Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il rapporto delle Nazioni Unite conclude che, nonostante le promesse più forti, il mondo è pronto ad andare oltre gli obiettivi climatici

Alla vigilia dei colloqui globali sul clima, le Nazioni Unite hanno affermato che il mondo era sulla buona strada per raggiungere un aumento della temperatura di 2,7 gradi Celsius entro il 2100 nonostante l’aumento degli obiettivi di riduzione delle emissioni.

L’annuale Emissions Gap Report delle Nazioni Unite, pubblicato oggi, mette a confronto la nostra traiettoria attuale con quella che dobbiamo raggiungere per mantenere l’aumento della temperatura al di sotto dei 2°C, secondo l’accordo di Parigi.

Sebbene 120 paesi abbiano rafforzato i propri obiettivi di riduzione delle emissioni Al 30 settembre di quest’anno, gli autori del rapporto hanno affermato che non è ancora abbastanza per evitare un pericoloso riscaldamento.

Per ottenere il “percorso meno costoso” per limitare il riscaldamento tra 1,5°C e 2°C, hanno affermato che sono necessari obiettivi per tagliare ulteriori 28 gigatonnellate di gas serra all’anno.e Oltre a quanto fatto dagli attuali impegni 2030.

Ciò equivale effettivamente a dimezzare le emissioni globali di gas serra entro il 2030, hanno affermato gli autori.

Il rapporto prevedeva che le emissioni del 2021 sarebbero rimbalzate a livelli quasi record per il 2019.

Ma Mark Howden dell’Istituto per i cambiamenti climatici dell’Australian National University ha affermato che i dati utilizzati sono vecchi di pochi mesi e crede che le emissioni del 2021 raggiungeranno di fatto un nuovo record.

“È un po’ triste”, ha detto il professor Howden, “ma penso che l’abbiano già sottovalutato”.

“Abbiamo assistito a un’escalation delle emissioni che sarà più alta dopo il COVID rispetto a prima”.

Un rapporto separato dell’Organizzazione meteorologica mondiale delle Nazioni Unite (OMM), pubblicato ieri, ha rilevato che le concentrazioni medie globali di gas serra nell’atmosfera hanno raggiunto un livello record di 413,2 parti per milione nel 2020, più alto che in qualsiasi altro momento nel mondo .. ultimi due milioni di anni.

Il rapporto di oggi arriva mentre i paesi si preparano a dirigersi verso il vertice sul clima COP26 a Glasgow, che è stato definito “l’ultima migliore possibilità al mondo” di limitare l’aumento della temperatura al di sotto di 1,5-2°C.

“c’era Rimaniamo fiduciosi che la COP26 diventi un punto di svolta nell’azione per il clima”, hanno scritto gli autori.

Secondo il rapporto, 120 paesi responsabili del 51% delle emissioni di gas serra hanno creato nuovi NDC prima di Glasgow.

Nonostante la mancanza di impegni, gli autori hanno affermato che se tutti i paesi rispettassero i loro impegni di azzeramento netto e allineassero i loro obiettivi per il 2030 a tali impegni, probabilmente ridurrebbero di altri 0,5°C il riscaldamento in questo secolo.

Secondo Wes Morgan, ricercatore presso il Climate Council e ricercatore presso il Griffith Institute Asia, la COP26 sarà un test importante dei meccanismi stabiliti dall’accordo di Parigi e della capacità del mondo di mantenere a portata di mano il riscaldamento di 1,5°C.

Il dottor Morgan ha affermato che gli obiettivi iniziali fissati da ciascun paese a Parigi nel 2015 mettono il mondo sulla buona strada per un riscaldamento di 3°C.

“Ma Parigi ha messo in atto un processo in cui ci incontriamo ogni cinque anni per fissare nuovi obiettivi: questo si chiama meccanismo a cricchetto”.

