Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avvertito che il ritiro delle forze russe crea una situazione “disastrosa”.

ucraino Le truppe si sono mosse con cautela per riconquistare il territorio a nord della capitale del paese, usando i cavi per estrarre i cadaveri dei civili dalle strade di una città per paura che potessero russo Le truppe potrebbero averle intrappolate prima di partire.
Presidente ucraino Volodymyr Zelensky Ha avvertito nel suo discorso video notturno ore prima che le forze russe in partenza stavano creando una situazione “catastrofica” per i civili lasciando mine intorno alle case, attrezzature abbandonate e “persino i corpi dei morti”.

Le sue affermazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Soldati ucraini stanno attorno al corpo di un uomo in abiti civili, nel sobborgo di Bucha, Kiev, occupato dai russi. (AFP)

I giornalisti dell’Associated Press (AP) a Bucha, un sobborgo a nord-ovest di Kiev, hanno osservato sabato i soldati ucraini sostenuti da una colonna di carri armati e altri veicoli blindati usare i cavi per tirare i cadaveri dalla strada a distanza, temendo che potessero essere manomessi. esplodere.

I residenti locali hanno detto che i morti – l’Associated Press ne ha contati almeno sei – erano civili uccisi da soldati russi che se ne sono andati non provocati.

Queste persone stavano camminando e hanno sparato senza alcun motivo. “Bang”, ha detto un residente di Bucha, che ha rifiutato di essere nominato, citando la sua sicurezza.

“Nel quartiere, Stekolka, la situazione era peggiore. Stavano sparando senza fare domande”.

L’Ucraina e i suoi alleati occidentali hanno riportato prove crescenti del ritiro delle forze russe dalle vicinanze di Kiev e del rafforzamento della sua potenza militare nell’Ucraina orientale.

Il notevole cambiamento non significa che il paese abbia dovuto affrontare una tregua dopo più di cinque settimane di guerra o che gli oltre quattro milioni di rifugiati fuggiti dall’Ucraina torneranno presto.

Zelensky ha detto che si aspettava che le città in partenza sarebbero state colpite da razzi e missili da lontano, e la battaglia a est sarebbe stata intensa.

“Non è ancora possibile tornare alla vita normale, come una volta, anche nelle aree in cui stiamo tornando dopo i combattimenti”, ha affermato il presidente.

L’attenzione di Mosca sull’Ucraina orientale ha anche tenuto nel fuoco incrociato la città sudorientale assediata di Mariupol.

La città portuale sul Mar d’Azov si trova nella regione del Donbas, principalmente di lingua russa, dove i separatisti sostenuti dalla Russia hanno combattuto le forze ucraine per otto anni.

Gli analisti militari ritengono che il presidente russo Vladimir Putin sia determinato a prendere il controllo della regione dopo che le sue forze non sono riuscite a proteggere Kiev e altre grandi città.

Sabato, il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha pianificato di tentare di raggiungere Mariupol per evacuare i residenti dopo che l’operazione è stata sospesa venerdì quando non aveva ricevuto assicurazioni che la strada fosse sicura.

Le mine anticarro sono sparse su un ponte a Bucha, alla periferia della capitale ucraina, Kiev.
Le mine anticarro sono sparse su un ponte a Bucha, alla periferia della capitale ucraina, Kiev. (AFP)

Le autorità cittadine hanno affermato che i russi avevano negato l’accesso alla città. Fino a sabato inoltrato non si sapeva se la Croce Rossa fosse riuscita a raggiungere Mariupol.

Il consigliere di Zelensky, Oleksiy Aristovich, in un’intervista con l’avvocato e attivista russo Mark Feigen, ha affermato che Russia e Ucraina hanno raggiunto un accordo per consentire a 45 autobus di passare a Mariupol per evacuare i residenti “nei prossimi giorni”.

Sabato il consiglio comunale di Mariupol ha dichiarato che 10 autobus vuoti si stavano dirigendo a Berdyansk, una città a 84 chilometri a ovest di Mariupol, per portare le persone che sono riuscite ad arrivarci da sole.

I funzionari della città hanno detto che circa 2.000 persone sono riuscite a lasciare Mariupol venerdì, alcuni in autobus e altri con le proprie auto.

Nel frattempo, il vice primo ministro ucraino, Irina Vereshuk, ha affermato che 765 residenti di Mariupol, sabato, hanno utilizzato veicoli speciali per raggiungere Zaporizhia, una città ancora sotto il controllo ucraino e che funge da destinazione per altre evacuazioni pianificate.

Tra coloro che sono fuggiti dalla città c’era Tamila Mazurenko, che ha detto di essere fuggita da Mariupol lunedì, arrivando a Berdyansk quella notte, e poi prendendo un autobus per Zaporizhia. Mazurenko ha detto di aver aspettato l’autobus fino a venerdì, trascorrendo una notte dormendo in un campo.

“Ho solo una domanda: perché?” Ha parlato della difficile situazione della sua città.

“Vivevamo solo come persone normali. E le nostre vite normali sono state distrutte. E abbiamo perso tutto. Non ho lavoro, non riesco a trovare mio figlio”.

Mariupol, assediata dalle forze russe per più di un mese, ha subito alcuni dei peggiori attacchi della guerra, tra cui un ospedale per la maternità e un teatro che ospitava civili. Si ritiene che in città rimangano circa 100.000 persone, in calo rispetto alla popolazione prebellica di 430.000, e che debbano far fronte a una grave carenza di acqua, cibo, carburante e medicine.

La cattura della città darebbe a Mosca un ponte di terra ininterrotto dalla Russia alla Crimea, che ha sequestrato all’Ucraina nel 2014.

