Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Primo Ministro albanese invita Italia, Grecia e Ungheria ad aprire il balcone – EURACTIV.com

Alla cerimonia della firma dell’iniziativa balcanica aperta, il primo ministro Eddie Rama ha affermato che non stava cercando di rinnovare la Jugoslavia e che Italia, Grecia e Ungheria dovrebbero unirsi allo sforzo.

L’Open Balkan è un accordo tra Albania, Macedonia settentrionale e Serbia che facilita la libera circolazione delle persone, del commercio e dei servizi nei rispettivi paesi. Martedì i leader di ogni paese hanno firmato un totale di sei accordi in Albania.

“Al prossimo vertice vogliamo avere Italia, Grecia e Ungheria perché vogliamo che la nostra gente abbia un commercio completamente libero e meno barriere quando entrerà nell’UE. Quindi contatteremo i paesi dell’UE e creeremo con loro un processo balcanico aperto, ” disse Rama.

Rama ha anche negato le affermazioni secondo cui i leader stavano prendendo di mira la nuova Jugoslavia.

“C’è una tendenza da parte di coloro che non vogliono che questa iniziativa abbia successo. Quando dicono che è un ritorno al nostro passato o alla creazione della Jugoslavia … non c’è alcun collegamento tra i Balcani aperti e la Jugoslavia “, ha detto.

Il primo ministro della Macedonia settentrionale Joran Save ha preso il suo discorso alla cerimonia come un’opportunità per cancellare l’arresto dell’espansione dell’UE per i Balcani occidentali.

“Se l’UE fallisce, abbiamo il dovere di europeizzare la regione”, ha detto, “oggi è il mio ultimo giorno in carica”.

Dopo la sconfitta del suo partito alle elezioni locali, Zaev ha promesso di dimettersi da primo ministro, ma ha rinviato la decisione a una data precedente. Il suo commento di martedì, essendo il suo “ultimo giorno in carica”, non è stato ulteriormente chiarito durante l’evento.

READ  Ci sono stati 51 decessi per coronavirus e 4.578 nuovi casi segnalati in Italia sabato

La cerimonia della firma si è svolta il giorno dopo le proteste di Tirana, convocate dall’ex primo ministro, dall’ex presidente e dalla non personalità statunitense Sally Perisha. Opponendosi al tentativo, un gruppo di manifestanti ha bruciato la bandiera serba.

Commentando l’incidente, il presidente serbo Alexander Vui ha affermato che è inaccettabile profanare i simboli di qualsiasi Paese, ma che il governo albanese ha risposto “immediatamente, seriamente e responsabilmente”.

In una dichiarazione all’emittente statale RTS, Vucic ha affermato che è importante guardare al futuro e guardare le cose in modo razionale, aggiungendo che era comprensibile che gli albanesi fossero indignati quando le loro bandiere nazionali sono state bruciate in Serbia durante la visita di Ramer.

Durante l’incontro tra i leader, il trio ha chiesto il coinvolgimento di altri Paesi della regione, tra cui Kosovo, Montenegro e Bosnia-Erzegovina. Ad oggi, potrebbe aver influito sul loro accesso all’UE e hanno rifiutato perché la Serbia ha rifiutato di riconoscere l’indipendenza del Kosovo.

Commentando l’iniziativa, Florian Bieber, professore alla Cross University, ha affermato che l’idea di cooperazione regionale non è male, ma che non tutti i Balcani occidentali sono stati coinvolti.

“L’idea della cooperazione regionale non è male, qualsiasi tipo di cooperazione è benvenuta, ma ci sono problemi perché non tutti sono coinvolti e senza il coinvolgimento di tutti i Balcani occidentali, la cooperazione è complessa”, ha detto Bieber a TV N1 lunedì ( 20 dicembre). )

Un altro problema, secondo Bieber, è che i firmatari domineranno e non è chiaro perché ci sia una nuova struttura quando le strutture di collaborazione sono già in atto. Dubitava che i loro motivi fossero la cooperazione regionale e le relazioni di buon vicinato.

READ  L'India si unisce all'Indonesia e all'Italia nella Troika del G20

“Vediamo che stanno aumentando le tensioni nella regione attraverso le loro azioni, e non posso credere che sostengano una buona cooperazione in quel contesto. Distrae dai problemi”, ha detto Bieber. .

Ha detto che alcuni paesi dell’UE hanno bloccato i colloqui sull’adesione all’Albania e alla Macedonia settentrionale, mentre i progressi della Serbia sull’integrazione nell’UE sono stati lenti a causa della politica interna dell’attuale governo.

Parlando del prossimo vertice virtuale dei tre leader, il commissario UE per il vicinato e l’estensione Oliver Varhelyi ha osservato che Bieber non ha goduto del pieno sostegno dell’UE, chiarendo che “sta essenzialmente perseguendo una politica del (primo ministro ungherese”. No.

(Alice Taylor | Exit.al, Betabriefing.rs, EURACTIV.rs)