Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il presidente cinese Xi Jinping ha affermato che la nazione deve essere più “apprezzata” e “fare amicizia”

La Cina sta progettando un importante cambio di nome per cercare di diventare un paese “simpatico” agli occhi del resto del mondo e “fare amicizia”.

I media statali cinesi hanno riferito che il presidente Xi Jinping mira a cambiare la percezione del Paese sulla scena mondiale, nonostante le critiche internazionali su una serie di questioni.

“Dobbiamo prestare attenzione a cogliere il tono, essere aperti e fiduciosi, ma anche umili e umili e sforzarci di creare un’immagine affidabile, simpatica e rispettosa della Cina”, ha detto Xi in una riunione del Partito comunista.

Il tentativo della Cina di cambiare la propria immagine arriva dopo il deterioramento delle relazioni sia con gli Stati Uniti che con l’Australia, che ha portato alla rottura delle relazioni commerciali.

Il paese è stato anche ampiamente condannato per il trattamento riservato alla popolazione musulmana uigura nelle province occidentali e per la soppressione delle libertà democratiche a Hong Kong.

Il signor Shi è stato anche citato come dicendo: “È necessario fare amicizia, unire e conquistare la maggioranza, ed espandere costantemente la cerchia degli amici (quando si tratta) dell’opinione pubblica internazionale”.

Le relazioni diplomatiche tra Australia e Cina sono tese da oltre 18 mesi dopo che il principale partner commerciale ha colpito un certo numero di aziende australiane con tariffe di importazione soffocanti.

I produttori australiani di vino, orzo e frutti di mare sono alcune delle industrie che sono state soggette a dazi.

Le sanzioni commerciali derivano in parte perché l’Australia è stata una voce di primo piano nel chiedere la creazione di una task force globale per indagare sulle origini del coronavirus, iniziata nella città cinese di Wuhan.

READ  Il caso totale di COVID-19 in India si avvicina ai 20 milioni, poiché il paese registra oltre 300.000 nuove infezioni per il 12 ° giorno.

Anche le esportazioni di carbone termico, rame e carbone temporaneo sono state colpite da sanzioni commerciali.

Nel caso del vino, il Ministero del Commercio cinese sostiene che i produttori australiani abbiano scaricato vino in Cina per scaricare il mercato e manipolare il prezzo di vendita.

Le misure antidumping sulle importazioni hanno portato a dazi fino al 200 per cento sui vini australiani.

L’Australia ha chiesto all’Organizzazione mondiale del commercio di risolvere la controversia commerciale con la Cina sui dazi sull’orzo.

Il 6 maggio, la Cina ha sospeso il dialogo economico strategico Cina-Australia, il primo blocco formale delle relazioni diplomatiche.

Resta inteso che la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma della Cina si stava vendicando per la rottura da parte del governo federale degli accordi Belt and Road tra Pechino e Victoria.

“Alcuni funzionari del governo del Commonwealth australiano hanno recentemente lanciato una serie di misure per interrompere i normali scambi e la cooperazione tra Cina e Australia a causa della mentalità della Guerra Fredda e della discriminazione ideologica”, ha affermato la Commissione in una nota.