Maggio 13, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il produttore italiano di pianoforti vede l’artigianato in pericolo

PubblicitàBorgo Veneto (Italia) (AFP)

All’età di 23 anni, Luigi Borgato decide di costruire il suo primo pianoforte.

Nei decenni successivi, l’artigiano italiano ha sviluppato la sua attività in un marchio prestigioso in grado di attirare acquirenti da tutto il mondo – fino a quando la pandemia di coronavirus ha improvvisamente fermato tutto.

Ora, il 58enne teme che il suo vecchio mestiere sparisca completamente in Italia, il paese che ha inventato il pianoforte alla fine del XVII secolo.

“Tutto si è fermato, non ci sono più concerti, non ci sono più contatti con i musicisti. Senza l’aiuto del governo, la nostra professione potrebbe non arrivare alla fine dell’epidemia”, ha detto Burgato all’Afp.

Nella sua casa a Borgo Veneto, vicino a Padova, nel nord Italia, tutto respira musica classica: un busto di Verdi e un ritratto di Beethoven in tribunale insieme a poster di concerti da teatri d’opera leggendari come la Scala di Milano.

In fondo alla sala si trova il Doppio Borgato, imponente assemblaggio di due pianoforti a coda uno sopra l’altro, con 37 pedali.

A metà strada tra l’organo e il pianoforte, il concetto è preso in prestito da Mozart che fece costruire un pedale per pianoforte nel 1785.

Quando Burgato iniziò a suonare l’intro di Chopin, sorrise umilmente, illudendosi che avrebbe dovuto “studiare un po ‘di più”.

Vicino alla Collezione Borgato, l’ultima aggiunta alla Collezione Borgato è stata introdotta nel 2017 dal suo inventore come “il pianoforte musicale più alto del mondo”, a 3,33 metri (10,9 piedi), che è circa 50 cm più lungo dello standard.

Burgato e sua moglie Paula, che è responsabile della meccanica di ogni macchina, costruiscono un massimo di due dichiarazioni all’anno, con l’aiuto di un dipendente.

READ  Lo spettacolo di Zampatti più emozionante di sempre

Fatto a mano

“Nessuno in Italia, e nemmeno al mondo, fa il pianoforte a mano come noi”, ha detto Burgato.

“Ma con l’epidemia, la gente ci pensa due volte prima di investire nel pianoforte.”

Il prezzo per il Borgato varia da 291.000 a 486.000 euro ($ 346.114 – $ 578.083) tasse escluse, a seconda del modello, ciascuna delle quali rappresenta più di 1.850 ore di lavoro.

Gli acquirenti provengono prevalentemente dall’estero, dalla Svizzera, Francia, Germania, Austria e Cina, e sono generalmente pianisti, anche se alcuni investono nello strumento come opera d’arte.

Paula, 55 anni, ammette la difficoltà di dire addio ai pianoforti artigianali.

“C’è sempre una parte bellissima della nostra vita in ogni macchina che esce”, ha detto.

Il marito si rammaricava che l’Italia non riconoscesse a sufficienza l’abilità di fare il pianoforte, nonostante fosse il paese in cui nel 1698 fu inventato Bartolomeo Cristofori da Padova, il predecessore del pianoforte, il pianoforte.

In tutta Europa, le piccole fabbriche di pianoforti scomparvero gradualmente a favore delle grandi aziende, che, a loro volta, furono inghiottite dai giganti asiatici.

Ad esempio, il produttore austriaco Boesendorfer è di proprietà della giapponese Yamaha dal 2008, mentre la società tedesca Schimmel ha venduto la quota di maggioranza alla cinese Pearl River nel 2016.

– “Un grande attore che sussurra” –

Nella sua bottega Borgato prende misure precise, poi taglia, taglia e appone ogni parte, dalla tavola armonica in abete rosso alle teste di martello ricoperte di feltro di lana merino – almeno 15.000 per un pianoforte a coda.

Dopo aver iniziato la sua carriera come accordatore nel 1983, lui e sua moglie hanno viaggiato per il mondo per visitare musei di strumenti musicali e studiare la storia del pianoforte.

READ  Wall Street si prepara a brindare per rilanciare New York, ma invece rinuncia all'abbigliamento per il tempo libero

Nel 1985, alla guida di una vecchia Renault 4L, Borgato si recò a Berlino per visitare la sua prima fabbrica di pianoforti, la Pichstein Factory.

Sempre in Germania, ha avuto l’ispirazione per il suo primo pianoforte, dopo aver visitato la casa di Bonn dove nacque Ludwig van Beethoven nel 1770.

Seguendo l’esempio dello strumento musicale di un altro compositore tedesco, ha creato un pianoforte a quattro corde per toni acuti invece di tre, un’idea che ha brevettato.

Nel 1991, l’artista francese Jean Gilo, scomparso due anni prima, ha aperto questo pianoforte nella chiesa di Saint-Eustache a Parigi, in riferimento al “giovane genio pianista”.

Da allora, famosi pianisti come Radu Lupu, Vladimir Ashkenazy o Jerome Rose hanno dato i pianoforti Borgato.

Se la festa si ferma a causa del Coronavirus, le registrazioni professionali continuano.

Durante la chiusura dello scorso anno, il pianista italiano Francesco Lipita ha suonato tutti i 35 sonetti di Beethoven, descrivendo il suono del pianoforte alto 3,33 metri “incredibilmente bello”.

“Questo pianoforte è gigantesco, ma il suono che produce è molto flessibile, molto preciso e ti consente di passare facilmente dal pianoforte al Fortissimo”, ha detto Lipita.

“È come un grande attore che sussurra, e l’ultima fila della casa lo sente perfettamente.”