Maggio 6, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il primo ministro israeliano inizia le indagini dopo la fuga precipitosa a Lag Bomer, uccidendo 45 persone

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di aprire un’indagine dopo che giovedì notte dozzine di persone sono state uccise in una fuga precipitosa in un luogo di pellegrinaggio ebraico.

Almeno 45 persone sono state schiacciate e più di 150 ferite al Festival di Lag Bomer nel nord di Israele, quando le persone sono rimaste intrappolate in una corsia sovraffollata.

Filmati scioccanti hanno mostrato corpi coperti da un foglio di alluminio che sono apparsi su entrambi i lati della strada dopo che la folla si è finalmente dispersa.

Alle famiglie di vittime identificate positivamente è stato permesso di tenere funerali durante la notte, ma ci sono ancora 13 corpi il cui destino deve ancora essere determinato ufficialmente. I tempi di Israele Rapporti.

Il primo ministro Netanyahu ha ora promesso di condurre un’indagine su uno dei “peggiori disastri” del Paese, vale a dire BBC Rapporti.

Relazionato: Decine di morti in Israele precipitano in una cerimonia religiosa

L’Hajj è stato il più grande raduno pubblico in Israele da allora Covid-19 L’epidemia è iniziata lo scorso anno.

I funzionari hanno avvertito che il sovraffollamento potrebbe portare alla diffusione del virus e che solo 10.000 persone sono state autorizzate a partecipare.

Ma l’Associated Press ha riferito che la stagione dell’Hajj di quest’anno ha attirato “decine di migliaia di persone”, con filmati prima del disastro che li mostrano cantare, ballare e accendere fuochi per festeggiare.

Le cose si sono fatte mortali quando la folla si è ingrossata, costringendo la polizia a chiudere la rampa di uscita, facendo cadere le persone nella trappola e iniziando a cadere l’una sull’altra.

READ  Una donna costretta a lasciare una spiaggia hawaiana sopra il bikini di un piccolo bersaglio

I filmati dolorosi caricati sui social media hanno mostrato una folla fitta che spingeva disperatamente attraverso “muri di ferro” per fuggire.

Tra le vittime c’erano dei bambini, che sarebbero morti per soffocamento o per essere stati investiti e schiacciati.

La festa annuale degli ebrei ultraortodossi si tiene in onore del saggio e mistico rabbino del secondo secolo, Shimon Bar Joshai, che è sepolto lì.

Un ospedale da campo è stato allestito sulla scena e il vicino Ziv Medical Center ha curato circa 150 feriti, secondo il rapporto. Il Jerusalem Post.

Continua la conversazione Incorpora un Tweet | rebekah.scanlan@news.com.au