Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il progetto della pista di planata Milano-Cortina è troppo scivoloso per i funzionari olimpici

Entro questa settimana inizieranno i lavori su uno dei luoghi olimpici più controversi degli ultimi anni: un centro di scivolamento fuori Cortina d’Ampezzo, in Italia, destinato a ospitare le gare di bob, skeleton e slittino per i Giochi invernali di Milano-Cortina del 2026. .

Mentre il CIO sottolinea la “sostenibilità” per le città ospitanti, i dirigenti hanno espresso preoccupazione sul fatto che la pista Milano-Cortina stia scivolando verso un disastro finanziario in nome dell’orgoglio nazionale. Secondo loro, questa nuova pista, costata 81 milioni di euro (circa 87 milioni di dollari), è una stravaganza inutile e si trasformerà sicuramente in quel tipo di guscio marcio di cemento rotto che il Comitato Olimpico Internazionale non vuole più come la sua eredità.

Ma i politici locali non si preoccupano dei costi perché l’alternativa è spostare le gare olimpiche di sci in Austria, Svizzera o forse anche a Lake Placid a New York, il che renderebbe Milano-Cortina 2026 i primi Giochi invernali ad ospitare gare in un altro Paese.

“Non c’è dubbio che l’Italia non vuole essere il primo paese a dirlo”, ha detto Heather Dichter, professoressa associata alla De Montfort University in Inghilterra che studia le candidature olimpiche.

Il piano della Senna per le Olimpiadi di Parigi è audace, audace… e rischioso

Così, il 2 febbraio, la società pubblica che sovrintende a tutti i progetti di costruzione delle Olimpiadi di Milano-Cortina ha firmato un contratto con l’Impresa Pizzarotti & C, unica impresa edile a presentare offerte per demolire i resti della pista di scorrimento esistente e sostituirla entro 13 mesi . . L’ambiziosa tempistica sta facendo inorridire il Comitato Olimpico Internazionale, che in una recente dichiarazione ha dichiarato: “Nessun sentiero di discesa è stato completato in un tempo così breve”.

La dichiarazione aggiunge: “La sicurezza degli atleti e degli spettatori è una priorità”.

I funzionari di Milano Cortina 2026 affermano che la pista dovrà essere completata e certificata entro la fine di marzo 2025 in modo che possa essere sottoposta a mesi di test da parte dei migliori atleti del mondo prima dell’inizio delle Olimpiadi nel febbraio successivo. Se la pista non fosse stata completata in tempo, gli organizzatori avrebbero potuto spendere milioni per una pista incompiuta solo per poi dover spostare gli sport di scivolamento a Innsbruck, in Austria, o a St. Moritz, in Svizzera – che è ciò che il CIO consigliava loro di fare comunque. .

READ  La grande spesa del Chelsea per porre fine alla finestra di mercato affollata

“Il CIO ha chiarito inequivocabilmente che nessuna sede permanente dovrebbe essere costruita senza un piano legacy chiaro e realizzabile”, si legge nella dichiarazione del CIO.

Tra tutti gli impianti realizzati in occasione dei Giochi Olimpici, i centri sciistici sono tra i più complessi. Sono costosi, richiedono molto tempo per essere costruiti, costano molto da mantenere e non mirano a molto altro che alle Olimpiadi perché non hanno abbastanza gare di slittino, skeleton e slittino per supportarli. L’ex pista Cortina, costruita per le Olimpiadi del 1956, è stata chiusa nel 2008. L’unica altra pista italiana, la Cesana Bariol, costruita per le Olimpiadi di Torino 2006, è stata chiusa nel 2012.

c’è solo 16 tracce Mondo aperto. La maggior parte di essi sono stati costruiti per i Giochi Olimpici e si trovano in Europa, dove si svolgono la maggior parte dei principali eventi. Andrea Varnier, amministratore delegato di Milano-Cortina 2026, ha dichiarato di “credere che questa pista potrebbe avere davvero una bella vita e non avrà gli stessi problemi” della Sezana o della pista originale di Cortina.

Tuttavia, Varnier si è affrettato a sottolineare che è responsabile solo della pianificazione, del finanziamento e del funzionamento delle Olimpiadi del 2026. Non può garantire l’utilità della pista dopo la fine delle Olimpiadi. Due persone a conoscenza della situazione, ma non autorizzate a parlare pubblicamente, hanno affermato che Varnier è stato intrappolato tra funzionari del governo italiano e il Comitato Olimpico Internazionale. Tuttavia, durante una videochiamata, ha sorriso e ha affermato che gli estranei che criticano la costruzione di una nuova pista non capiscono la storia.

