Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il regista e sciatore Chris Anthony è in “missione” per condividere la storia dei soldati della 10th Mountain Division a Mt Mangart

Il regista e sciatore Chris Anthony è in "missione" per condividere la storia dei soldati della 10th Mountain Division a Mt Mangart

Circa un decennio fa, in una partnership tra Warren Miller Entertainment e il Colorado Museum of Snow Sports, lo stunt skier Chris Anthony ha contribuito a sviluppare un segmento della decima squadra di sci di montagna della seconda guerra mondiale che si sarebbe evoluto nel documentario “Climb to Glory”.

Il museo mostrerà il film. Ma un giorno, un generale di brigata sloveno in pensione – allora parte dell’ex Jugoslavia – nota che la parata non racconta tutta la storia.

“Quello che ha notato mancava era una parte della storia di quando la 10a divisione da montagna finì sul confine jugoslavo verso la fine della seconda guerra mondiale”, ha detto Anthony.

Così il preside rintracciò Anthony, o ci provò comunque, e lasciò un manoscritto in un hotel nel nord Italia dove Anthony soggiornava spesso per sciare e andare in bicicletta.

Il manoscritto è rimasto lì per un anno prima che Anthony ci mettesse le mani sopra, poi è rimasto sul tavolino di Anthony per circa un altro anno prima che leggesse il titolo e riconoscesse un edificio in un disegno sulla copertina.

Il disegno è etichettato come il quartier generale della 10a Divisione da Montagna da maggio a luglio del 1945, in un villaggio nell’angolo nord-orientale dell’Italia dove Anthony non poteva confermare la presenza dei soldati della 10a Divisione da Montagna prima. Anthony ha detto che “immediatamente” si è tuffato nel manoscritto, “cercando di capire il mistero”.

Al centro del puzzle c’era un picco roccioso chiamato “Mt. Mangart”, alto nelle Alpi Giulie al confine tra Italia e Jugoslavia, dove i soldati della 10a Divisione da Montagna organizzarono una gara di sci nel giugno 1945.

READ  La reazione di Pan Nalin al fatto che "Chhello Show" sia una versione di "Cinema Paradiso"; "Bisogna guardare..."

Ciò che seguì furono quasi sette anni di ricerca e produzione per “Mission Mt. Mangart” di Anthony, che ora viene proiettato alla Wheeler Opera House alle 19:30.

Con solo fotogrammi con cui lavorare ma un’abbondanza di sloveni entusiasti disposti ad aiutare a onorare la storia del Monte Mangart, Anthony ricrea la gara con gli sciatori del 21° secolo vestiti con divise militari e abbigliamento appropriato per gli anni ’40.

All’epoca Anthony pensava che questo sarebbe stato solo un film sullo sci, ma la ricerca quando è tornato a casa ha rivelato una storia molto più ampia sui soldati che tornano in America e decollano nelle industrie di sci e attività all’aperto del paese dopo un periodo traumatico durante la guerra .

Anthony ha detto di essere caduto in una tana di coniglio quando è tornato dalle riprese della gara di sci e ha scoperto un sacco di storia non raccontata sulla 10a divisione da montagna che entra nel film.

“Quella mano che ha guidato l’intero processo”, ha detto, “è il destino”. “Non avevo affatto un programma per questo. Il mio piano originale era parlare di gare di sci. Questo è tutto. E poi sono stato portato a fare un giro, e ho semplicemente guidato con esso. “

Ciò che è emerso è stata la storia di uomini e donne all’aperto, molti dei quali immigrati, che si sono offerti volontari per la 10th Mountain Division per difendere quello che Anthony considera uno stile di vita “unico”.

“Hanno visto le opportunità qui, tanto che erano disposti a mettere in gioco le loro vite per proteggerlo”, ha detto Anthony.

READ  Il Regno Unito e l'Italia concludono un patto per aumentare la cooperazione nella produzione cinematografica e televisiva

Vede la storia come “simbolica” per le fondamenta degli Stati Uniti, ma si rende anche conto di come questa storia possa svanire dopo diverse generazioni di aggiustamenti storici da manuale. Ecco perché spera che “Mission Mt. Mangart” intratterrà le persone mentre insegna loro la storia della 10a Divisione da Montagna.

“Ho visto le cose più brutte che avremmo mai potuto vedere, ma attraverso tutte le battaglie che hanno affrontato, sono arrivate fino alla fine, sono tornate e hanno contribuito a costruire il nostro paese”, ha detto Anthony. .

Anthony ha trascorso decenni come skateboarder professionista. Ha detto che realizzare questo film ha cambiato anche la sua visione dello sport e dell’America.

“Non so se rispettiamo esattamente ciò che ci è stato dato”, ha detto Anthony.

“Come viviamo ora, le opportunità che abbiamo ora, le infrastrutture che abbiamo ora, le libertà che abbiamo ora, quelle non sono arrivate senza grandi, grandi sacrifici”, ha detto. “E penso di averlo dato per scontato.”

Sì, “Mission Mt. Mangart” è un documentario sulla Seconda Guerra Mondiale con scopi didattici. I proventi dei biglietti servono anche come raccolta fondi per l’Anthony Youth Initiative Project e altre organizzazioni partner.

Ma, in fondo, ammette Anthony, è pur sempre un film sullo sci e sull’amore per la vita all’aria aperta per cui vale la pena lottare.

“Erano persone che si godevano la vita, godevano del tempo libero e della libertà… Volevano essere in montagna a giocare, volevano stare tra loro, condividere una diapositiva all’aperto sulla scalata di una montagna”, ha detto Anthony. “Così grande è il loro entusiasmo per la vita evidentemente grande, mentre amano la libertà di arrampicarsi o sciare.”