Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il primo ministro italiano incarica un capo assistente della strategia per la banda larga mentre l’offerta di rete di TIM vacilla

Scritto da Elvira Polina e Giuseppe Fonte

MILANO (Reuters) – Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha conferito a un assistente di alto livello i poteri per supervisionare la strategia di Roma per le reti a banda ultralarga, mentre il nuovo governo di destra rivede i piani per la più grande azienda di telecomunicazioni del Paese, Telecom Italia.

Il sottosegretario Alessio Butti ora si occuperà della strategia, secondo un decreto venerdì visto da Reuters. Butti ha criticato il piano del governo precedente di ridurre il debito di 25 miliardi di euro (26 miliardi di dollari) di TIM vendendo la sua rete terrestre.

La cessione è uno dei principali pilastri della strategia dell’amministratore delegato Pietro Labriola per smantellare e rilanciare l’azienda danneggiata. L’istituto di credito statale Cassa Depositi e Prestiti (CDP) ha una scadenza di fine novembre per presentare una prima offerta per la rete fissa, nell’ambito di un piano sostenuto dal predecessore di Meloni, Mario Draghi.

L’offerta multimiliardaria farà parte di un più ampio progetto di integrazione della rete di TIM con la rivale più piccola Open Fiber, controllata da CDP.

Botti ha criticato tale approccio e ha chiesto a CDP di acquisire TIM, il cui titolo è vicino ai minimi storici, con l’obiettivo di unire gli asset dell’ex rete monopolistica telefonica con quelli di Open Fiber.

Il suo progetto, chiamato Minerva, prevede anche che TIM venda le sue attività di servizi e la sua unità quotata in Brasile per ridurre il proprio debito.

L’istituto di credito statale è il secondo maggiore investitore in TIM con una quota del 10%. Il gruppo mediatico francese Vivendi detiene una quota del 24%.

READ  Antichità di Chicago: il team vuole emarginare permanentemente 3 statue di Colombo

Fonti affermano che la CDP di TIM è complicata anche dalle differenze di valutazione con Vivendi, che chiede 31 miliardi di euro a garanzia di una vendita, almeno 10 miliardi di euro in più rispetto al prezzo dell’istituto di credito statale.

Quattro fonti a conoscenza della questione hanno detto venerdì a Reuters che il progetto CDP mira ancora a presentare un’offerta infrastrutturale a TIM entro il 30 novembre in base a un accordo iniziale raggiunto a maggio, ma non ha ancora ricevuto l’approvazione del governo.

Due delle fonti hanno affermato che alti funzionari del governo hanno ancora delle riserve sul piano CDP, quindi l’istituto di credito potrebbe congelare la fornitura alla rete.

L’ufficio della Meloni e la Cdp non hanno voluto commentare.

Il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, che svolge un ruolo chiave nella vendita, ha confermato martedì che il governo vuole assumere il controllo della rete TIM che è di importanza strategica, aggiungendo che un tale obiettivo può essere raggiunto “in diversi modi”.

All’inizio di questo mese, Giorgetti ha avvertito che i piani di Botti per la TIM necessitavano di un’intensa discussione all’interno del governo.

Il 28 novembre è in programma un incontro tra governo e sindacati, con l’obiettivo di discutere del futuro di TIM.

($ 1 = 0,9620 euro)

(Segnalazione di Elvira Bolena e Giuseppe Fonte; Montaggio di Lisa Schumacher e Clelia Uziel)