Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il sole è una fonte potenzialmente sorprendente

Disegno del sole, del vento solare e di Itokawa. Credito: Curtin University

I ricercatori della Curtin University hanno aiutato a svelare l’eterno mistero delle origini dell’acqua terrestre e hanno scoperto che il Sole è una fonte potenziale sorprendente.

un Università di GlasgowUn team internazionale di ricercatori, tra cui ricercatori del Curtin Space Science and Technology Center (SSTC), ha scoperto che il vento solare, costituito da particelle cariche provenienti dal sole costituite in gran parte da ioni idrogeno, ha creato acqua sulla superficie dei granelli di polvere trasportati su asteroidi che sono entrati in collisione con la Terra durante i primi giorni del sistema solare.

La Terra è ricca di acqua rispetto ad altri pianeti rocciosi del sistema solare, con oceani che coprono oltre il 70% della sua superficie, e gli scienziati sono da tempo perplessi sulla fonte esatta di tutto ciò, ha affermato School of Science, Technology, Engineering and Il direttore di matematica John Curtin, il professor Phil Bland. .

“La teoria attuale è che l’acqua sia stata trasportata sulla Terra nelle fasi finali della sua formazione su asteroidi di tipo C, tuttavia, precedenti test su queste “impronte digitali” di asteroidi hanno scoperto che, in media, non possono competere con l’acqua trovata sulla Terra che significa che c’era almeno un’altra fonte anonima”, ha detto il professor Bland.

“La nostra ricerca indica che il vento solare ha creato acqua sulla superficie dei piccoli granelli di polvere, ed è probabile che quest’acqua relativamente più leggera abbia fornito il resto dell’acqua della Terra.

“Questa nuova teoria del vento solare si basa sulla precisione MaisAnalisi atomica di piccoli frammenti di un asteroide vicino alla Terra di tipo S noto come Itokawa, che sono stati campionati dalla sonda spaziale giapponese Hayabusa e sono tornati sulla Terra nel 2010.

READ  L'equipaggio di SpaceX torna sulla Terra dopo una missione da record

“Il nostro sistema di tomografia a sonda atomica di livello mondiale qui alla Curtin University ci ha permesso di dare uno sguardo incredibilmente dettagliato all’interno dei primi 50 nanometri circa della superficie dei grani di polvere di Itokawa, che abbiamo trovato contenevano abbastanza acqua, se ridimensionati, a circa 20 litri per metro cubo di roccia.

Il dottor Luke Daly, alunno di Curtin presso l’Università di Glasgow, ha affermato che la ricerca non solo fornisce agli scienziati informazioni sulla fonte passata dell’acqua terrestre, ma potrebbe anche aiutare con future missioni spaziali.

“Il modo in cui gli astronauti avranno abbastanza acqua, senza trasportare rifornimenti, è uno degli ostacoli alla futura esplorazione dello spazio”, ha detto Daly.

“La nostra ricerca mostra che lo stesso processo di alterazione spaziale che ha creato l’acqua su Itokawa probabilmente si è verificato su altri pianeti senz’aria, il che significa che gli astronauti potrebbero essere in grado di manipolare le riserve di acqua dolce direttamente dalla polvere sulla superficie del pianeta, come la Luna”.

Riferimento: “Contributions of the Solar Wind to Earth’s Oceans” di Luke Daly, Martin R. Lee, Lydia J. Hales, Hope A. Ishi, John B. Bradley, Philip. A. Bland, David W. Saxe, Dennis Fogeraus, William Da Ricard, Lucy V. Foreman, Nicholas E. Timms, Fred Jordan, Stephen M. Reddy, Tobias Salge, Zacharias Coer, Evangelos Christo, Morgan A. Cox, Jeffrey A . Aguiar, Khalid Hattar, Anthony Monterrosa, Lindsay P. Keller, Roy Christoffersen, Catherine A. Dukes, Mark J. Loeffler e Michelle S. Thompson, 29 novembre 2021, astronomia naturale.
DOI: 10.1038 / s41550-021-01487-w

La ricerca è stata supportata da finanziamenti del Science and Technology Facilities Council (parte dell’UKRI) ed è stata condotta da ricercatori dell’Università di Glasgow, della Curtin University, dell’Università di Sydney, Università di Oxford, Università delle Hawaii a Manoa, Museo di Storia Naturale, Idaho National Laboratory, Lockheed Martin, Sandia National Laboratories, NASA Johnson Space Center, Università della Virginia, Northern Arizona University e Purdue University.

READ  Gli astronauti hanno fatto volare la loro astronave SpaceX Dragon in orbita prima del lancio dello Starliner di Boeing

Gli altri autori di Curtin sono il Dr. David Saxe, il Dr. Dennis Vogeraus, il Dr. William Ricard, la Dr. Lucy Forman, il Professore Associato Nick Timms, il Professor Fred Jordan, il Professor Stephen Reddy, il Dr. Zacharias Kadeer e Morgan Cox.