ha continuato a tradire Conte.

Dopo i colloqui con il centrosinistra, Ficco ha dichiarato di non poter eseguire il mandato che gli è stato affidato. Fu allora che Mattarella incaricò Mario Draghi di formare il nuovo governo.

READ  L'ambasciatore in Italia sottolinea il successo di COVID di Taiwan nell'intervista al quotidiano italiano | Notizie di Taiwan

Tracy, l’ex governatore della Banca centrale europea, è un rinomato tecnocrate che ha salvato l’UE da una crisi finanziaria. Se diventerà primo ministro, Tragi dovrà risolvere il problema del debito pubblico italiano, uno dei più alti nell’Ue. Un altro problema è legato al calo del 9% del PIL entro il 2020. Dobbiamo convincere i leader europei che l’Italia può utilizzare efficacemente i fondi ricevuti per la ripresa post-epidemia.

Non è ancora chiaro se il governo Drake voterà in parlamento. Italy Viva lo sostiene con entusiasmo come previsto, ma la grande domanda è se il M5S voterà a suo favore. Poiché ciò avviene da molti anni, il partito sta organizzando la consultazione dei suoi membri sulla piattaforma Rousseau, dove scopriremo l’esito del voto dell’11 febbraio. Dopo che i leader del partito hanno concordato le decisioni politiche prese, si svolgono le consultazioni sulla piattaforma online. Il grosso problema di Tragi con il M5S è che quest’ultimo è considerato in Italia un rappresentante regolare del partito populista, anti-élite o dell’élite tecnologica che opera da Bruxelles contro gli interessi dell’Italia. Tuttavia, la possibilità di elezioni anticipate pesa pesantemente nel processo decisionale: nessun partito diverso da Leh vuole elezioni anticipate in questo momento.

Leggi l’intero articolo e commenta Contributori