Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il razzo Astra a basso costo subisce un guasto allo stadio superiore, perde due satelliti della NASA

Domenica Astra, con sede in California, ha lanciato due satelliti della NASA delle dimensioni di una scatola da scarpe da Cape Canaveral con una modesta missione per migliorare le previsioni degli uragani, ma il secondo stadio del booster a basso costo della compagnia ha funzionato male prima di raggiungere l’orbita e i carichi utili sono andati persi.

“Lo stadio superiore si è chiuso in anticipo e non abbiamo consegnato carichi utili in orbita”, ha scritto Astra su Twitter. “Abbiamo condiviso i nostri rimpianti con la NASA e il team del carico utile. Ulteriori informazioni saranno disponibili dopo il completamento di un’analisi completa dei dati”.

Questo è stato il settimo lancio del razzo Astra “classe Venture” e il quinto fallimento della compagnia. Il lancio di domenica è stato il primo dei tre velivoli previsti dalla NASA per il lancio di sei piccoli CubeSat, due alla volta, in tre orbiter.

Data la natura alquanto rischiosa di fare affidamento su CubeAats delle dimensioni di una scatola da scarpe e un razzo con un track record molto breve, il progetto da 40 milioni di dollari richiede solo quattro satelliti e un lancio di successo per raggiungere gli obiettivi della missione.

061222-lancio1.jpg
Il razzo Rocket 3.3 di Astra decolla domenica dalla Cape Canaveral Space Force Station trasportando due piccoli satelliti della NASA progettati per monitorare tempeste tropicali e uragani.

Webcast Astra / NASAVolo spaziale


Il contratto della Nasa prevede gli ultimi due voli entro la fine di luglio. Non è ancora noto se Astra possa rispettare questo programma dato il fallimento di domenica.

“Sebbene il lancio di oggi con Astra non sia andato come previsto, la missione ha fornito una grande opportunità per nuove capacità scientifiche e di lancio”, ha twittato il capo della scienza della NASA Thomas Zurbuchen.

Il lancio è avvenuto domenica ed è stato ritardato di 1 ora e 43 minuti, principalmente per garantire che il carico del booster di ossigeno liquido fosse alla giusta temperatura. Infine, sperando nel terzo volo riuscito della compagnia in orbita, gli ingegneri di Astra hanno fatto il conto alla rovescia per il decollo alle 13:43 ET.

Con i suoi cinque motori del primo stadio che generano 32.500 libbre di spinta, il 3,3 alto 43 piedi è esploso dal Panel 46 alla Cape Canaveral Space Force Station, creando uno spettacolo drammatico per i residenti della zona e i turisti che si godono una giornata di sole nelle vicinanze. spiagge.

Il primo stadio ha potenziato il carico utile dall’atmosfera inferiore ed è stato consegnato a un unico motore che alimentava lo stadio superiore del razzo.

Tutto sembrava filare liscio quando, circa un minuto prima che il motore del secondo stadio si fermasse, una “macchina fotografica a razzo” di bordo mostrò un lampo nell’albero di scarico del motore. La visuale della telecamera ha mostrato loro quello che sembrava essere un inciampo prima che un video clip del missile fosse tagliato.

061222-spegnimento-motore.jpg
Una telecamera missilistica sul lato dello stadio superiore del booster mostra un improvviso cambiamento nell’albero di scarico del motore (a sinistra), indicando uno spegnimento prematuro, come monitorano i controllori di volo del Centro di controllo di Astra Alameda, in California. Il carico utile di due satelliti è andato perso.

Webcast Astra / NASAVolo spaziale


L’obiettivo della missione TROPICS della NASA è monitorare l’evoluzione delle tempeste tropicali quasi in tempo reale sorvolando uragani e altri sistemi principali ogni 45-50 minuti e inviando dati su temperatura, precipitazioni, vapore acqueo e ghiaccio delle nuvole.

Questa rapida capacità di rivisitare, ovvero il tempo che intercorre tra il passaggio di un satellite su un particolare sistema temporalesco, ha lo scopo di aiutare gli scienziati a capire meglio come si sviluppano le grandi tempeste e per aiutare i meteorologi a prevedere meglio il percorso e l’intensità della tempesta.

“È davvero difficile misurare gli uragani provenienti dallo spazio, perché sono molto dinamici, cambiano su scale temporali minute e hanno bisogno di risolvere spazialmente tutte le caratteristiche della tempesta, gli occhi e le fasce di pioggia”, ha detto William. Blackwell, investigatore principale della missione Tropis al MIT.

“Oggi potremmo avere quattro o sei ore prima che voli il prossimo satellite. Con questa costellazione Cubesat di sei satelliti… possiamo sorvolarla quasi ogni ora. Vedremo come cambia la tempesta e saremo in grado di prevedere meglio come potrebbe intensificarsi. Quello che stiamo cercando di fare è migliorare la nostra prevedibilità”.

La NASA sta pagando 8 milioni di dollari per tre lanci di Astra, circa 32 milioni di dollari per sviluppare e testare i cubi e un anno di analisi dei dati.

La missione TROPICS presenta più rischi tecnici di quelli normalmente accettati dalla NASA – i cubi, sebbene relativamente economici, hanno poche ripetizioni e il razzo Rocket 3.3 di Astra non ha dimostrato prestazioni affidabili – ma i funzionari affermano che il potenziale profitto scientifico giustifica il progetto “impatto ad alto rischio”.

“Adoro i TROPICS, solo perché è una specie di lavoro pazzesco”, ha detto Zurbuchen la scorsa settimana. “Pensa a sei cubi… guardando le tempeste tropicali con tempi ripetuti di 50 minuti invece di 12 ore.”

Dopo il fallimento di domenica, ha twittato: “Anche se al momento siamo delusi, sappiamo: è importante assumersi dei rischi nella suite scientifica generale della NASA perché l’innovazione è necessaria per essere leader”.

Mentre il contratto della NASA copre sei cubi e lanciatori, solo quattro devono essere utilizzati per soddisfare i requisiti del contratto. In questo caso, i tempi di visita sarebbero di circa un’ora, ha detto Blackwill. Con tutti e sei attivati, l’intervallo tra le note sarebbe compreso tra 45 e 50 minuti.

Posizionare TROPICS su quello che la NASA chiama un razzo di classe Venture con una breve traiettoria ha senso dal punto di vista della NASA.

“Sei sempre nervoso per qualsiasi lancio, non importa quale sia l’auto”, ha detto Blackwill. Ma in questo caso, “abbiamo la flessibilità incorporata[in]per assumere questo tipo di nuove capacità. Quindi è una buona corrispondenza tra la nostra robusta missione a sei satelliti, e ne bastano solo quattro, e questo nuovo veloce, a basso costo -capacità di rilascio.”

READ  Tendenze di immunizzazione e infezione in Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrain و