Agosto 7, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il primo ministro italiano Draghi dice che non rimarrà in carica se i partiti si ritirano dalla coalizione Di Reuters

© Reuters. File: Il primo ministro italiano Mario Draghi fa una dichiarazione sulla crisi ucraina a Roma, in Italia, il 24 febbraio 2022. Remo Caselli/Reuters/Pool

ROMA (Reuters) – Il premier italiano Mario Draghi ha detto giovedì che si sarebbe dimesso se la sua coalizione avesse perso il sostegno di alcuni dei suoi membri, ma ha aggiunto di essere fiducioso che il governo non sia in pericolo.

Draghi, ex capo della Banca centrale europea, guida un’ampia coalizione dal febbraio 2021, ma le tensioni tra i partiti politici sono aumentate in vista delle elezioni generali previste per la prima metà del 2023.

“Il governo non è in pericolo. Non può esistere senza il Movimento Cinque Stelle”, ha detto giovedì Draghi in conferenza stampa, riferendosi a uno dei più grandi partiti al governo che ha più volte espresso dubbi sulla politica del governo.

Draghi ha detto che non solo ritirerà le cinque stelle dal governo, ma fornirà supporto esterno per approvare la legislazione.

Il primo ministro è tornato a casa presto da un vertice della NATO mercoledì sera per presiedere una riunione di gabinetto che ha concordato ulteriori misure per affrontare la crisi energetica causata dal conflitto in Ucraina.

Il suo ritorno anticipato alla Roma è arrivato anche tra i resoconti dei media di una spaccatura tra Draghi e il leader a cinque stelle Giuseppe Conte.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio la scorsa settimana ha lasciato la categoria cinque stelle per formare un nuovo gruppo parlamentare a sostegno del governo.