Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il rivoluzionario vaccino “nanoquadrante” è efficace contro i coronavirus che non sono ancora comparsi

Il rivoluzionario vaccino “nanoquadrante” è efficace contro i coronavirus che non sono ancora comparsi

I ricercatori hanno sviluppato una tecnologia vaccinale innovativa, chiamata “vaccinologia proattiva”, che addestra il sistema immunitario a riconoscere regioni specifiche di diversi coronavirus, compresi quelli non ancora conosciuti. Questa tecnologia consente al vaccino di fornire protezione contro un’ampia gamma di potenziali future pandemie di coronavirus. Questo approccio contrasta con i metodi tradizionali che preparano i virus prima che compaiano, utilizzando una struttura Quartet Nanocage per legare gli antigeni virali e stimolare una risposta immunitaria. Questo approccio proattivo potrebbe rivoluzionare il modo in cui i vaccini vengono sviluppati per affrontare le minacce emergenti, accelerando potenzialmente la risposta alle future pandemie.

I ricercatori hanno creato una nuova tecnologia vaccinale che, nei test sui topi, ha dimostrato protezione contro un’ampia gamma di coronavirus, compresi quelli che potrebbero causare future epidemie, anche quelli che non sono stati ancora identificati.

Si tratta di un nuovo approccio allo sviluppo del vaccino chiamato “vaccologia proattiva”, in cui gli scienziati costruiscono un vaccino prima che emerga l’agente patogeno che causa la malattia.

Il nuovo vaccino funziona addestrando il sistema immunitario del corpo a riconoscere regioni specifiche di otto diversi coronavirus, incluso SARS-CoV-1. SARS-CoV-2Molti di essi circolano attualmente nei pipistrelli e hanno il potenziale per raggiungere l’uomo e causare una pandemia.

La chiave della sua efficacia è quella specifica virus Le regioni prese di mira dal vaccino compaiono anche in diversi coronavirus correlati. Addestrando il sistema immunitario ad attaccare queste aree, fornisce protezione contro altri coronavirus non rappresentati nel vaccino, compresi quelli non ancora identificati.

Risposta immunitaria e obiettivi della ricerca

Ad esempio, il nuovo vaccino non include il coronavirus SARS-CoV-1, che ha causato l’epidemia di SARS del 2003, ma stimola comunque una risposta immunitaria a quel virus.

READ  Nuove tute spaziali, test familiare: la NASA è tornata nel monossido di carbonio per prepararsi all'esplorazione di Marte, di nuovo sulla luna

“Il nostro obiettivo è creare un vaccino che ci protegga dalla prossima pandemia di coronavirus e che sia pronto prima che la pandemia inizi”, ha affermato Rory Hills, ricercatore laureato presso il Dipartimento di Farmacologia dell’Università di Cambridge e primo autore dell’articolo. . un report.

Ha aggiunto: “Abbiamo creato un vaccino che fornisce protezione contro un’ampia gamma di diversi coronavirus, compresi quelli che ancora non conosciamo”.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nanotecnologie naturali.

Rory Hills presso il laboratorio dell'Università di Cambridge

Rory Hills, ricercatore laureato presso il Dipartimento di Farmacologia dell’Università di Cambridge, vuole essere pronto con un vaccino che ci proteggerà dalla prossima pandemia di coronavirus ancor prima che inizi la pandemia. Credito: Jacqueline Gargett

“Non dobbiamo aspettare che emergano nuovi coronavirus. Sappiamo abbastanza sui coronavirus e sulle diverse risposte immunitarie ad essi da poter iniziare a costruire vaccini protettivi contro i non-coronavirus”, ha affermato il professor Mark Howarth del Dipartimento di Farmacologia dell’Università. Università di Cambridge, uno degli autori principali del rapporto è ora noto.

Ha aggiunto: “Gli scienziati hanno fatto un ottimo lavoro nel produrre rapidamente un vaccino anti-Covid altamente efficace durante la recente pandemia, ma il mondo sta ancora soffrendo di un’enorme crisi con un gran numero di morti. Dobbiamo capire come possiamo fare meglio in futuro e una componente importante di ciò è iniziare a costruire vaccini in anticipo.

Il nuovo vaccino “Quartet Nanocage” si basa su una struttura chiamata nanoparticelle, una sfera di proteine ​​tenute insieme da interazioni incredibilmente forti. Catene di diversi antigeni virali sono attaccate a queste nanoparticelle utilizzando una nuova “proteina supercolla”. In queste catene sono inclusi più antigeni, che addestrano il sistema immunitario a colpire regioni specifiche comuni a un’ampia gamma di coronavirus.

READ  Una meteora incredibile potrebbe colpirci questo fine settimana. Ecco cosa aspettarsi

Sforzi collaborativi e innovazioni tecnologiche

Questo studio ha dimostrato che il nuovo vaccino suscita un’ampia risposta immunitaria, anche nei topi precedentemente vaccinati contro il virus SARS-CoV-2.

Il nuovo vaccino è molto più semplice nella progettazione rispetto ad altri vaccini ad ampio spettro attualmente in fase di sviluppo, che secondo i ricercatori dovrebbero accelerare il suo percorso verso gli studi clinici.

La tecnologia di base che hanno sviluppato ha anche il potenziale per essere utilizzata nello sviluppo di vaccini per la protezione da molte altre sfide sanitarie.

Il lavoro ha comportato una collaborazione tra scienziati dell’Università di Cambridge Università di OxfordE il California Institute of Technology. Migliora il lavoro precedente dei gruppi di Oxford e Caltech per sviluppare un nuovo vaccino universale contro le minacce del coronavirus. Si prevede che il vaccino sviluppato da Oxford e dal California Institute of Technology entri nella prima fase di sperimentazione clinica all’inizio del 2025, ma la sua natura complessa ne rende difficile la produzione, il che potrebbe limitare la produzione su larga scala.

I vaccini tradizionali contengono un singolo antigene per addestrare il sistema immunitario a colpire un virus specifico. Ciò potrebbe non proteggere da una varietà di coronavirus esistenti o da agenti patogeni emergenti.

Riferimento: “Vaccinazione proattiva utilizzando nanocellule quaternarie polivirali per ampie risposte anti-coronavirus” di Rory A. Hills, Tiong Kit Tan, Alexander A. Cohen, Jennifer R. Keefe, Anthony H. Keeble, Priyanthi N.P., Jananapragasam, Kaya N. Storm, Annie V. Rorick, Anthony B. West Jr., Michelle L. Hill, Cy Liu, Javier Gilbert Jaramillo, Madeha Afzal, Amy Napier, Gabrielle Admans, William S. James, Pamela J. Bjorkman, Alan R. Townsend, e Marco R. Howarth, 6 maggio 2024, Nanotecnologie naturali.
doi: 10.1038/s41565-024-01655-9

READ  Un telescopio lunare può rivelare le epoche oscure dell'universo

Lo studio è stato finanziato dal Consiglio di ricerca sulle biotecnologie e le scienze biologiche.