Ha detto che l’originale Cortina Raceway era “iconico”. Da anni fa parte della vita del villaggio di montagna che fungerà da secondo posto nel 2026. Si ritrova spesso a parlare con i residenti più anziani che si vantano di aver lavorato sulla pista originale o di essere andati lì alle gare. La pista era meta di turisti e motivo di orgoglio per la cittadina.

READ  Apertura di una concessionaria Ferrari a Golden Valley

A Cortina sono arrivati ​​i migliori sciatori del mondo. Aaron McGuire, CEO di USA Bobsled & Skeleton, ex bob, ricorda l’emozione provata correndo sulla pista di Cortina, fiancheggiata da tifosi ruggenti che suonavano i campanacci, mentre scendeva dalla vista aperta delle montagne vicine nella foresta, consapevole di una ripida salita. che ha richiesto ulteriore slancio al traguardo. Parte del film di James Bond del 1981 “Solo per i tuoi occhi” Il film è stato girato lì, con Roger Moore che pattinava lungo la pista mentre veniva inseguito da un cattivo su una moto.

Fin dall’inizio gli organizzatori della Milano-Cortina avevano pianificato di ricostruire la pista. Ma otto mesi dopo aver ottenuto il diritto di ospitare i Giochi del 2019, la pandemia di coronavirus ha colpito il nord Italia in modo particolarmente duro, bloccando tutto. I preparativi per le Olimpiadi furono ritardati. Con l’inizio lento della costruzione di un villaggio olimpico e di uno stadio del ghiaccio a Milano, il Comitato Olimpico Internazionale ha continuato a fare pressione sui funzionari della Milano-Cortina affinché abbandonassero il progetto dello scivolo.

L’anno scorso la Milano-Cortina cercava un appaltatore per costruire la teleferica. A quel punto, un progetto che avrebbe dovuto costare meno di 50 milioni di euro era cresciuto fino a superare i 100 milioni di euro. Lo sport non attirò alcun offerente e lo scorso autunno il Comitato Olimpico Internazionale annunciò che la Milano-Cortina aveva accettato di spostare gli sport di scivolamento fuori dall’Italia.

È qui che sono intervenuti i politici: Luca Zaia, presidente della regione Veneto dove si trova Cortina, e Antonio Tajani, vice primo ministro e ministro degli Esteri italiano. Chiesero che gli eventi olimpici di pattinaggio fossero mantenuti nel paese. Furono fatti sforzi frenetici per vedere se l’Ippodromo di Cesana potesse essere rilanciato, ma questi sforzi furono respinti. Quando il CIO ha esercitato pressioni più energiche per Innsbruck o St. Moritz, i politici si sono opposti.

READ  "Non è mai facile" - Yannick Sinner felice dell'inizio dopo la vittoria del Roland Garros 2023 su Alexander Mueller

“È inaccettabile che le gare di sci si svolgano fuori dall’Italia… Faremo tutto il possibile per raggiungere l’obiettivo. Io sostengo l’Italia!”. Tajani Pubblicato di recente Sui social in italiano.

Le Alpi francesi e Salt Lake City sono le migliori scelte per le Olimpiadi invernali del 2030 e del 2034.

Sono stati elaborati nuovi piani per la pista di Cortina, con la demolizione di tutti gli edifici ausiliari per gli atleti e i funzionari dell’evento, rendendo l’alternativa proposta poco più di un condotto di cemento armato e sistemi di raffreddamento attorcigliato per più di 1.000 metri lungo il fianco di una montagna. Trovata una conduttrice, Milan-Cortina ha fatto fatica a prepararsi.

“Governo e azienda [are] “Sono fiducioso che possano farcela”, ha detto Varnier. “Per noi, alla fine, sarà perfetto perché questo è il piano originale. Questo è il nostro piano operativo originale… E quello che dico a tutti, compresi i nostri amici del CIO. [is that] Viaggiare all’estero non significa solo prenotare un itinerario per qualche settimana e poi proseguire. È un processo enorme e un’avventura [has] Costi importanti perché significa coinvolgere atleti, media, sicurezza, servizi medici e molti altri servizi [the] “Il governo provvede”.

In definitiva, restare a Cortina sarà più semplice perché «semplificherà tutto e sarà un’esperienza migliore per tutti».

Ha fatto una pausa prima di aggiungere: “Se la traccia è pronta”.