Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il presidente italiano insiste per una soluzione al broker Onu W. Sahara

Il presidente italiano Sergio Materella ha affermato di “sostenere sempre con forza il ruolo delle Nazioni Unite” nel trovare una soluzione al conflitto del Sahara occidentale.

Il presidente italiano Sergio Materella ha definito “equivalente” il conflitto del Sahara occidentale e l’Onu. Ha chiesto all’agenzia di “rispettare i diritti del popolo Saharawi”.

I commenti di Matterella sono arrivati ​​sabato durante una visita dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump in Algeria, un sostenitore chiave del movimento per la libertà del Fronte Polisario del Sahara occidentale, che è stato coinvolto in una feroce guerra verbale con il vicino Marocco da quando ha riconosciuto la sovranità di Rabat sul ex colonia spagnola. Alla fine dell’anno scorso.

In un’intervista con l’Algeria mujaheddin “L’Italia ha sempre sostenuto con forza il ruolo delle Nazioni Unite nella ricerca di una soluzione”, ha detto Matterella al quotidiano.

L’Organizzazione Mondiale mantiene la pace nel Sahara occidentale dal 1991, supervisionando l’ormai rotto cessate il fuoco tra Marocco e Policario e tentando di organizzare un referendum sul territorio.

“Sosteniamo il ruolo dell’Algeria e il suo impegno nel quadro delle Nazioni Unite sul Sahara occidentale”, ha aggiunto Mattarella, aggiungendo che il suo ufficio è in gran parte formale.

Trump ha riconosciuto la richiesta di sovranità del Marocco lo scorso dicembre, rompendo con anni di consenso internazionale secondo cui il futuro del Sahara occidentale dovrebbe essere deciso da un referendum guidato dalle Nazioni Unite.

Ciò ha causato grattacapi diplomatici ai paesi europei con stretti legami con il Nord Africa, in particolare Spagna e Italia.

L’Italia, il maggior consumatore di gas algerino, importa circa un terzo della produzione nordafricana.

READ  Lo storico autobus di Southampton è stato rinnovato dalla famiglia in Italia