Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il rapporto afferma che solo il 14% dei tumori diagnosticati negli Stati Uniti viene rilevato dallo screening



Cnn

Una piccola percentuale – 14,1% – di tutti i tumori diagnosticati negli Stati Uniti mediante screening viene rilevata con il test di screening raccomandato, secondo un nuovo rapporto.

I tumori diagnosticati tendono a essere trovati quando qualcuno ha sintomi o cerca immagini o cure mediche per altri motivi, suggerisce. Rapporto, pubblicato online Mer dai ricercatori di un’organizzazione di ricerca senza scopo di lucro NORC presso l’Università di Chicago.

“Sono rimasta scioccata perché solo il 14% dei tumori viene rilevato dallo screening. Penso che per molte persone si parli così tanto di screening del cancro che immaginiamo che sia così che vengono diagnosticati tutti i tumori”, ha affermato Carolyn Pearson, autrice del rapporto e vicepresidente senior dell’organizzazione: “Stiamo parlando di mammografie e colonscopie”.

Tuttavia, “la stragrande maggioranza dei tumori non dispone di test di screening disponibili”, ha affermato Pearson.

La relazione tecnica indica solo questo Quattro tipi di cancrorilasciatoE il cervicaleE il Colon e retto E il polmone – Eseguire i test di screening raccomandati per l’uso dalla Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti e la percentuale di tumori rilevati dallo screening varia tra questi tipi: 61% del seno, 52% della cervice, 45% del colon e del retto e 3% dei tumori polmonari. Il rapporto include anche dati su Cancro alla prostatanonostante Lo screening per il cancro alla prostata non è ampiamente raccomandatoI dati mostrano che il 77% dei tumori alla prostata viene rilevato dallo screening.

Il rapporto, che non è stato pubblicato su una rivista peer-reviewed, si basa sui dati del 2017. Ma Pearson ha affermato che da allora gli studi hanno dimostrato che i tassi di screening del cancro sono diminuiti durante i primi giorni della pandemia di Covid-19. Sospetta che la percentuale di tumori rilevati dallo screening possa ora essere inferiore a quella trovata nel nuovo rapporto.

Sicuramente penso che la percentuale di tumori rilevati dallo screening possa essere inferiore a causa della pandemia. Sappiamo che le persone perdono un numero enorme di screening raccomandati e stiamo vedendo quei tumori manifestarsi in fasi successive in contesti clinici “, ha detto Pearson. “Quindi, man mano che gli screening diminuiscono, meno tumori vengono diagnosticati in questo modo, e questo è sicuramente qualcosa che stiamo raccogliendo nei dati.”

Per il nuovo rapporto, Pearson e i suoi colleghi hanno sviluppato un modello per calcolare la percentuale di tumori rilevati dallo screening, utilizzando i dati del National Cancer Institute sui casi di cancro diagnosticati, i tassi di screening nazionali del National Health Interview Survey e i tassi di test degli Stati Uniti Il sistema di sorveglianza dei fattori di rischio comportamentale dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, inclusi molti studi sul tasso di rilevamento dei tumori.

Ha affermato che non ci sono molti dati nella letteratura medica sui tumori rilevati dallo screening, aggiungendo che spera che il rapporto attiri l’attenzione sull’importanza dello screening del cancro, sulla necessità di ulteriori test e sulla necessità di più dati su come si sviluppa il cancro . Diagnosticato, compreso l’importante ruolo svolto dai test di screening nella rilevazione precoce dei tumori.

“Sfrutteremo dati e analisi più solidi per capire davvero come il cancro colpisce diverse popolazioni e come possiamo migliorare l’equità”, ha affermato Pearson. “Per i ricercatori di tutto il mondo, vorrei che le persone esaminassero alcune di queste stime e alcune delle differenze geografiche che stiamo vedendo per capire come possiamo iniziare a modellare l’ambiente politico per migliorare il trattamento in tutto il paese e migliorare lo screening attraverso il paese.”

Il dottor Otis Brawley, professore di oncologia alla Johns Hopkins University, ha affermato di non essere sorpreso dai risultati del nuovo rapporto, soprattutto perché alcuni test di screening del cancro possono essere migliorati nelle loro prestazioni.

“Tutti sono stati indotti a credere che lo screening sia migliore di quanto non sia in realtà”, ha affermato Brawley, che non è stato coinvolto nel nuovo rapporto. “Dobbiamo investire nella ricerca per cercare di trovare test migliori”.

Nel caso del cancro al seno, ad esempio, “gli studi clinici ci dicono che lo screening impedisce al 25% di coloro che sono destinati a morire di cancro al seno di morire di cancro al seno”, dice. “Negli Stati Uniti, circa il 60% delle donne di età compresa tra 50 e 70 anni viene sottoposto a screening. Ciò significa che possiamo prevenire solo circa il 15% dei decessi stimati. Significa anche che a molte pazienti viene diagnosticato un cancro dopo un test di screening.” negativo”.

Brawley ha affermato che le persone negli Stati Uniti possono trarre vantaggio dalle seguenti misure di prevenzione del cancro, come sottoporsi a screening e mantenere uno stile di vita sano, ma anche il pubblico può beneficiare di test di screening migliori.

“Passiamo molto tempo a spingere e pagare per i test di screening – sì, salvano vite, ma dobbiamo essere in grado di salvare più vite”, ha detto. “Abbiamo bisogno del meglio”.

READ  La Cina rivela le prime immagini di Marte scattate dal rover Zhurong