Volodymyr Fesenko, capo del Centro di ricerca ucraino Penta, ha affermato che anche la sua resistenza ha acquisito un significato simbolico durante l’invasione russa.

“Maripol è diventato un simbolo della resistenza ucraina e, senza la sua conquista, Putin non può sedersi al tavolo dei negoziati”, ha detto Fesenko.

Circa 500 rifugiati dall’Ucraina orientale, inclusi 99 bambini e 12 persone con disabilità, sono arrivati ​​nella città russa di Kazan in treno durante la notte.

Quando gli è stato chiesto se vede un’opportunità per tornare a casa, Artur Kirillov, residente a Mariupol, ha risposto: “È improbabile, non ci sia più una città”.

Un'auto brucia fuori da un ospedale per la maternità distrutto da un attentato a Mariupol, in Ucraina.
Un’auto brucia fuori da un ospedale per la maternità distrutto da un attentato a Mariupol, in Ucraina. (AFP)

Nei paesi e nelle città intorno a Kiev, sono apparsi ovunque segni di intensi combattimenti sulla scia della ridistribuzione russa. I veicoli corazzati distrutti di entrambi gli eserciti vengono lasciati nelle strade e nei campi con equipaggiamento militare sparso.

Le truppe ucraine erano di stanza all’ingresso dell’aeroporto Antonov nel sobborgo di Hostomel, a dimostrazione del controllo della pista che la Russia ha cercato di prendere d’assalto nei primi giorni della guerra.

All’interno del complesso, l’Almeria, una delle più grandi mai costruite, si è schiantata sotto un hangar pieno di buche dall’attacco russo di febbraio.

“I russi non potevano crearne uno simile, quindi l’hanno distrutto”, ha detto Oleksandr Merkushev, sindaco del sobborgo di Irbin a Kiev.

Erpin ha assistito ad alcune delle battaglie più feroci della guerra e Merkushev ha detto che le forze russe “hanno lasciato dietro di sé molti cadaveri, molti edifici distrutti e molti luoghi minati”.

Gli sfollati interni di Mariupol e delle città vicine arrivano a Zaporizhia, in Ucraina.
Gli sfollati interni di Mariupol e delle città vicine arrivano a Zaporizhia, in Ucraina. (AFP)

Un importante fotoreporter ucraino, scomparso il mese scorso in una zona di combattimento vicino alla capitale, è stato trovato morto venerdì nel villaggio di Huta Mezhyhirska, a nord di Kiev, ha annunciato l’ufficio del procuratore del paese.

Max Levin, 40 anni, ha lavorato come fotoreporter e videografo per molte pubblicazioni ucraine e internazionali.

L’ufficio del pubblico ministero ha attribuito la sua morte a due colpi di arma da fuoco presumibilmente sparati dall’esercito russo e ha affermato che era in corso un’indagine.

Il leader regionale Maxim Marchenko ha affermato che almeno tre missili balistici russi sono stati lanciati venerdì scorso nella regione del Mar Nero di Odessa. L’esercito ucraino ha affermato che i missili Iskander non hanno colpito l’infrastruttura critica che hanno preso di mira a Odessa, il porto più grande dell’Ucraina e quartier generale della sua flotta.

Sabato l’agenzia nucleare statale ucraina ha riferito di una serie di esplosioni che hanno ferito quattro persone nella città ucraina sudorientale di Enerhodar, che è sotto il controllo russo dall’inizio di marzo, insieme alla vicina centrale nucleare di Zaporizhia.

Il difensore civico ucraino per i diritti umani ha dichiarato su Telegram che i quattro sono rimasti gravemente ustionati quando le forze russe hanno sparato bombe luminose, sonore e mortai contro una manifestazione filo-ucraina.

Il capo della delegazione ucraina nei colloqui con la Russia ha affermato che i negoziatori di Mosca hanno accettato informalmente la maggior parte della bozza di proposta discussa durante i colloqui diretti a Istanbul questa settimana, ma non è stata fornita alcuna conferma scritta.

Un soldato ucraino guarda i soldati russi morti a Bucha, alla periferia di Kiev.
Un soldato ucraino guarda i soldati russi morti a Bucha, alla periferia di Kiev. (AFP)

Tuttavia, David Arachhamiya ha dichiarato alla TV ucraina di sperare che la bozza fosse sufficientemente sviluppata in modo che i capi di stato dei due paesi potessero incontrarsi per discuterne.

Venerdì, il Cremlino ha accusato l’Ucraina di aver lanciato un attacco in elicottero contro un deposito di carburante sul suolo russo.

L’Ucraina ha negato la responsabilità per l’esplosione infuocata avvenuta in un deposito di petrolio civile alla periferia della città di Belgorod, a circa 25 chilometri dal confine ucraino.

Maria Pavlovich piange mentre ricorda suo figlio, il soldato Roman Pavlovich, 25 anni, ucciso vicino alla città assediata di Mariupol, nella sua camera da letto, nel villaggio di Hordinia, Ucraina occidentale, venerdì 25 marzo 2022. La famiglia Pavlovich lo sa la seconda linea del fronte della guerra I russi attraversano i terreni agricoli qui nell'Ucraina occidentale, lontano dalla quotidiana resistenza contro l'invasione.  È una battaglia in salita per gli agricoltori per sfamare non solo il loro paese ma il mondo.

Le lacrime della madre durante l’attacco in corso all’Ucraina

Se l’affermazione di Mosca fosse confermata, sarebbe il primo attacco noto della guerra in cui aerei ucraini penetrarono nello spazio aereo russo.

READ  A un uomo è stata amputata una gamba in un ospedale austriaco