Maggio 13, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il testardo Orcel dovrà contare sulle capacità diplomatiche di UniCredit

I subordinati di Andrea Urcel a UPS tiravano un sospiro di sollievo alle 6:26 del mattino, i giorni in cui sapevano che il loro capo stava prendendo il primo volo dall’aeroporto di Heathrow all’Europa continentale per visitare i clienti. Intendeva per loro una pausa di due ore dalle sue incessanti chiamate.

Il combattuto italiano che in precedenza guidava la banca d’investimento dall’istituto di credito svizzero saliva alle 5 del mattino, iniziava la giornata con un allenamento ad alta intensità, quindi telefonava alle 6 del mattino. Di solito si aspettava risposte immediate alle sue richieste spesso sopite.

I dipendenti di UniCredit, la seconda banca italiana per fatturato, impareranno presto lo stile di gestione di Orcel. È programmato per assumere la posizione di CEO durante l’assemblea generale del gruppo giovedì. Urcell ha detto agli Alleati che era il suo “lavoro dei sogni”, 23 anni dopo aver messo in scena l’affare da 25 miliardi di dollari che ha formato il prestatore mentre lavorava come banchiere per fusioni e acquisizioni di Merrill Lynch.

Sarà il ritorno di Orcel al centro della scena nel settore bancario europeo, che ha lasciato UBS nel 2018 per assumere la prima posizione a Santander. La mossa è stata revocata quando è stato clamorosamente in disaccordo con Anna Putin, capo della banca spagnola, su stipendi e profilo.

Da quando era assente dal Santander Center, Orcel ha iniziato a fare boxe e ha trascorso più tempo con la sua famiglia. Ma il suo tempo lontano dal fronte è stato il banchiere di investimenti più tranquillo e famoso d’Europa, secondo un ex collega che lo conosceva bene. Questo ragazzo ha detto: “È un uomo cambiato – un po ‘più calmo e più premuroso ma comunque molto motivato”.

READ  La lobby imprenditoriale afferma che l'economia italiana ha visto una crescita del 4,1% quest'anno

Ha imparato alcune lezioni sulla diplomazia dal suo periodo in UBS. “Non credo che andrà lì come un Toro spedito in un negozio in Cina, anche se è un Toro”.

Urcell avrà bisogno della diplomazia quando inizierà il suo nuovo lavoro. Affronta molte sfide immediate. Dovrà decidere rapidamente quale ruolo svolge UniCredit nell’unire il frammentato mercato bancario italiano, pur mantenendo buoni rapporti con il suo nuovo consiglio di amministrazione altamente diviso e politicizzato. Questo è qualcosa che il suo predecessore, Jean-Pierre Mostier, non è riuscito a fare. Alla fine gli è costato il lavoro.

© Miguel Medina / AFP tramite Getty Images

Per la prima volta due romani occuperanno le posizioni di vertice della Banca di Milano, ma né Orcel né il nuovo presidente di UniCredit Pier Carlo Padoan si conoscono molto bene. La prima scelta di Padouane come CEO è stata Tidjan Thiam, l’ex presidente del Credit Suisse, secondo le persone che hanno partecipato al processo di selezione. Tuttavia, il presidente del comitato per le nomine di UniCredit, Stefano Mikuse, ha preferito Orcel e non è stato d’accordo con Padoan nel processo. Mikusi non è stato riconfermato nel consiglio di amministrazione.

Orcel, che ha rifiutato di essere intervistato per questo articolo, potrebbe dover adattare il suo stile di gestione a un’organizzazione estranea alla sua cultura lavorativa quotidiana di 18 ore. Ma il suo primo compito sarà negoziare questioni più personali: due incontri in fermento sul suo stipendio.

Spingi una ribellione

La conferma di Orcel come CEO di UniCredit giovedì sembra essere oscurata da una ribellione di piccoli azionisti sul suo stipendio. Gli influenti consulenti di governance ISS e Glass Lewis hanno esortato gli investitori a votare contro un potenziale pacchetto da 7,5 milioni di euro.

Secondo i termini, il 57enne riceverà uno stipendio di 2,5 milioni di euro e riceverà fino a 5 milioni di euro in azioni della società nel 2021, indipendentemente dalla performance sua o della banca. Uno stipendio annuo complessivo di 7,5 milioni di euro lo renderà il banchiere più pagato in Italia e tra le banche europee più generose.

Il pacchetto Orcel è significativamente più alto del pacchetto Mustier, che si ritirerà a febbraio. Il francese ha tagliato il suo stipendio fisso del 40 per cento a 1,2 milioni di euro quando è entrato a far parte del 2016. L’anno scorso, ha anche tagliato volontariamente il suo stipendio di un quarto in risposta alla pandemia e ha perso 2,4 milioni di euro in bonus. Lo stipendio lordo di Moster per il 2020 era di 911.000 euro.

Gli stipendi di Orcel sono tra i più alti nelle banche europee.  Si guadagna un euro per ogni milione di euro di attività in banca e stipendio lordo

“La generosità di UniCredit nei confronti del suo nuovo CEO si scontra con l’attuale contesto globale, la raccomandazione della BCE sui compensi dei CEO e la sobrietà dell’era Mouster”, ha affermato l’ISS nel suo rapporto raccomandando agli azionisti di votare contro la politica dei bonus.