“Ciò che fa sperare è che negli ultimi 18 mesi più di 120 paesi si siano impegnati a raggiungere lo zero netto entro il 2050. Ciò copre ora più della metà dell’economia globale e invia un enorme segnale di mercato”.

Martedì il primo ministro Scott Morrison ha impegnato l’Australia a raggiungere un obiettivo di emissioni nette pari a zero entro il 2050.

Recupero verde COVID fallito

Pannelli solari in campo
Solo il 17-19 percento della spesa per progetti di recupero del coronavirus è stato destinato alla riduzione delle emissioni.(ABC News: Jonathan Joll)

Le emissioni globali annue sono diminuite del 5,4% nel 2020.

Tuttavia, le emissioni di gas serra sono cumulative e il rallentamento del COVID-19 non ha quasi creato un’increspatura nel rallentamento del riscaldamento, ha affermato il professor Hodin.

“Le persone si chiedono se le riduzioni delle emissioni durante il COVID facciano una grande differenza in termini di previsioni sulle emissioni?

“Otteniamo il cambiamento comportamentale, ma non otteniamo il cambiamento strutturale”.

Il professor Howden ha affermato che molti, molti ricercatori e analisti hanno suggerito che stimolare la ripresa economica dopo il COVID-19 potrebbe aiutare a dare impulso alla transizione verso infrastrutture a basse emissioni di carbonio.

Tuttavia, secondo l’Emissions Gap Report, solo dal 17 al 19 percento degli investimenti totali per il recupero fino a maggio 2021 è stato speso in progetti che porteranno a una riduzione delle emissioni di gas serra.

La spesa era in genere inferiore nei paesi a basso reddito.

Il professor Howden ha affermato che l’opportunità di guidare una ripresa verde dopo il COVID-19 è stata sprecata e gli studi hanno scoperto che gli investimenti nei combustibili fossili sono già aumentati.

Mentre molta attenzione sarà concentrata sugli impegni di riduzione delle emissioni e sugli obiettivi di azzeramento netto alla COP26, il professor Howden ha affermato che sono in corso altri importanti negoziati, compresi gli impegni finanziari per aiutare i paesi in via di sviluppo a passare a economie a basse emissioni di carbonio e costruire la resilienza.

“Poi ci sono le agende relative al mercato globale dello scambio di emissioni e alla garanzia di regole efficaci”, ha affermato.

Schemi di scambio del carbonio ben organizzati, ad esempio, possono garantire che i paesi in via di sviluppo ricevano ricompense finanziarie per il mantenimento di ecosistemi come le foreste pluviali, che fungono da pozzi di assorbimento del carbonio.

Il dottor Morgan ha affermato che i vicini del Pacifico dell’Australia sono tra i paesi più colpiti dai cambiamenti climatici e costituiscono un potente blocco di voto all’interno delle Nazioni Unite.

Le foto – il loro motto è ‘1.5 per sopravvivere’ – vedono Glasgow come l’ultimo passo nella loro lotta per sopravvivere al di sotto di questo limite.

“Le nazioni insulari del Pacifico e le maggiori potenze come gli Stati Uniti e il Regno Unito lavoreranno insieme per aumentare la pressione sui ritardatari, inclusa l’Australia”.

Prima della COP26, l’inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il clima John Kerry stava spingendo affinché più paesi aumentassero i propri obiettivi di riduzione delle emissioni.

Parlando lunedì dall’Arabia Saudita, Kerry ha affermato che la sfida nella decarbonizzazione non riguarda la politica o l’ideologia, ma la scienza e che dobbiamo accelerare i nostri sforzi nei prossimi anni.

“Questa è la più grande opportunità di mercato che il mondo abbia mai conosciuto”, ha affermato Kerry.

“È la più grande trasformazione che è avvenuta su questo pianeta dalla Rivoluzione industriale, se lo facciamo”.

READ  Il problema fatale della Disney con l'alligatore nella sua proprietà in Florida