Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il sindaco dell’Isola di Pasqua incolpa gli umani per le statue moai danneggiate irrimediabilmente dagli incendi boschivi

Un certo numero di famose statue di pietra dell’Isola di Pasqua sono state danneggiate in modo irreparabile dopo che un enorme incendio ha inghiottito l’isola la scorsa settimana.

“Non è quantificabile, non può essere misurato, il danno c’è, non può essere riparato”, ha detto il sindaco Pedro Edmunds.

“Perché ciò che fa il fuoco è riscaldare la roccia e si incrina.”

Ha detto che gli scienziati visiteranno l’isola, insieme ai gestori del parco, per valutare l’entità del danno e determinare cosa si può fare.

“Non so se esiste una soluzione a questo”, ha detto Edmonds.

Un rapporto preliminare del Ministero della Cultura, delle Arti e del Patrimonio cileno afferma che un enorme incendio iniziato martedì ha inghiottito più di 60 ettari e danneggiato un numero imprecisato di statue sacre Moai.

Il cratere vulcanico Rano Raraku – situato nel Parco Nazionale di Rapa Nui, patrimonio mondiale dell’UNESCO e dove si trovano molte statue – è stato gravemente danneggiato dall’incendio.

Tra le piante carbonizzate compare una statua di pietra.
Molti moai sono stati colpiti da incendi nel Parco Nazionale di Rapa Nui sull’Isola di Pasqua.(Comune di Agence France-Presse / Rapanui)

Edmonds ha detto alla stazione radio locale Poeta di ritenere che l’incendio “non sia stato un incidente” e che “tutti gli incendi a Rapa Nui sono causati da esseri umani”.

Il rapporto non dice cosa abbia causato gli incendi boschivi e afferma che ci sarebbero state ulteriori indagini sull’incendio e sui danni causati.

“Per noi è molto doloroso vedere come sono bruciati i Moai”, ha detto Francisco Hawa, un rappresentante del popolo di Rapa Nui.

READ  Gli incendi boschivi in ​​Turchia hanno ucciso sei persone e costretto i turisti a fuggire via mare mentre gli incendi si avvicinavano alle città