Nel frattempo, la causa da 112 milioni di euro contro Santander per la decisione dell’istituto di credito di ritirare la sua offerta di lavoro è tutt’altro che finita. Un’udienza pubblica nella controversia è stata rinviata più volte, l’ultima quando un giudice è stato messo in quarantena dopo essere entrato in contatto con una persona affetta da Covid-19.

La prossima data per l’udienza di Madrid – dove Urcel e Putin dovrebbero comparire di persona – è il 19 maggio. I colloqui tra gli avvocati che rappresentano le due parti non sono riusciti ad avvicinarsi a un accordo.

La disputa ha allarmato alcuni azionisti di UniCredit e le autorità di regolamentazione bancaria che temono un confronto pubblico assoluto tra due delle più grandi banche europee su accordi sui salari del valore di milioni di euro.

Offerte baldoria?

Quando il consiglio di amministrazione di UniCredit ha annunciato di aver scelto all’unanimità Orcel come presidente a gennaio, il settore bancario italiano si aspettava che l’acclamato specialista di fusioni e acquisizioni avrebbe avviato il processo di negoziazione. In effetti, a Orcel e a ciascuno degli altri candidati per questo ruolo è stato chiesto di essere aperti alle acquisizioni come parte del processo di intervista, secondo le persone coinvolte.

UniCredit è stata a lungo associata all’acquisizione di Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca statale al mondo dal salvataggio del 2016. I politici italiani stanno cercando di riportare la banca nel settore privato e UniCredit è la scelta ovvia per rilevare .

Un grafico a linee da 1 miliardo di euro che mostra i ricavi di UniCredit al contrario di quelli di Intesa

“Il Monte dei Paschi è una delle priorità del presidente di UniCredit [Padoan] Un banchiere che è stato cercato da Spencer Stewart per la carica di Presidente di UniCredit, ha detto l’Italia. “Nessun altro istituto finanziario può subentrare”.

Un altro banchiere, che conosce Orcel da più di tre decenni, ha detto che l’accordo con MPS rappresenterebbe un “accordo di pulizia” per lui – Orcel ha consigliato a MPS di acquistare l’attività di Antonveneta di Santander per 9 miliardi di euro nel 2007, alla vigilia della finanziaria crisi, affare a cui dà la colpa nei continui guai affrontati dall’istituto di credito toscano.

© Giuseppe Kakas / AFP via Getty

Negli ambienti bancari milanesi, nelle ultime settimane sono aumentati i discorsi sulla potenziale acquisizione da parte di UniCredit della banca d’affari italiana Mediobanca.

Ma diversi banchieri vicini a Mediobanca e Orcel hanno liquidato le voci come “discorsi fittizi” che hanno preso slancio solo perché i regolatori stavano spingendo per una fusione.

Qualcuno ha detto: “Se Orcel volesse rafforzare l’unità di investment banking di UniCredit, potrebbe strappare i banchieri di UBS, e non aveva davvero bisogno di acquistare Mediobanca”. “Il problema con UniCredit è la banca commerciale, quindi includere una piccola banca di investimento locale non risolverà il problema”.

UniCredit è scambiato a un valore di libro di 0,32, la metà del prezzo del suo concorrente domestico Intesa Sanpaolo. Mentre Orcel subirà pressioni da parte degli azionisti per tagliare i costi e migliorare i profitti in calo, qualsiasi misura drastica lo metterebbe contro i potenti sindacati bancari in Italia.

Grafico Price-to-Book Line-to-Book (x) che mostra che UniCredit ha negoziato con uno sconto rispetto al suo concorrente più vicino

“Siamo pronti a discutere su come farlo [UniCredit’s] “Il modello bancario cambierà ma non può esserci una strategia restrittiva per tagliare i costi”, ha detto Lando Celioni, Segretario Generale della National Bankers Association, FABI. “La banca deve garantire le nuove assunzioni a fronte di casi di pensionamento anticipato”.

Scontro di culture

L’intelligenza politica di Orcel sarà anche testata nelle sue interazioni con il consiglio di amministrazione di UniCredit e il suo nuovo team di gestione.

I ripetuti scontri di Mouster con i manager di UniCredit sulla strategia globale del gruppo alla fine hanno costretto il francese a ritirarsi. Il consiglio sarà aggiornato all’AGM, ma Urcell continuerà a confrontarsi con un ambiente altamente politicizzato e un consiglio tenace.

Padovano, che entrerà in carica giovedì, è l’ex ministro delle finanze italiano che ha curato il salvataggio di Mps. Secondo diverse persone a Roma, Orcel ha già incontrato il Direttore Generale del Tesoro Alessandro Rivera per discutere i piani di MPS.

Nel frattempo, Orcel deve determinare se adattare il suo intenso programma di lavoro alla cultura meno intensa di UniCredit o se prepara i suoi manager per una raffica di chiamate dalle 6 del mattino.

Un banchiere europeo che conosce bene Urcel e Mostaster ha detto che l’ex paracadutista francese ha già trasferito l’attività in UniCredit.

“Questi ragazzi hanno fatto una mezza maratona con Mustier – ha dovuto cambiare molto la cultura”, ha detto. “Ha iniziato ad accenderlo in modo più aggressivo, non alle 5 del mattino, ma forse alle 7 del mattino.

“Andrea lavora a un livello base di forma fisica. Sarebbe difficile andare a una maratona, o anche a una super maratona, che secondo Andrea. Alcuni ci riusciranno, altri cadranno nel dimenticatoio”.