Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il razzo Artemis I si prepara al lancio sulla luna ad agosto

Il team Artemis ha avuto il tempo di rivedere i dati raccolti dal quarto tentativo di successo del test finale svoltosi lunedì e ha deciso che non era necessario più allenamento sul bagnato. Il test simula ogni fase del lancio senza che il razzo lasci la piattaforma di lancio al Kennedy Space Center in Florida.

“Durante le attività di addestramento sul bagnato, abbiamo ampliato sempre di più la nostra conoscenza di come i razzi e i sistemi di terra funzionano insieme e i nostri team sono diventati esperti nelle procedure di lancio in più siti”, ha affermato Tom Whitmaier, vice amministratore associato della NASA per l’esplorazione congiunta e lo sviluppo di sistemi , in una dichiarazione.

“Abbiamo completato la fase di addestramento e tutto ciò che abbiamo appreso ci aiuterà a migliorare la nostra capacità di lancio durante il periodo di lancio target”.

Il test di lunedì ha comportato il caricamento di tutti e quattro i serbatoi missilistici con propellente super raffreddato, l’esecuzione di un conto alla rovescia completo e il drenaggio dei serbatoi missilistici. La perdita di idrogeno e altri problemi emersi durante i test hanno impedito al team di andare troppo oltre con due conti alla rovescia Come programmato.

Tuttavia, il team ha concluso che i tentativi di test avevano raggiunto quasi tutti gli obiettivi pre-lancio.

“Avevamo solo 13 dei 128 lavori che avevamo ordinato e che avevamo pianificato nel numero finale che non sono stati completati con successo”, ha affermato Phil Weber, direttore senior dell’integrazione tecnica per il programma Earth Exploration Systems della NASA, durante una conferenza stampa venerdì.

“E li abbiamo esaminati in dettaglio, e si scopre che la maggior parte di questi è già stata convalidata nei test precedenti”.

READ  Indagini della NASA nell'atmosfera venusiana profonda di gas nobili, chimica e imaging

Più tardi venerdì, gli ingegneri condurranno un test dell’unità di potenza del booster idraulico mentre il razzo è ancora sulla rampa di lancio, un componente che non è stato incluso nel test di lunedì.

Secondo una dichiarazione della NASA, “le unità contengono turbine alimentate a idrazina collegate a pompe che forniscono pressione per ruotare gli ugelli booster utilizzati per guidare il razzo durante la salita”.

Venerdì sera prova Non è necessario, ha affermato John Blevins, ingegnere capo del programma Space Launch System della NASA, ma gli ingegneri vogliono eseguire una rapida rotazione del sistema per mitigare eventuali rischi di guasti futuri.

Il razzo lunare Artemis ottiene risultati notevoli nonostante i problemi durante i test critici pre-lancio

La prossima settimana, il team Artemis restituirà il sistema di lancio spaziale da 98 m e la navicella Orion nell’edificio di assemblaggio dei veicoli. La catasta rimarrà nell’edificio da sei a otto settimane per le riparazioni e i preparativi per il lancio.

Gli ingegneri hanno sviluppato un piano per completare gli obiettivi finali, come la sostituzione della guarnizione per far fronte a una perdita di idrogeno liquido durante quel periodo. Cliff Lanham, direttore senior delle operazioni sui veicoli per l’Earth Exploration Systems Program della NASA, ha affermato che il team testerà e installerà anche la pirotecnica del sistema di terminazione del volo.

Questo piano prepara il team per l’opportunità di lancio che si aprirà a fine agosto. Sono previste finestre di lancio dal 23 agosto al 29 agosto, dal 2 settembre al 6 settembre e oltre.

Lancerò l’Artemis I senza pilota in una missione oltre la Luna e ritorno sulla Terra. Questa missione lancerà il programma Artemis della NASA, che dovrebbe riportare gli esseri umani sulla luna e far atterrare la prima donna e la prima persona di colore sulla luna entro il 2025.

READ  Tempo permettendo, SpaceX proverà a lanciare oggi un prototipo dell'astronave

“Il team continua a impressionarmi con il loro pensiero creativo e la loro intraprendenza”, ha affermato Charlie Blackwell Thompson, direttore del lancio di Artemis presso Kennedy. “Il nostro team di lancio di Artemis ha lavorato rapidamente per adattarsi alle dinamiche delle operazioni di caricamento del carburante. Con ogni traguardo e ogni test, siamo un passo più vicini al lancio”.